Roma, Brancaleone: no alla chiusura di ogni spazio indipendente e aggregativo

Sotto un albero di Natale triste, la città di Roma trova un brutto regalo per la comunità culturale, che si vede privata del Brancaleone: uno spazio indipendente e aggregativo.

Dopo i casi del Rialto, del DalVerme, del Corto Circuito e di altre realtà simili, la lenta ma apparentemente inesorabile eliminazione di ogni spazio aggregativo – recuperato dall’oblio e dall’abbandono e rimesso a disposizione delle pulsioni culturali e spinte sociali della città – porterà a non avere più alcun dove in cui promuovere cultura, fare rete fuori dalla Rete e dentro la città. Possibile non perde di vista il faro della legalità, ma a Roma si sta facendo buio, e al buio si fa fatica a trovare una visione.

Auspichiamo che la Sindaca e il Consiglio Comunale corrano ai ripari e la smettano di lasciare alla mercé delle forze dell’ordine i luoghi dell’associazionismo, dell’aggregazione.
Inoltre auspichiamo che l’Assessore alla Cultura faccia urgentemente chiarezza su come si stia muovendo l’amministrazione per la ridefinizione e per la valorizzazione di questi beni comuni in cui si ritrova l’anima pulsante di una città intera che, purtroppo, pulsa sempre meno a ogni colpo al cuore come questo.

Al netto della tutela di legge, la comunità di Possibile pensa che la burocrazia non debba seppellire l’humus della Capitale del nostro Paese. Autorità e amministrazione sono tenute a fare di più: non possono limitarsi a sottrarre spazi e spegnere luci. Questi spazi devono essere restituiti a chi sa e può tenerli in vita, vanno tutelati e valorizzati per la loro grande rilevanza sociale, indirizzando la comunità verso l’autorecupero – non solo legale ma vitale – degli spazi aggregativi, e non limitarsi alla chiusura, in tutti i sensi, di tutti gli spazi.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati