Quando un uomo con la ruspa incontra un uomo con i dati

Il dato che fa tanto ridere Salvini e soci sarebbe quello secondo il quale gli immigrati contribuirebbero al PIL italiano in proporzione maggiore rispetto alla loro presenza in Italia. E, guardate un po', è davvero così!

Ieri sera, duran­te il pro­gram­ma tele­vi­si­vo Virus, su Rai 2, i dati ripor­ta­ti da Giu­sep­pe Civa­ti riguar­do l’ac­co­glien­za han­no susci­ta­to, da una par­te, l’i­la­ri­tà e il cat­ti­vi­smo di Mat­teo Sal­vi­ni (e segua­ci) e, dal­l’al­tra par­te, l’in­ca­pa­ci­tà dei gior­na­li­sti pre­sen­ti di “accer­ta­re” la bon­tà dei dati.

Il dato che fa tan­to ride­re sareb­be quel­lo secon­do il qua­le gli immi­gra­ti con­tri­bui­reb­be­ro al PIL ita­lia­no in pro­por­zio­ne mag­gio­re rispet­to alla loro pre­sen­za in Ita­lia. E, guar­da­te un po’, è dav­ve­ro così!

Schermata 2016-03-18 alle 09.10.54

Le ragio­ni sono intui­ti­ve: i migran­ti sono media­men­te più gio­va­ni degli ita­lia­ni e mol­ti si tro­va­no in età lavo­ra­ti­va. Una con­di­zio­ne che com­por­ta, inol­tre, mino­ri spe­se in ter­mi­ni di wel­fa­re.

A con­fer­mar­lo ci sono diver­se fonti.

Secon­do il dos­sier Cari­tas-Migran­tes (2014), i 4,9 milio­ni di stra­nie­ri pre­sen­ti in Ita­lia — pari all’8,1% del­la popo­la­zio­ne — con­tri­bui­sco­no per l’8,8% al PIL ita­lia­no. 8,1% con­tro 8,8%.

Secon­do il Rap­por­to annua­le sul­l’e­co­no­mia del­l’im­mi­gra­zio­ne pre­sen­ta­to dal­la Fon­da­zio­ne Leo­ne Mores­sa (2015), i 5 milio­ni di stra­nie­ri pre­sen­ti in Ita­lia (8,2%) con­tri­bui­sco­no per l’8,6% al PIL ita­lia­no. 8,2% con­tro 8,6%.

Una rie­la­bo­ra­zio­ne del­la Fon­da­zio­ne Leo­ne Mores­sa, fat­ta su dati del Mini­ste­ro del­le Finan­ze e del­l’I­STAT e con­te­nu­ta nel Rap­por­to sull’accoglienza di migran­ti e rifu­gia­ti in Ita­lia, a cura del Mini­ste­ro del­l’In­ter­no, sin­te­tiz­za così:

Schermata 2016-03-18 alle 08.46.18

Il sal­do tra entra­te e usci­te rela­ti­ve agli stra­nie­ri è, per le cas­se del­lo Sta­to, in atti­vo di cir­ca 4 miliar­di di euro. Curio­so che 4 miliar­di fos­se­ro, secon­do Sal­vi­ni ieri sera, il costo del­l’im­mi­gra­zio­ne per l’I­ta­lia, e che lui, con quei sol­di, ci avreb­be «can­cel­la­to metà leg­ge Fornero».

E le pen­sio­ni? Non quel­le dei migran­ti, ma quel­le degli ita­lia­ni, si inten­de. Quel­le degli ita­lia­ni sono finan­zia­te, stan­do sem­pre alla Fon­da­zio­ne Leo­ne Mores­sa, da 10,3 miliar­di di euro ver­sa­ti ogni anno dagli stra­nie­ri, che van­no a copri­re 620.000 pen­sio­ni (poco meno del 4% del­le pensioni).

Le ruspe avan­za­no ine­so­ra­bi­li. Poi arri­va­no i dati, e le ruspe ci coz­za­no con­tro. E Sal­vi­ni si zittisce.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.