Non ci adeguiamo alla pax fiscalis vaticana

Temiamo che la nostra precaria e ammalata democrazia, che è fatta di istituzioni ma anche di contropoteri preziosi come la stampa, abbia assorbito la pax fiscalis vaticana nel suo dna. Sono finiti gli anticorpi, forse, ma noi non ci facciamo scoraggiare e assumeremo iniziative anche eclatanti per denunciare questo silenzio surreale e drammatico su un tema di pubblico interesse come quello che, solitariamente e coraggiosamente, abbiamo sollevato.

La cro­na­ca. Il 1^ apri­le 2015 il mini­stro del­l’e­co­no­mia Padoan e il car­di­na­le Paul Richard Gal­la­gher, segre­ta­rio per i Rap­por­ti con gli Sta­ti del­la San­ta Sede, fir­ma­no a Roma la Con­ven­zio­ne in mate­ria fisca­le tra Ita­lia e Vaticano.

L’art. 6 del­la Con­ven­zio­ne con­tie­ne l’esen­zio­ne eter­na (nunc et sem­per et in sae­cu­la sae­cu­lo­rum) dai tri­bu­ti “sia ordi­na­ri che straor­di­na­ri, pre­sen­ti e futu­ri, tan­to ver­so lo Sta­to che ver­so qual­sia­si altro ente (leg­gi Pro­vin­cia e Comu­ne di Roma), sen­za neces­si­tà di ulte­rio­ri e spe­ci­fi­che dispo­si­zio­ni di esen­zio­ne” di una serie, lun­ga e aper­ta, di immo­bi­li vati­ca­ni. Tra que­sti, a tito­lo di esem­pio, il palaz­zo del­la Data­ria (che è sta­to cedu­to a pri­va­ti) e gli immo­bi­li siti nel lato nord del col­le gia­ni­co­len­se appar­te­nen­ti a Pro­pa­gan­da Fide. Sen­za con­ta­re gli innu­me­re­vo­li “annes­si e dipen­den­ze”, anch’es­si esen­ta­ti fore­ver. Il Gover­no ci rac­con­ta che si dà final­men­te attua­zio­ne all’art. 16 del Trat­ta­to del Late­ra­no del 1929. Appe­na 87 anni, 1 mese e qual­che giorno!

Ma la vera nor­ma ori­gi­na­le, ine­di­ta e scon­cer­tan­te è il secon­do com­ma del­l’art. 6, che esten­de l’e­sen­zio­ne “anche ai rap­por­ti pen­den­ti e non defi­ni­ti con sen­ten­za pas­sa­ta in giu­di­ca­to”.

Tra­dot­to in un ita­lia­no potabile:

  • Ci sono del­le cau­se in cor­so, civi­li, pena­li, ammi­ni­stra­ti­ve, tri­bu­ta­rie, chi lo sa? 
  • Que­ste cau­se sono sta­te pro­mos­se dal­lo Sta­to o dal Comu­ne di Roma con­tro il Vati­ca­no che pre­ten­de di non paga­re i tri­bu­ti sui suoi immobili? 
  • Maga­ri gli enti ita­lia­ni han­no vin­to in pri­mo gra­do, potreb­be­ro riven­di­ca­re il paga­men­to dei tri­bu­ti e inve­ce ci rinun­cia­no, in for­za di que­sta norma.

Se que­sto è il qua­dro, vi sem­bra nor­ma­le, fisio­lo­gi­co, ragio­ne­vo­le, legit­ti­mo che il Par­la­men­to voti un con­do­no tom­ba­le che chiu­de un con­ten­zio­so tri­bu­ta­rio col Vati­ca­no sen­za sape­re di quan­ti immo­bi­li si trat­ta, di quan­te e qua­li cau­se si chiu­de­ran­no così, di qua­li effet­ti finan­zia­ri si pro­dur­ran­no nei bilan­ci degli enti ita­lia­ni per minor get­ti­to tri­bu­ta­rio, di quan­ti sol­di si tratta?

Sol­di sot­trat­ti ai bilan­ci pub­bli­ci, già esan­gui, del­lo Sta­to ita­lia­no e del Comu­ne di Roma. Gli uni­ci ad ave­re pre­sen­ta­to un emen­da­men­to e quin­di a svol­ge­re una fun­zio­ne par­la­men­ta­re atti­va sia­mo sta­ti noi. E non è che ci sia­mo inven­ta­ti una cro­cia­ta al con­tra­rio, abbia­mo lai­ca­men­te chie­sto che alme­no la Cor­te dei Con­ti moni­to­ras­se annual­men­te gli effet­ti finan­zia­ri di que­sta nor­ma. 75 voti favo­re­vo­li, 260 con­tra­ri. Agghiacciante.

Ma ciò che ci scon­vol­ge oggi, 1 apri­le 2016, all’in­do­ma­ni di que­sta pagi­na par­la­men­ta­re e a un anno esat­to dal­la fir­ma del­la Con­ven­zio­ne Fisca­le tra Sta­to e Vati­ca­no, è che nes­sun quo­ti­dia­no ita­lia­no ne par­li.

Spe­ria­mo, data la con­co­mi­tan­za tem­po­ra­le, che sia uno scher­zo ma temia­mo di no. Temia­mo che la nostra pre­ca­ria e amma­la­ta demo­cra­zia, che è fat­ta di isti­tu­zio­ni ma anche di con­tro­po­te­ri pre­zio­si come la stam­pa, abbia assor­bi­to la pax fisca­lis vati­ca­na nel suo dna. Sono fini­ti gli anti­cor­pi, for­se, ma noi non ci fac­cia­mo sco­rag­gia­re e assu­me­re­mo ini­zia­ti­ve anche ecla­tan­ti per denun­cia­re que­sto silen­zio sur­rea­le e dram­ma­ti­co su un tema di pub­bli­co inte­res­se come quel­lo che, soli­ta­ria­men­te e corag­gio­sa­men­te, abbia­mo sollevato.

Abbia­mo già depo­si­ta­to un pro­get­to di leg­ge per il supe­ra­men­to del mec­ca­ni­smo di mol­ti­pli­ca­zio­ne dell’8 per mil­le inop­ta­to che fini­sce in modo abnor­me e spro­por­zio­na­to (1 miliar­do di euro all’an­no) alla Chie­sa cat­to­li­ca. La stes­sa CEI cer­ti­fi­ca che solo una mini­ma par­te e’ desti­na­ta ad ope­re cari­ta­te­vo­li. Se la nostra pro­po­sta venis­se appro­va­ta l’8 per mil­le su cui i con­tri­buen­ti non espri­mo­no alcu­na desti­na­zio­ne afflui­reb­be nel­le cas­se del­lo sta­to con una desti­na­zio­ne chia­ra, spe­ci­fi­ca e obbli­ga­to­ria, il finan­zia­men­to di misu­re di con­tra­sto alla pover­tà.

Pip­po Civa­ti e Andrea Maestri

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.