Trivelle, una firma come Consiglio per il referendum

A Mezzogiorno e non solo

Lanciata la nostra campagna referendaria, ormai a pieni giri, vogliamo dare un segnale forte e non soltanto simbolico, affinché anche chi afferma la pericolosità ed il potenziale dannoso delle trivellazioni, riempia i moduli delle raccolte firme, con la propria.

L’ambiente e la sua tutela, per noi e per chiunque altro crede e vuole essere parte della nostra campagna referendaria, non può essere solo un peso per lo più fastidioso da relegare in fondo a programmi e pensieri, ma uno dei cardini di quel che pensiamo debba essere una politica di un Paese del ventunesimo secolo.

A pensarla allo stesso modo sembra siano i Presidenti di molte regioni interessate dal pericolo-trivelle, che si sono visti per valutare il ricorso a referendum abrogativi dell’art.35 del decreto Sviluppo e –sembra, ma non è chiarissimo- dell’art.38 del decreto “Sblocca Italia”.

I quesiti referendari su questi temi sono possibili e sono qui, pronti: sull’art.35, comma 1, della legge 134/2012 (conversione del decreto Sviluppo) e –sembra ma non è chiarissimo- dell’art.38, (in parte dei commi 1, 1bis, 5 e 6) della legge 164/2014 (conversione del decreto “Sblocca Italia”); ossia, in sintesi e rispettivamente, trivellazioni in mare e carattere strategico delle trivellazioni.

Per questi motivi, a partire dal prossimo giovedì 6 agosto dalle 9 alle 13, in un’iniziativa che potrà essere ripetuta, ci sarà una nostra presenza forte con banchetti, sit-in e ogni democratica e lecita azione percorribile a tutela dei nostri mari, nei pressi di Consigli e Giunte delle regioni interessate e minacciate più da vicino dalle trivellazioni selvagge: quelle del Centro, del Mezzogiorno e delle Isole. Offriremo ai cittadini la possibilità di fermare con una firma lo scempio ambientale annunciato; e intercetteremo Presidenti, Assessori e Consiglieri regionali mettendoli di fronte alla responsabilità delle proprie parole e manifestazioni d’intenti che dovranno tradursi in una firma per fermare i progetti che dicono di avversare. Giovedì prossimo non potranno che firmare.

Come abbiamo detto fin dall’inizio e sottolineato, i quesiti li mettiamo a disposizione qualora volessero convergere, tenuto conto della prerogativa riservata ai Consigli regionali di poter indire un referendum senza passare per la raccolta di firme, se nel numero minimo di cinque, aderendo ufficialmente e andando avanti assieme per l’obiettivo comune.

Per ora raccogliamo le loro firme. Di meno non ci accontenteremmo e non si accontenterebbero i cittadini delle loro regioni cui han promesso di dar battaglia su questi temi, con tutti i mezzi a loro disposizione.

Quello più democratico, immediato e ineludibile, per tutelare la terra (il mare) è lasciar decidere il popolo sovrano. Nel 2011 fu la volta dell’acqua, facciamo in modo che il 2016 sia quella del mare.

La firma sarà come un Consiglio per il referendum, a Mezzogiorno e non solo: dalle 9 alle 13, giovedì 6, ci vediamo a Cagliari, Campobasso, L’Aquila e Palermo, nei pressi dei Consigli regionali. Come prima tappa di una presenza che interesserà, nelle prossime settimane, anche le altre regioni: le Marche, la Puglia, la Calabria, la Basilicata.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati