Prospettiva, non trollaggio

#

Non ci si può credere ma chi era al governo fino a ieri ha inteso avviare la propria opposizione con una sorta di trollaggio permanente. L’effetto è quello del sempiterno bue che dà del cornuto all’asino. Parlamentari e dirigenti che si scagliano con polemiche pretestuose, fino a lamentarsi del volo di Stato di Conte, quando uno degli ex-premier aveva preso un intero aereo per sé. Con qualche altro cortocircuito notevole: contro Salvini si rimpiange Minniti, che – non è un paradosso – lo stesso Salvini ha già avuto modo di rimpiangere.

Vale la pena di concentrarsi sulle questioni fondamentali, non sulle stronzate. Sulla progressività, ad esempio, che sarebbe sbaragliata dalla flat tax e che peraltro non ci pare sia stata particolarmente difesa da chi c’era prima. Sui diritti di chi lavora e sulle retribuzioni. Sulle scelte strategiche, a livello europeo. Perché al sovranismo non si può rispondere con la politica europea che abbiamo visto finora, ma con un progetto di riforma sociale a livello europeo. E chi voleva battere i pugni sul tavolo dell’Europa senza costrutto e ha preteso flessibilità per sprecarla in bonus elettorali, non è il soggetto più credibile per aprire una nuova stagione a livello europeo.

Non il trollaggio, quindi, e nemmeno un’opposizione fine a se stessa. Ci vuole una prospettiva diversa, una lettura politica di ciò che sta accadendo a livello sociale ed economico, e quindi culturale. E ci vuole uno stile diverso, perché ai «populisti» piace parecchio l’idea che tutti assomiglino a loro, fino a diventare la stessa cosa. E diciamoci la verità: il populismo al governo non è iniziato con i gialloblù, c’era da prima. Così come c’era un’arroganza di potere che era arrivata al parossismo e in alcuni casi al ridicolo.

Per dare prospettiva, si deve approfondire. Come Possibile cerca di fare ogni giorno e farà in particolare nel nostro appuntamento estivo, il PolitiCamp, a Reggio Emilia, dal 6 all’8 luglio. Un Camp che sarà concepito come momento di formazione e di approfondimento, con voci autorevoli e con il bando a tutti i politicismi. Perché ci vuole una concezione nuova e la costruzione di un progetto che non sia riconducibile alla polemica quotidiana e all’ultima agenzia di personaggi non certo irresistibili e che si affermano soltanto perché non siamo stati capaci di dimostrarci più precisi, più coerenti e consapevoli di loro.

 

  • 137
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati