Sulla pelle degli ultimi

Non dimentico che qualcuno ha chiesto il voto per contrastare proprio Salvini, dopo aver concimato (letteralmente) l’opinione pubblica mentre era al governo e poi degustando pop-corn per vederlo all’opera.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Non so se nasce­rà un gover­no Lega — Movi­men­to 5 Stel­le. Alla luce del­le ulti­me, pre­ve­di­bi­li, affer­ma­zio­ni di Sal­vi­ni mi augu­ro di no.

I “palet­ti” di Sal­vi­ni, in tut­te le inter­vi­ste, sono mano libe­ra per la Lega sul­l’im­mi­gra­zio­ne e una nuo­va leg­ge sul­la dife­sa domi­ci­lia­re, cioè a dire l’en­ne­si­mo ten­ta­ti­vo di libe­ra­liz­za­re l’o­mi­ci­dio fra le mura dome­sti­che.

Sono pro­po­ste che cado­no in un ter­re­no pur­trop­po reso fer­ti­le, sull’immi­gra­zio­ne, dal­le ester­na­zio­ni dell’allora pre­si­den­te del con­si­glio Ren­zi, che invi­ta­va a usci­re «dal­la logi­ca buo­ni­sta e ter­zo­mon­di­sta per cui noi abbia­mo il dove­re di acco­glie­re tut­ti quel­li che stan­no peg­gio di noi»,  come se que­sta fos­se la situa­zio­ne rea­le e non la nar­ra­zio­ne fascio­le­ghi­sta, ma soprat­tut­to dal­la con­se­guen­te azio­ne di gover­no del mini­stro Min­ni­ti e dei suoi inno­mi­na­bi­li accor­di con la Libia (o meglio, con qual­cu­no poco rac­co­man­da­bi­le in Libia), con­dan­na­ti da tut­te le orga­niz­za­zio­ni uma­ni­ta­rie, e infi­ne dal pale­se con­tra­sto al sal­va­tag­gio dei nau­fra­ghi ope­ra­to nei con­fron­ti del­le ONG.

Ma anche sul ver­san­te del­la legit­ti­ma dife­sa i demo­cra­ti­ci, con la con­fu­sio­na­ria pro­po­sta di leg­ge Ermi­ni, sban­die­ra­ta media­ti­ca­men­te e are­na­ta in Sena­to, han­no sdo­ga­na­to il con­cet­to che la nor­ma­ti­va vigen­te non sia suf­fi­cien­te, quan­do inve­ce lo è.

E quan­do vie­ne sdo­ga­na­to un con­cet­to, quan­do qua­si tut­to l’arco par­la­men­ta­re è d’accordo sull’esistenza di un pro­ble­ma e che la solu­zio­ne è la modi­fi­ca di una nor­ma, anche se non è vero, e l’opinione pub­bli­ca per­ce­pi­sce que­sto ane­li­to qua­si uni­ta­rio, allo­ra la modi­fi­ca di quel­la nor­ma diven­ta cul­tu­ral­men­te accet­ta­bi­le, e chi dirà di no sarà addi­ta­to come oppo­si­to­re stru­men­ta­le.

Per­ché fun­zio­na così, anche se la scri­ve­ran­no i leghi­sti, quel­li per cui “la dife­sa è sem­pre legit­ti­ma”, ma solo se chi spa­ra è ita­lia­no e chi muo­re no.

Resi­sto alla ten­ta­zio­ne giu­ri­di­co-antro­po­lo­gi­ca di vede­re come risol­ve­ran­no que­sta con­trad­di­zio­ne, pre­fe­ri­rei non acca­des­se. Ma non dimen­ti­co che qual­cu­no ha chie­sto il voto per con­tra­sta­re pro­prio Sal­vi­ni, dopo aver con­ci­ma­to (let­te­ral­men­te) l’opinione pub­bli­ca men­tre era al gover­no e poi degu­stan­do pop-corn per veder­lo all’opera.

Sul­la pel­le degli ultimi.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.