Quei ponti che stanno crollando, ma che che sono alla base della nostra umanità

Moha­med Nour Dachan è pre­si­den­te ono­ra­rio dell’Unione del­le Comu­ni­tà Isla­mi­che di Ita­lia e ieri a Geno­va, al fune­ra­le del­le vit­ti­me del crol­lo del pon­te Moran­di, si è reso pro­ta­go­ni­sta di uno dei più bei discor­si ascol­ta­ti in que­sti gior­ni di dolo­re, pole­mi­che e livore.

Ha par­la­to di pon­ti, Dachan. Pon­ti che, fisi­ci o meta­fo­ri­ci che sia­no, quan­do crol­la­no por­ta­no con se’ gran­di dolo­ri. Sono due pun­ti che non si toc­ca­no più che por­ta­no via la vita di tan­te per­so­ne, segnan­do una per­di­ta gra­ve per l’umanità intera.

E ha par­la­to di pon­ti che uni­sco­no, quel­li che, dell’umanità inte­ra, sono la base. Ha ini­zia­to par­lan­do “nel nome di un uni­co Dio” e ha con­clu­so con l’augurio che “il Signo­re pro­teg­ga l’Italia e gli Italiani”.

Nien­te distin­zio­ni, nien­te “noi” e “voi”, ma un’unica uma­ni­tà.

Cono­sco per­so­nal­men­te il Pre­si­den­te Dachan e non è reto­ri­ca, la sua.

Lo conob­bi per­ché fu la pri­ma auto­ri­tà reli­gio­sa ad acco­glie­re l’appello di Max Fanel­li per un con­fron­to tra lai­ci e reli­gio­si sul tema del fine vita. Fu il pri­mo reli­gio­so a foto­gra­far­si con la car­to­li­na a soste­gno del­la cam­pa­gna Io Sto Con Max, per l’autodeterminazione dei mala­ti terminali.

Dachan è un auten­ti­co uomo di pace, un vero costrut­to­re di pon­ti. Non c’è festi­vi­tà cri­stia­na in cui non mi arri­vi­no i suoi augu­ri (l’ultimo mes­sag­gio mi è arri­va­to pochi gior­ni fa per Fer­ra­go­sto). Non c’è ini­zio e fine Rama­dan in cui non mi arri­vi il suo invi­to a par­te­ci­pa­re alle cele­bra­zio­ni. Non è edu­ca­zio­ne. Par­te­ci­pa­re al gior­no di festa è un’occasione impor­tan­te per uni­re, per ren­der­si par­te­ci­pi gli uni del­la feli­ci­tà degli altri. Per con­di­vi­de­re la gio­ia e abbat­te­re le bar­rie­re del­le dif­fe­ren­ze. Occa­sio­ni che Dachan col­ti­va quotidianamente.

Qual­che mese fa mi ha gui­da­to nel­la Moschea di Anco­na, un vener­dì, gior­no di pre­ghie­ra e di lezioni.

Quel­la Moschea che ci fa tan­to pau­ra, dove imma­gi­nia­mo ovun­que nascon­di­gli di ter­ro­ri­sti pron­ti a stu­dia­re pia­ni di ster­mi­nio del­la civil­tà occi­den­ta­le, non solo è luo­go di pre­ghie­ra, ma è anche luo­go di costru­zio­ne di pace. Si dibat­te, nel­la Moschea gui­da­ta da Dachan. Si dibat­te tra musul­ma­ni che pro­ven­go­no da Pae­si diver­si che a loro vol­ta han­no espe­rien­ze, carat­te­ri e visio­ni diver­se. Si dibat­te e si modera.

E si inse­gna la cit­ta­di­nan­za, nel­la moschea. C’è un avvo­ca­to che offre la sua con­su­len­za, per spie­ga­re le leg­gi Ita­lia­ne, medi­ci che inse­gna­no le nor­me sani­ta­rie, docen­ti che inse­gna­no la lin­gua ita­lia­na e mate­rie sco­la­sti­che. E ci si con­fron­ta con per­so­ne ester­ne alla loro comu­ni­tà. Come nel mio caso. Mi han­no accol­ta con mol­ta ospi­ta­li­tà, non mi han­no chie­sto di indos­sa­re il velo, mi han­no fat­to sen­ti­re a casa. Così come, con altret­tan­to rispet­to e cor­dia­li­tà, ho visto pre­sen­tar­si e esse­re accol­ta la Digos, che pun­tual­men­te deve con­trol­la­re che non ci sia­no peri­co­li per la sicu­rez­za del Paese.

Nel­la Moschea abbia­mo par­la­to di poli­ti­ca, di lavo­ro, di inte­gra­zio­ne. E di pace, la paro­la usa­ta di più. C’erano per­so­ne scap­pa­te da Gaza, dal­la guer­ra nei Bal­ca­ni, dal­la Siria, dal­la Libia. Par­la­re di pace con chi è scap­pa­to dal­la guer­ra assu­me tut­to un altro signi­fi­ca­to e impor­tan­za. La pace è una con­qui­sta per la soprav­vi­ven­za, non solo un prin­ci­pio. E’ qual­co­sa di male­det­ta­men­te con­cre­to che va ali­men­ta­to gesto dopo gesto, a par­ti­re dal­le paro­le che si usa­no e non deve mai esse­re data per scon­ta­ta. Que­sto mi han­no insegnato.

Ma Dachan è anche costrut­to­re di pace nel­la sua fami­glia e nel­la sua ter­ra, la Siria.

La figlia, Asmae, è una bra­vis­si­ma gior­na­li­sta, ha scrit­to otti­mi repor­ta­ge dal­la Siria su Pano­ra­ma e si può ascol­ta­re in giro in mol­tis­si­me con­fe­ren­ze. E’ gra­zie al suo blog che ho cono­sciu­to il dram­ma Siria­no. Era il secon­do anno di guer­ra, nes­su­no ne par­la­va. Comin­ciai per caso a leg­ge­re il suo Dia­rio di Siria, in cui ave­va deci­so di rac­con­ta­re la guer­ra sot­to un altro pun­to di vista, di rac­con­tar­la guar­dan­do­la con gli occhi dei bam­bi­ni. Non pote­vo cre­de­re che nes­su­no si accor­ges­se di quel­lo che sta­va suc­ce­den­do, che nes­su­no ne par­las­se. Ero arri­va­ta per­si­no a cre­de­re che fos­se­ro inven­zio­ni sul web, quan­do sco­prii che Asmae vive­va a pochi chi­lo­me­tri da casa mia e ebbi occa­sio­ne di incon­trar­la e ascol­ta­re dal­la sua voce i suoi ter­ri­bi­li rac­con­ti. Non solo era tut­to vero, ma la real­tà era anco­ra peg­gio­re di quan­to non si potes­se pub­bli­ca­re. Poi con il tem­po anche i gior­na­li accor­se­ro del­la Siria e in tan­ti ini­ziam­mo a chie­der­ci come poter dare una mano.

E così conob­bi ONSUR, Cam­pa­gna Mon­dia­le di Soste­gno al Popo­lo Siria­no. Il Pre­si­den­te, è Amer Dachan, fra­tel­lo di Asmae, che perio­di­ca­men­te por­ta per­so­nal­men­te aiu­ti in Siria.

Gra­zie a Pos­si­bi­le avviam­mo una rac­col­ta fon­di e nel giro di pochis­si­mo tem­po riu­scim­mo ad acqui­sta­re un’ambulanza e cen­ti­na­ia di pac­chi ali­men­ta­ri che ven­ne­ro con­se­gna­ti a stret­to giro diret­ta­men­te in Siria

Con Amer ci con­fron­tia­mo spes­so sul­la situa­zio­ne poli­ti­ca e sul­la neces­si­tà di col­la­bo­ra­re insie­me per la costru­zio­ne di un Pae­se più acco­glien­te e giu­sto e ci sia­mo ripro­mes­si, quan­do le con­di­zio­ni lo con­sen­ti­ran­no, di par­ti­re insie­me per por­ta­re aiu­ti al con­fi­ne con la Siria.

Asmae con­ti­nua a rac­con­ta­re e a docu­men­ta­re il dram­ma siria­no affin­chè, non cali mai il silenzio.

Dachan padre non man­ca mai a nes­su­na occa­sio­ne pub­bli­ca o pri­va­ta in cui si pos­so­no tes­se­re fili di fratellanza.

Per costrui­re quei pon­ti che quan­do crol­la­no, meta­fo­ri­ci o rea­li che sia­no, por­ta­no con se’ gran­di dolo­ri e per­di­te. Quei pon­ti che stan­no crol­lan­do, ma che che sono alla base del­la nostra uma­ni­tà.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.