Il referendum britannico sull’UE ha già perso

La sensazione è quindi che si abbia già perso tutti. Hanno perso coloro che volevano chiedersi, e chiedere, se l’Europa non sia qualcosa di più che un modo per governi o imprese di fare qualche soldo aggiuntivo, se non sia un ideale culturale che rispecchia i sacrifici dei nostri avi e la voglia di costruire un mondo con meno muri e confini, perché consci che le grandi sfide, come quella dell’inquinamento e delle diseguaglianze, sono sfide globali.

Il 3 Giu­gno 2016 turi­sti e lon­di­ne­si han­no visto una Tra­fal­gar squa­re par­ti­co­la­re: 1000 paro­le in ges­so bian­chis­si­mo la ren­de­va­no diver­sa dal soli­to. Pro­ve­nien­ti da un volan­ti­no anti-EU inti­to­la­to “Why Vote Lea­ve” e tra­scrit­te, sem­bra, da un sen­za­tet­to fir­ma­to­si “Ken­ny from Sco­tland”, era­no e sono la con­fer­ma che que­sto refe­ren­dum è una cosa seria e che la voglia di “lascia­re” qui non è poca, anche nel­la cit­tà che para­dos­sal­men­te è capi­ta­le euro­pea per eccellenza.

brexit

Per quan­to incre­di­bi­le, il mura­les sem­bre­reb­be aver sve­glia­to anche il Labour Par­ty, che sull’argomento ave­va tenu­to a lun­go una posi­zio­ne uffi­cia­le non chia­ra, qua­si a voler pro­va­re la stra­te­gia del “par­lia­mo­ne poco per non far­la diven­ta­re una que­stio­ne impor­tan­te”, stra­te­gia fal­li­ta in manie­ra net­ta di fron­te ad un Fara­ge (lea­der dell’UKIP), pron­to ad andar­se­ne in giro in gom­mo­ne anti-EU per il Tami­gi e a pro­dur­re car­tel­lo­ni raz­zi­sti e offen­si­vi come il recen­te “Brea­king Point”, in cui offen­de i rifu­gia­ti Siria­ni. È quin­di arri­va­to, a meno di un mese dal voto, l’endorsement uffi­cia­le al voto “#Remain” di Cor­bin, lea­der labou­ri­sta, ma per qua­li ragioni?

La real­tà è che il dibat­ti­to è par­ti­to e fini­to sui “know the fac­ts” di natu­ra eco­no­mi­ca, con l’opuscolo reca­pi­ta­to dal gover­no con­ser­va­to­re di Came­ron (favo­re­vo­le a resta­re in UE) in ogni casa a spie­ga­re, ad esem­pio, quan­ti milio­ni all’an­no il mer­ca­to comu­ne euro­peo fa gua­da­gna­re alle azien­de bri­tan­ni­che. Dall’altro lato, una rete di ban­chet­ti bene orga­niz­za­ta (i finan­zia­to­ri del­la Bre­xit paio­no non ave­re le tasche trop­po vuo­te) a spie­ga­re che il Regno Uni­to paga all’UE mol­to più di quan­to rice­ve. «L’UE ci aiu­ta a man­te­ne­re la pace? Mac­chè, quel ruo­lo lo svol­ge la NATO!». La per­la è l’attacco alla misu­ra otte­nu­ta da Came­ron in sede UE che per­met­te, in bar­ba alle attua­li rego­le euro­pee, di non paga­re sus­si­di gover­na­ti­vi come quel­lo di disoc­cu­pa­zio­ne ai cit­ta­di­ni euro­pei legal­men­te resi­den­ti fino a 5 anni con­ti­nua­ti­vi: i volan­ti­ni pro Bre­xit la bol­la­no come inu­ti­le in quan­to “il Con­si­glio euro­peo la boc­ce­rà”. Oltre al dan­no, la beffa.

La sen­sa­zio­ne è quin­di che si abbia già per­so tut­ti. Han­no per­so tut­ti gli immi­gra­ti euro­pei che da anni vivo­no qui ma che non han­no dirit­to di voto, dirit­to che inve­ce han­no, oltre ai Bri­tan­ni­ci e agli Irlan­de­si, i Mal­te­si e i Ciprio­ti insie­me a tut­ti gli altri resi­den­ti UK di pae­si del Com­mo­n­wealth. Han­no per­so colo­ro che vole­va­no chie­der­si, e chie­de­re, se l’Europa non sia qual­co­sa di più che un modo per gover­ni o impre­se di fare qual­che sol­do aggiun­ti­vo, se non sia un idea­le cul­tu­ra­le che rispec­chia i sacri­fi­ci dei nostri avi e la voglia di costrui­re un mon­do con meno muri e con­fi­ni, per­ché con­sci che le gran­di sfi­de, come quel­la dell’inquinamento e del­le dise­gua­glian­ze, sono sfi­de glo­ba­li. E han­no per­so quel­li che vole­va­no instau­ra­re un dibat­ti­to vero su qua­le “altra Euro­pa” costrui­re, sul deci­de­re qua­li rifor­me i poli­ti­ci Bri­tan­ni­ci avreb­be­ro dovu­to anda­re a richie­de­re con for­za nel­le sedi euro­pee, inve­ce di get­ta­re la spu­gna andan­do­se­ne. Nel frat­tem­po si è crea­to un cli­ma di ten­sio­ne e di odio cre­scen­te, cul­mi­na­to nel­lo scon­vol­gen­te assas­si­nio del­la par­la­men­ta­re labu­ri­sta Jo Cox.

Ripen­san­do a que­sti ulti­mi mesi, è la cam­pa­gna “#Remain” a esser sta­ta par­ti­co­lar­men­te debo­le: trop­po spes­so solo impe­gna­ta a smon­ta­re i nume­ri del fron­te #Lea­ve su costi-bene­fi­ci dell’UE, o a far mon­tar la pau­ra di una reces­sio­ne nel caso dell’uscita. Di fron­te al poco corag­gio dei par­ti­ti vin­ce la pro­pa­gan­da spic­cia e per­do­no tut­ti: sia­mo sicu­ri che in tut­to que­sto ci sia una lezio­ne che noi in pri­mis non pos­sia­mo far­ci sfug­gi­re. L’unica rispo­sta a raz­zi­smi e popu­li­smi euro­pei è bat­ter­si per la cen­tra­li­tà dell’Europa nel dibat­ti­to poli­ti­co (e non solo elet­to­ra­le), riven­di­can­do la pro­fon­da neces­si­tà di cam­bia­men­to che per­met­ta all’UE di offri­re solu­zio­ni cre­di­bi­li alle que­stio­ni glo­ba­li e risol­ve­re le sue con­trad­di­zio­ni più gran­di. Per que­sto è impor­tan­te che vener­dì l’Unione Euro­pea e il Regno Uni­to non si risve­gli­no entram­be inde­bo­li­te dal Bre­xit. Nel frat­tem­po, con­so­lia­mo­ci con un po’ con chi la pro­pa­gan­da si è diver­ti­to a sov­ver­tir­la.

Il comi­ta­to Lon­di­ne­se “Syl­via Pankhurst”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.