TDoR 2022: per non essere mai più invisibili

Elios, Maudit, Morgana, Camilla, Cloe, Sasha, Naomi, Chiara. E altre due persone, invisibili, senza neanche un nome. Sono le dieci vittime di transfobia dell’ultimo anno in Italia.

di Fran­ce­sco Codagnone

Elios, Mau­dit, Mor­ga­na, Camil­la, Cloe, Sasha, Nao­mi, Chia­ra. E altre due per­so­ne, invi­si­bi­li, sen­za nean­che un nome. Sono le die­ci vit­ti­me di tran­sfo­bia dell’ultimo anno in Italia.

In que­sti mesi ci è spes­so capi­ta­to di assi­ste­re a discus­sio­ni osce­ne sul­la pel­le del­la comu­ni­tà tran­sgen­der: uomi­ni tra­ve­sti­ti da don­ne, don­ne tra­ve­sti­te da uomi­ni, difet­to­se deri­ve del­la teo­ria di gene­re, usur­pa­to­ri e usur­pa­tri­ci del gene­re, per­so­ne con­fu­se, distur­ba­te, trau­ma­tiz­za­te, per­ver­se, irri­sol­te, peri­co­lo­se. Per­so­ne brut­te, brut­tis­si­me, che vor­re­mo tan­to non vede­re — non sap­pia­mo come com­por­tar­ci, pos­sia­mo tol­le­rar­le solo se non sap­pia­mo cosa sono in real­tà, disto­glia­mo lo sguar­do. E a furia di disto­glie­re lo sguar­do, di lascia­re que­ste per­so­ne da sole, alla peri­fe­ria socia­le, som­mes­se, in silen­zio, invi­si­bi­li, a furia di voler­le mor­te, capi­ta che poi una ne muo­re dav­ve­ro. Anzi dieci.

Elios, 15 anni, era una per­so­na non bina­ria. Ama­va leg­ge­re, soprat­tut­to la mito­lo­gia e i gran­di clas­si­ci. Elios non era accet­ta­tə dal­la madre e dal­la scuo­la. Si è but­ta­tə dal quar­to pia­no di una palaz­zi­na, l’anno scor­so, ma la noti­zia è sta­ta dif­fu­sa solo lo scor­so 17 otto­bre. Mau­dit, 29 anni, era una per­so­na agen­der. Si è tol­tə la vita il 30 mar­zo scor­so. Era unə poe­ta e si bat­te­va con­tro lo stig­ma dell’HIV, gli ste­reo­ti­pi di gene­re e per la nor­ma­liz­za­zio­ne del ciclo mestrua­le del­le per­so­ne trans*. Mor­ga­na, 41 anni, era una don­na trans* colom­bia­na, sen­za fis­sa dimo­ra. È mor­ta a Roma, nel­la not­te tra il 20 e il 21 apri­le scor­so, in mez­zo alla stra­da. È mor­ta di fred­do, sola. Accan­to a lei sono sta­ti ritro­va­ti i suoi pochi effet­ti per­so­na­li. Una don­na trans* peru­via­na di 30 anni è pre­ci­pi­ta­ta dal bal­co­ne del palaz­zo del­le poste, a Peru­gia, lo scor­so mag­gio. È mor­ta il 17 mag­gio, in ospe­da­le, dopo sei gior­ni di tera­pia inten­si­va. Non è chia­ro se si deb­ba par­la­re di sui­ci­dio o omi­ci­dio. Il suo nome non è sta­to reso noto. Camil­la, 43 anni, era una don­na trans*. Face­va la par­ruc­chie­ra. Il suo cor­po è sta­to ritro­va­to il 7 giu­gno scor­so nei pres­si del tor­ren­te Par­mi­gno­la, vici­no Sar­za­na. Era sta­ta pic­chia­ta e fuci­la­ta. La noti­zia destò cla­mo­re, soprat­tut­to per un uso osses­si­vo di misgen­de­ring e dead­na­ming da par­te del­la stam­pa. Cloe Bian­co, 58 anni, era una don­na trans*. Inse­gna­va fisi­ca alle supe­rio­ri. Nel 2015 ave­va fat­to coming out, ma ven­ne sospe­sa dall’insegnamento in segui­to a un duro com­men­to dell’allora asses­so­ra all’Istruzione del Vene­to. Si è tol­ta la vita il 10 giu­gno scor­so, nel cam­per dove abi­ta­va, sola, in iso­la­men­to. Sasha, 15 anni, era un ragaz­zo trans*. Era volon­ta­rio pres­so Arci­gay Cata­nia. L’11 giu­gno scor­so si è lan­cia­to dal sesto pia­no del palaz­zo dove abi­ta­va. Su di lui e sul­la sua mor­te non sono sta­te dif­fu­se mol­te altre infor­ma­zio­ni. La stam­pa par­lò di lui con pro­no­mi fem­mi­ni­li. Nao­mi, 47 anni, era una don­na trans*. Il 5 otto­bre scor­so è sta­ta ritro­va­ta mor­ta in una came­ra di hotel ad Ardea, in pro­vin­cia di Roma. È sta­ta sof­fo­ca­ta a mani nude duran­te un rap­por­to ses­sua­le. A sco­pri­re il cor­po sen­za vita di Nao­mi sareb­be sta­ta una sua ami­ca, pre­oc­cu­pa­ta per non aver­la sen­ti­ta per diver­si gior­ni. Era una del­le sue uni­che ami­che. Una don­na trans* bra­si­lia­na di 35 anni è sta­ta inve­sti­ta lo scor­so 15 otto­bre lun­go la tan­gen­zia­le a sud di Par­ma. L’omicida, in segui­to all’arresto, avreb­be det­to che “pen­sa­va fos­se un ani­ma­le”. Del­la don­na, la stam­pa ha dif­fu­so uni­ca­men­te il nome all’anagrafe. Chia­ra, 19 anni, era una ragaz­za trans*. Da anni era vit­ti­ma di vio­len­za, emar­gi­na­zio­ne e bul­li­smo. Già due anni fa ave­va chie­sto aiu­to al nume­ro ver­de con­tro l’omotransfobia del Gay Cen­ter. Si è tol­ta la vita il 24 otto­bre scor­so, a Napo­li, nel­la sua came­ra da let­to, men­tre la madre non era in casa.

Elios, Mau­dit, Mor­ga­na, Camil­la, Cloe, Sasha, Nao­mi, Chia­ra. E altre. Vit­ti­me di un Pae­se che ha scel­to la stra­da dell’omotransfobia affos­san­do il Dll Zan e con­sen­ten­do alla nostra clas­se poli­ti­ca, intel­let­tua­le e impren­di­to­ria­le di espri­mer­si con ter­mi­ni aper­ta­men­te miso­gi­ni e omo­tran­sfo­bi­ci sen­za alcu­na con­se­guen­za. Vit­ti­me di un Pae­se in cui i mass media, all’indomani del­le loro mor­ti, han­no ripor­ta­to le noti­zie tra misgen­de­ring e dead­na­ming, ren­den­do la loro iden­ti­tà uno scher­zo, alla stre­gua di un capric­cio, pri­van­do­le del­la digni­tà e dell’identità, anche in mor­te. Vit­ti­me di un Pae­se in cui una per­so­na trans* è costret­ta a lavo­ra­re (se può), usci­re di casa, affit­ta­re un appar­ta­men­to, viag­gia­re, vive­re con un docu­men­to su cui è ripor­ta­to un nome diver­so da quel­lo con cui è cono­sciu­tə. Vit­ti­me di un Pae­se in cui il per­cor­so di tran­si­zio­ne per una per­so­na trans* è lun­go e costo­so, fat­to di osta­co­li, umi­lia­zio­ni, resi­sten­ze, con­ti­nui con­trol­li per esse­re sicu­rə che si stia facen­do la “scel­ta giu­sta”. Vit­ti­me di un Pae­se in cui è pos­si­bi­le umi­lia­re pub­bli­ca­men­te una per­so­na trans*, met­te­re in discus­sio­ne la sua pro­fes­sio­na­li­tà e pre­pa­ra­zio­ne, chia­mar­la con i pro­no­mi sba­glia­ti e con il nome che non la rap­pre­sen­ta più — che mai l’ha rap­pre­sen­ta­ta. Vit­ti­me di un Pae­se cui alla comu­ni­tà LGBTQAI+ è nega­to il dirit­to all’autodeterminazione, all’affettività, alla geni­to­ria­li­tà, alla socia­li­tà, spes­so al lavo­ro, alla sicu­rez­za, all’assistenza, all’individualità. Alla libe­ra vita — ma non alla libe­ra morte.

Nel 2022 sono sta­te 381 le per­so­ne vit­ti­me di tran­sfo­bia in tut­to il mon­do: più di una per­so­na trans* al gior­no per­de la vita per cau­se non natu­ra­li. Nume­ri a ribas­so, per­ché di mol­tə non cono­sce­re­mo mai la sto­ria — spes­so sen­za nome, sen­za ori­gi­ni, sen­za docu­men­ti, o sem­pli­ce­men­te dimen­ti­ca­tə ai mar­gi­ni del­la socie­tà, can­cel­la­tə, se mai sono esi­sti­tə. L’Italia è al pri­mo posto in Euro­pa per vit­ti­me di tran­sfo­bia. Ne abbia­mo rac­con­ta­te die­ci. Sono mol­te di più.

Elios, Mau­dit, Mor­ga­na, Camil­la, Cloe, Sasha, Nao­mi, Chia­ra. E altre. Le loro sto­rie sono sto­rie di per­so­ne invi­si­bi­li, testi­mo­nian­ze di una poli­ti­ca e di una socie­tà che ren­de impos­si­bi­le, per le per­so­ne trans*, vive­re la pro­pria vita con digni­tà, pie­nez­za di dirit­to e liber­tà. Le loro sto­rie devo­no esse­re anche le nostre sto­rie, dob­bia­mo rac­con­tar­le oggi, in occa­sio­ne del TDoR, e tut­ti gli altri gior­ni — con rab­bia, dolo­re, il cuo­re a pez­zi, la gola in fiam­me — e non dimen­ti­car­le mai. Sono già le nostre sto­rie. Per­ché la veri­tà è che Elios, Mau­dit, Mor­ga­na, Camil­la, Cloe, Sasha, Nao­mi, Chia­ra era­no per­so­ne nor­ma­li, per usa­re un ter­mi­ne che non dovrem­mo usa­re mai. Era­no, soprat­tut­to, per­so­ne corag­gio­se, che han­no intra­pre­so il loro per­cor­so di tran­si­zio­ne in una socie­tà che le ha trat­ta­tə con quell’assenza di pie­tà che riser­via­mo alle per­so­ne brut­te e alle per­so­ne trans*. Alle per­so­ne invi­si­bi­li. Alle per­so­ne che non vor­rem­mo vede­re, se non da mor­te. E per que­sto sono mortə.

 

📷 Final­men­te Vanessa

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.