Rosatellum, oltre la ‘sfiducia’ un nuovo inizio

La brut­ta pagi­na di ieri, con l’inde­gna fidu­cia su una leg­ge elet­to­ra­le pes­si­ma, è tan­to una fine quan­to un inizio.
Il Rosa­tel­lum è infat­ti il degno lasci­to di que­sta legi­sla­tu­ra, che sarà pro­ba­bil­men­te ricor­da­ta come una del­le peg­gio­ri del­la sto­ria repub­bli­ca­na, segna­ta dal tra­sfor­mi­smo al ser­vi­zio di gover­ni frut­to del­le peg­gio­ri pastet­te e capa­ci solo di pro­dur­re rifor­me fal­li­men­ta­ri, boc­cia­te dal­la con­sul­ta e dai cit­ta­di­ni, a cui han­no ten­ta­to di ripa­ra­re con man­ce elet­to­ra­li e rega­lie di ogni tipo alle pic­co­le e gran­di con­sor­te­rie che sono la vera costi­tuen­cy del par­ti­to tra­sver­sa­le del pote­re ad ogni costo.

Come ha già det­to Giu­sep­pe Civa­ti a pochi minu­ti dall’approvazione di que­sta enne­si­ma leg­ge elet­to­ra­le al ser­vi­zio del­le segre­te­rie di par­ti­to, però, non è que­sto il momen­to di far­si pren­de­re dal­lo scon­for­to. La nostra legit­ti­ma e furen­te indi­gna­zio­ne deve tro­va­re uno sboc­co posi­ti­vo, poli­ti­co, uti­le al pae­se.

E allo­ra non è tan­to sul­la fidu­cia mise­ra­bi­le otte­nu­ta da un gover­no di mino­ran­za che cer­ca di sal­va­re il sal­va­bi­le taglian­do­si un brac­cio pur di libe­rar­si dal cep­po a cui si è lui stes­so inca­te­na­to, che dob­bia­mo guar­da­re, ma piut­to­sto a chi a tut­to que­sto si è oppo­sto, dan­do voce ai mol­tis­si­mi che fuo­ri dal palaz­zo guar­da­va­no con sgo­men­to a que­sta enne­si­ma for­za­tu­ra del­le più bana­li rego­le demo­cra­ti­che.

I media gover­ni­sti, cioè qua­si tut­ti, si con­cen­tre­ran­no sul con­sue­to tea­tri­no del­la set­tan­ti­na di fran­chi tira­to­ri che ieri han­no det­to no coper­ti dal voto segre­to, o si con­cen­tre­ran­no uni­ca­men­te sull’ottan­ti­na di par­la­men­ta­ri 5 stel­le che han­no arrin­ga­to la piaz­za davan­ti a Mon­te­ci­to­rio, fomen­ta­ti e incre­du­li loro stes­si per l’enor­me rega­lo che Ren­zi e Gen­ti­lo­ni han­no fat­to loro, supe­ra­to solo da quel­lo fat­to a Sal­vi­ni e alla Lega.

Noi, inve­ce, vi invi­tia­mo a guar­da­re dall’altro lato dell’emiciclo, a quel­la ses­san­ti­na di depu­ta­ti del­la sini­stra, che uni­ta­men­te e con­vin­ta­men­te han­no det­to un ine­qui­vo­ca­bi­le e defi­ni­ti­vo no alle poli­ti­che di que­sta fu-mag­gio­ran­za che è impos­si­bi­le col­lo­ca­re poli­ti­ca­men­te per­ché capa­ce di tut­to ciò che cre­de le per­met­ta di tene­re anco­ra per un cen­ti­me­tro il naso fuo­ri dall’acqua che ormai vede entra­re copio­sa dal­le mol­tis­si­me fal­le del­le sue tan­to sban­die­ra­te quan­to fal­li­men­ta­ri rifor­me.

Guar­dia­mo quin­di a quel­la sini­stra che ieri ha inau­gu­ra­to un nuo­vo cam­mi­no, e chie­dia­mo­le che i pros­si­mi pas­si sia­no anco­ra più deci­si e soprat­tut­to mol­to più velo­ci, per­ché da ieri è anco­ra più evi­den­te che in que­sto e nel pros­si­mo par­la­men­to ci sarà più che mai biso­gno di loro e dei mol­ti altri che voglia­mo si aggiun­ga­no a loro. Già ora non sia­mo mol­ti meno di quel­lo che è con­si­de­ra­to il prin­ci­pa­le grup­po di oppo­si­zio­ne in par­la­men­to. Già oggi i son­dag­gi ci dan­no a nume­ri non mol­to dis­si­mi­li da quel­li che pro­fe­tiz­za­va­no alla vigi­lia del voto del 2013 per i 5 stel­le. Abbia­mo già visto que­sto film, con un por­cel­lum che non era cer­to una leg­ge miglio­re di questa.
Met­tia­mo­ci al lavo­ro subi­to, per rega­la­re anche que­sta vol­ta un fina­le a sor­pre­sa al par­ti­to tra­sver­sa­le del Rosa­tel­lum, ma soprat­tut­to per dare una voce e una spe­ran­za al pae­se.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.