Siamo in guerra (ma non lo diciamo)

Sembra strano, ma nessuno lo dice con chiarezza. Siamo in guerra. Alleati con gli Stati Uniti, contro l'Isis in Libia, a 300 km dalle nostre coste. Siamo in guerra a seguito di una dichiarazione unilaterale, arrivata direttamente dalla Casa Bianca.

Sem­bra stra­no, ma nes­su­no lo dice con chia­rez­za. Sia­mo in guer­ra. Allea­ti con gli Sta­ti Uni­ti, con­tro l’I­sis in Libia, a 300 km dal­le nostre coste. Sia­mo in guer­ra a segui­to di una dichia­ra­zio­ne uni­la­te­ra­le, arri­va­ta diret­ta­men­te dal­la Casa Bian­ca. Abbia­mo dato tota­le dispo­ni­bi­li­tà del­la base di Sigo­nel­la, tra una set­ti­ma­na par­ti­rà l’o­pe­ra­zio­ne con­giun­ta Italia/Stati Uni­ti con­tro la Libia del­l’I­sis. Si par­la anche di un pos­si­bi­le inter­ven­to di ter­ra. E’ mol­to stra­no: il Gover­no Ren­zi ave­va dichia­ra­to di non ave­re fret­ta di inter­ve­ni­re, che avreb­be segui­to la linea del­la pru­den­za. Ma, a segui­to del­le deci­sio­ni ame­ri­ca­ne, non abbia­mo evi­den­te­men­te auto­no­ma capa­ci­tà deci­sio­na­le e seguia­mo a pan­cia piat­ta il nostro “allea­to”.

La nostra posi­zio­ne geo­po­li­ti­ca è però mol­to diver­sa da quel­la degli USA: que­sta scel­ta potreb­be espor­ci ad attac­chi ter­ro­ri­sti­ci da cui fino­ra sia­mo sta­ti rispar­mia­ti. Sia­mo in pri­mis­si­ma linea, noi.
Ma non ser­vi­reb­be un’au­to­riz­za­zio­ne del Par­la­men­to per entra­re in guer­ra? Una guer­ra che, per noi, potreb­be rap­pre­sen­ta­re un peri­co­lo mol­to serio, data la nostra vici­nan­za geografica.
For­se il pre­mier ha modi­fi­ca­to anche quel­la nor­ma­ti­va, e non occor­re più che lui (non elet­to) rispon­da davan­ti al Par­la­men­to (elet­to) pri­ma di por­ta­re il pae­se in guerra? 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.