Pensiamo a un cavallo, non a una zebra

A mesi di distan­za dal­la bufe­ra media­ti­ca sul caso Sofia Zago, la bim­ba tra­gi­ca­men­te mor­ta di mala­ria a soli 4 anni due mesi fa a Bre­scia, non vedre­mo tito­li spa­ra­ti e nove a colon­ne, né lan­ci di tele­gior­na­le, né inte­ri epi­so­di di noti pro­gram­mi di intrat­te­ni­men­to di ogni colo­re, come ne abbia­mo visti all’indomani del dolo­ro­so evento.

Non ne vedre­mo, per­ché sta­vol­ta non sarà altret­tan­to faci­le par­la­re di inva­sio­ne, di clan­de­sti­ni che por­ta­no le malat­tie, di inva­sio­ne e di altre fan­do­nie a uso e con­su­mo del mer­ca­to del­la pau­ra h24 che ogni gior­no vie­ne vomi­ta­to sull’opinione pub­bli­ca dal­la lar­ga par­te dei media nazionali.

L’ipo­te­si che a tra­smet­te­re la mala­ria alla pic­co­la Sofia sia sta­ta una zan­za­ra ano­phe­les arri­va­ta chis­sà come da chis­sà dove, appa­re ormai sem­pre meno quo­ta­ta dagli inquirenti.

E que­sto per­ché, mol­to sem­pli­ce­men­te, è impro­ba­bi­le al pun­to da risul­ta­re qua­si impos­si­bi­le, come chia­ro fin da prin­ci­pio a chiun­que abbia una mini­ma fami­lia­ri­tà con il vet­to­re e la pato­lo­gia in questione.

Un’ipotesi che da subi­to è sem­bra­ta a mol­ti uno spec­chio per le allo­do­le, per svia­re l’attenzione da col­pe che la strut­tu­ra sani­ta­ria dove il con­ta­gio è avve­nu­to non vole­va ammettere.

Appa­re sem­pre più pro­ba­bi­le, infat­ti, che la cau­sa sia da attri­bui­re all’uso di un ago mal ste­ri­liz­za­to, più che alla pun­tu­ra di una zan­za­ra. Un erro­re uma­no da par­te del per­so­na­le medi­co dell’ospedale, insom­ma. O un caso di mala­sa­ni­tà, volen­do spa­ra­re ad alzo zero, pro­se­guen­do nell’errore di voler a tut­ti i costi tro­va­re un capro espia­to­rio imme­dia­to e di faci­le comprensione.

Non sap­pia­mo cosa sia avve­nu­to in quei gior­ni di tar­da esta­te. Non spet­ta a noi dire qua­le sia sta­to il mec­ca­ni­smo di contagio.

Nel­le facol­tà di medi­ci­na, però, quan­do si par­la dia­gno­sti­ca, si è soli­ti ripe­te­re “quan­to sen­ti­te gli zoc­co­li, pen­sa­te a un caval­lo, non a una zebra.
In altre paro­le, nel for­mu­la­re un’ipotesi su qua­le potreb­be esse­re la cau­sa che ha por­ta­to a un cer­to effet­to, è sem­pre bene esclu­de­re ciò che è più comu­ne e fre­quen­te, pri­ma di lan­ciar­si in avven­tu­ro­se quan­to affa­sci­nan­ti inda­gi­ni sull’improbabile e sull’esotico.

La cosa miglio­re, di fron­te al caso di Sofia Zago, sareb­be sta­ta un silen­zio rispet­to­so del dolo­re del­la fami­glia e del lavo­ro degli inqui­ren­ti, ma trop­po ghiot­ta era l’occasione in un momen­to in cui non si par­la­va d’altro che di sbar­chi e ius soli e taxi del mare e mini­stri dal pugno di fer­ro con­tro leghi­sti dal pugno di acciaio.
E quin­di, in bar­ba a ogni logi­ca, si è deci­so che era sta­ta una zan­za­ra, arri­va­ta su un bar­co­ne. Anche se nul­la lo dimo­stra­va, e ad oggi nul­la lo dimo­stra, anzi.

Non cono­scia­mo la situa­zio­ne dell’ospedale di Bre­scia, né del­le con­di­zio­ni dei suoi ope­ra­to­ri, né del­la stru­men­ta­zio­ne a loro dispo­si­zio­ne, non voglia­mo per­ciò sosti­tui­re le dia­tri­be sul­le migra­zio­ni con quel­le su un pre­sun­to caso di mala­sa­ni­tà.

Voglia­mo anzi spe­ra­re che si atten­da alme­no l’esito del­le inda­gi­ni, pri­ma di dare un giudizio.

Se, tut­ta­via, una lezio­ne voles­si­mo trar­re da que­sta tra­ge­dia, non sareb­be il caso di dedi­ca­re qual­che minu­to del nostro tem­po anche alle con­di­zio­ni del nostro siste­ma sani­ta­rio e di chi ci lavora?

For­se è anche sul­la qua­li­tà dei ser­vi­zi che i nostri cit­ta­di­ni rice­vo­no, indi­pen­den­te­men­te da ceto e pro­ve­nien­za, dovrem­mo interrogarci.
Una que­stio­ne, indi­pen­den­te­men­te da quan­to suc­ces­so a Bre­scia, mol­to più impor­tan­te e mol­to più “impat­tan­te” sul­la vita del­le ita­lia­ne e degli italiani.

Per­ché la veri­tà è che in mas­si­ma par­te, quan­do cer­chia­mo i respon­sa­bi­li  del­le disgra­zie che ci afflig­go­no, e di ciò di più dif­fu­so che sim­bo­leg­gia­no, è ai nostri con­cit­ta­di­ni che dob­bia­mo pen­sa­re, quan­do non a noi stessi.

Ci aspet­ta­no mesi (anni?) dif­fi­ci­li, in cui più che mai ogni occa­sio­ne uti­le per pre­sen­ta­re all’opinione pub­bli­ca “veri­tà alter­na­ti­ve” tese a spo­sta­re la nostra atten­zio­ne dai pro­ble­mi rea­li che ren­do­no la nostra socie­tà ingiu­sta, e da chi ne è cau­sa, a spau­rac­chi di ogni gene­re, dai siste­mi mone­ta­ri alle migra­zio­ni con tut­to quel­lo che fer­men­te­rà nel­la men­te dei doma­to­ri di rab­bia e pau­ra che cal­ca­no la sce­na del cir­co politico/mediatico del paese.

La pros­si­ma vol­ta che sen­tia­mo rumo­re di zoc­co­li, ricor­dia­mo­ci di pen­sa­re pri­ma di tut­to che potreb­be esse­re un caval­lo, anche quan­do tut­ti urle­ran­no “ZEBRA!”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.