Senza destra e sinistra (si finisce tutti a destra)

Destra e sinistra non esistono più. Alla fine, la profezia si è avverata, perlomeno nello rappresentazione mainstream della politica italiana. E aveva ragione chi diceva che sostenere che destra e sinistra fossero scomparse facesse il gioco della destra e lo fosse, addirittura, di destra.

Oggi lo rimarca Dario Nardella, renzianissmo – ma sarebbe meglio dire democraticissimo, da intendersi come esponente del Partito democratico – sindaco di Firenze.

Sindaco Nardella, oggi a Firenze comincia la Leopolda, mentre la minoranza si riunisce a Roma. Che cos’è oggi il Pd? E ancora un partito di sinistra?

«Deve essere un partito capace di parlare a tutti gli italiani, superando i vecchi paradigmi dei partiti del secolo scorso. Lo schema della contrapposizione tra destra e sinistra non è più sufficiente a leggere il nostro tempo. Dobbiamo costruire un’alternativa del tutto nuova».

Ma questo è il Partito della nazione. O il Partito del premier, se preferisce.

«Non mi appassionano i nomi. Ma la formula è quella. L’importante è che sia un partito legato alla dimensione del governo, non della lotta. Vicino ai territori, in modo da suscitare nuove forme di partecipazione. E con un leader forte».

Non è un caso che sia stato proprio un sindaco a rilasciare queste dichiarazioni. Così come non è un caso che la propaganda del Partito della nazione sia concentrata interamente nella critica all’amministrazione della città di Livorno. Non è un caso, perché le amministrative si avvicinano, e il «derby tra paura e speranza» (vedi Europee 2014) pare si stia rovesciando addosso a chi lo ha inventato, il quale non trova altra soluzione che stressarlo sempre di più, insistendo sullo schema “oltre il Partito della nazione ci sono urla e dolore e pianto”. Uno schema che contrappone le forze della “responsabilità” – che sarebbero quelle delle larghe intese vita natural durante, delle forze responsabilissime, ma della situazione politica e sociale italiana degli ultimi venti anni e più – alle forze “anti-sistema”, in un gioco il cui risultato è la conservazione e l’annullamento della spinta al cambiamento e all’uguaglianza.

Ecco perché destra e sinistra non esistono più ai piani alti della politica. Perché sono state negate nella retorica politica e nella propaganda, perché ha fatto comodo a tutti i maggiori interpreti.

Fortunatamente, ci sono un sacco di persone «che non contano, e invece contano» là fuori, e che al cambiamento e all’uguaglianza ci credono ancora. E che non si rassegnano, soprattutto.

Un’appello alla cautela, per concludere. Perché senza destra né sinistra si rischia di finire sotto, come vuole lo Stato Sociale.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati

Comments (2)

[…] dell’appassionante dibattito su “destra e sinistra che non ci sono più” che fa discutere a Firenze. Che poi uno […]

[…] dell’appassionante dibattito su “destra e sinistra che non ci sono più” che fa discutere a Firenze. Che poi uno […]

I Commenti sono chiusi.