Il sindacato dei benestanti (o, se preferite, dei ricchi)

La dura lotta di Renzi Berlusconi e Grillo per difendere chi ha di più.
#

Renzi e Berlusconi (ma anche Grillo sarebbe d’accordo) si sono subito precipitati a difendere i più benestanti (se preferite, i più ricchi) contro l’Europa cattiva che dice la cosa più ovvia: dovreste far pagare la tassa sulla casa ai ceti più abbienti.

Un sindacato benestanti, con Briatore da mandare in tv a spiegare quanto costa mantenere un castello, com’è già capito parecchie volte.

E invece sarebbe giusto introdurre la tassa sulla casa per chi se la può permettere, proprio per aiutare chi non se la può permettere. Una tassa che c’è più o meno dappertutto e che dovrebbe rimanere perché le tasse da togliere sono comunque altre: come sono altre cose tipo il debito o gli investimenti da fare.

Quando Renzi disse che si toglieva la tassa sulla prima casa, riscoprendo un altro successo berlusconiano, nel Pd nessuno disse nulla. Personalmente commentai: quei soldi diamoli alla scuola, all’università e alla ricerca.

E non ho cambiato idea: la prima casa (per la porzione più agiata della popolazione, perché i redditi medi e bassi non la pagherebbero) dovrebbe servire a finanziare la prima cosa.

E la prima cosa è il diritto allo studio (per arrivare allo standard della Germania servono 800 milioni di euro), perché oltre alla casa ci sia anche l’ascensore (sociale).

Così come la successione, attualmente a mezzo miliardo, potrebbe arrivare a un miliardo e mezzo, solo per la quota più agiata della popolazione, anche in questo caso: e quel miliardo potrebbe servire a chi viene dopo, non solo ai figli di chi sta bene ma, in una percentuale piccola per chi sta molto bene.

Una percentuale piccola, appunto, che messa a disposizione di tutti potrebbe fare stare meglio tutti, anche i benestanti, che poi escono di casa anche loro (consiglio sempre di leggere e di rileggere La misura dell’anima, un libro che farebbe molto bene a tutti quanti).

Insieme a una riforma del catasto, a invarianza di gettito, perché sia una tassa più giusta e non sperequativa (anche su questo i vari tipi di destra si sono scatenati, per lasciare tutto così com’è).

A ciò, da ultimo, bisogna tornare a una tassazione più progressiva perché quelli da Civati (incluso) in su paghino di più, e meno quelli da Civati (escluso) in giù. Senza bonus, ma con scelte strutturali da perseguire e da mantenere per un tempo sufficiente a creare le condizioni per un nuovo patto repubblicano. Altrimenti, se non lo avete capito, salta tutto.

Facendo in modo che l’80% dei contribuenti paghi meno tasse e l’1% più ricco contribuisca in misura maggiore. Sempre che vogliamo ridurre le disuguaglianze.

Ed ecco che magicamente torna il discrimine tra la destra e la sinistra: che non riguarda la velocità o la novità, ma l’uguaglianza. E la responsabilità verso i molti, non per pochi.

  • 2
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati