Nella grande distribuzione la trasparenza è una caratteristica solo di noi dipendenti

Dobbiamo anche subire il silenzio delle organizzazioni sindacali confederali di settore, il silenzio della politica, il silenzio dei media e non solo durante questa pandemia, il silenzio sulla grande distribuzione è una grandissima conquista di una tra le lobby più forti nel nostro paese e allora giunti allo stremo sfruttiamo questa occasione per chiedervi di aiutarci a rompere questo silenzio che ci condanna da anni alla trasparenza.

Abbia­mo lavo­ra­to duran­te tut­te le fasi del­la pri­ma onda­ta del con­ta­gio da Coro­na­vi­rus, abbia­mo visto gli assal­ti, abbia­mo visto i padro­ni vie­tar­ci le masche­ri­ne e i guan­ti per evi­ta­re il pani­co tra i clien­ti, abbia­mo visto pro­to­col­li e DPCM pas­sar­ci sul­la testa e appli­ca­ti nei pun­ti ven­di­ta sen­za che nes­su­no ci chie­des­se nul­la, sen­za che nes­su­no si pre­oc­cu­pas­se di noi, del­le nostre pau­re, del­le nostre richie­ste, del­le nostre per­so­ne! Sia­mo sta­ti tran­quil­li per un po’ e per assur­do duran­te il pic­co del­la cur­va dei con­ta­gi.

Gli ingres­si con­tin­gen­ta­ti, il divie­to di spo­sta­men­to tra comu­ni, le restri­zio­ni per i nuclei fami­lia­ri, in defi­ni­ti­va la ridot­tis­si­ma affluen­za all’in­ter­no dei pun­ti ven­di­ta garan­ti­va sia i lavo­ra­to­ri che i padro­ni e nes­su­no è rima­sto sen­za vive­ri in casa. Abbia­mo visto le spe­se on line cre­sce­re in manie­ra ver­ti­gi­no­sa e crea­re dri­ve throu­gh in una nottata.

Abbia­mo vis­su­to e lavo­ra­to anche duran­te la fase del­le ria­per­tu­re ed è pro­prio duran­te que­sta fase che le orga­niz­za­zio­ni dato­ria­li han­no eser­ci­ta­to evi­den­ti pres­sio­ni sul­la poli­ti­ca e ne sia­mo con­vin­ti per­ché appa­re dav­ve­ro incre­di­bi­le che non esi­sta un pro­to­col­lo ad hoc per la gran­de distri­bu­zio­ne, ci appa­re incre­di­bi­le che il gover­no abbia inclu­so tut­to den­tro allo zibal­do­ne del com­mer­cio al det­ta­glio, è incre­di­bi­le che deb­ba­no vale­re le stes­se rego­le per il pic­co­lo eser­cen­te e per la gran­de distri­bu­zio­ne anche in que­sto caso. L’ul­ti­mo DPCM dice, ad esem­pio, che ogni eser­ci­zio deve espor­re il nume­ro mas­si­mo di per­so­ne che può con­te­ne­re con­tem­po­ra­nea­men­te ed è assur­do vede­re fuo­ri dai nostri nego­zi espo­sti car­tel­li che ripor­ta­no nume­ri nel­l’or­di­ne del­le cen­ti­na­ia di per­so­ne. Addio con­tin­gen­ta­men­ti quin­di e liber­tà di assem­bra­men­to all’in­ter­no dei nego­zi e attor­no ai lavo­ra­to­ri spe­cial­men­te duran­te i fine set­ti­ma­na visto che mol­te regio­ni han­no chiu­so i cen­tri com­mer­cia­li. Non c’è mol­ta dif­fe­ren­za, ve lo assi­cu­ria­mo, fra un tre­no regio­na­le in arri­vo in una gran­de sta­zio­ne nel­l’o­ra di pun­ta e un gran­de super­mer­ca­to al saba­to pome­rig­gio: il con­ta­gio cor­re insie­me alla nostra paura.

Sia­mo sta­ti equi­pa­ra­ti ai ser­vi­zi essen­zia­li ma non sal­via­mo vite uma­ne, abbia­mo rice­vu­to una gra­ti­fi­ca di cen­to euro per i full time e modu­la­ti a cin­quan­ta per i part time ma solo se si era lavo­ra­to per alme­no il ses­san­ta per cen­to del­le ore nei mesi di mar­zo e apri­le, una bef­fa più che altro.

Ma tut­to que­sto non ci basta, dob­bia­mo anche subi­re il silen­zio del­le orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li con­fe­de­ra­li di set­to­re, il silen­zio del­la poli­ti­ca, il silen­zio dei media e non solo duran­te que­sta pan­de­mia, il silen­zio sul­la gran­de distri­bu­zio­ne è una gran­dis­si­ma con­qui­sta di una tra le lob­by più for­ti nel nostro pae­se e allo­ra giun­ti allo stre­mo sfrut­tia­mo que­sta occa­sio­ne per chie­der­vi di aiu­tar­ci a rom­pe­re que­sto silen­zio che ci con­dan­na da anni alla trasparenza.

Un dipen­den­te

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?