Trivelle sì, trivelle no? Facciamo due conti

È un dato di fatto che molte piattaforme estrattive restino sotto le quote di franchigia. Non ci vuole un genio con Mba ad Harvard per capire che se tu compagnia energetica resti sotto franchigia non pagherai le royalty (pur basse) allo Stato.

Da Eco­no­po­ly, blog del Sole 24 Ore.

di Enri­co Ver­ga — @enricoverga

Ora, affron­tia­mo il tema fran­chi­gia. È un dato di fat­to che mol­te piat­ta­for­me estrat­ti­ve resti­no sot­to le quo­te di fran­chi­gia. Non ci vuo­le un genio con Mba ad Har­vard per capi­re che se tu com­pa­gnia ener­ge­ti­ca resti sot­to fran­chi­gia non paghe­rai le royal­ty (pur bas­se) allo Stato.

Votan­do Sì al refe­ren­dum gli ita­lia­ni otter­reb­be­ro limi­ti tem­po­ra­li per le con­ces­sio­ni defi­ni­ti (in pochi anni). Quin­di, banal­men­te, le com­pa­gnie ener­ge­ti­che dovreb­be­ro (si sup­po­ne) estrar­re più pro­dot­to pos­si­bi­le entro i ter­mi­ni pre­vi­sti. Sfon­dan­do le quo­te di fran­chi­gia e quin­di pagan­do più royal­ty. Il tut­to a van­tag­gio del­la comu­ni­tà loca­le e nazionale.

Sem­bra chia­ro (ma non voglio influen­za­re nes­su­no) che vota­re Sì andreb­be a van­tag­gio dell’Italia. Ma resta­no due temi che comun­que, nel caso si voti Sì, è dove­ro­so men­zio­na­re. Il pri­mo è squi­si­ta­men­te eco­no­mi­co pri­va­ti­sti­co. Votan­do Si pos­so­no aver luo­go due even­ti. Il pri­mo è mol­to sem­pli­ce: se obbli­ghi le azien­de a estrar­re più velo­ce­men­te i loro pia­ni eco­no­mi­ci saran­no sbal­la­ti. Secon­da cosa, da non dimen­ti­ca­re: in pra­ti­ca scat­te­rà l’obbligo di sman­tel­la­re le piat­ta­for­me non più ope­ra­ti­ve (che a leg­ge­re i dati del mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co sono un discre­to nume­ro). Que­ste piat­ta­for­me una vol­ta sman­tel­la­te non han­no valo­re com­mer­cia­le, sono sem­pli­ce­men­te obso­le­te, dei gigan­te­schi rot­ta­mi. Tut­te que­ste spe­se saran­no ascrit­te nei bilan­ci del­le socie­tà ener­ge­ti­che che si ritro­ve­ran­no, con la con­giun­tu­ra del petro­lio a prez­zi bas­si, ad ingo­ia­re un bel boc­co­ne ama­ro. Que­sto sce­na­rio spin­ge­rà le azien­de ener­ge­ti­che fos­si­li a inve­sti­re di più in Ita­lia? Non credo.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.