Nardella nega il patrocinio al Gay Pride toscano. Dopo i fatti di Orlando, sindaco irresponsabile

Il sindaco di Firenze nega il patrocinio del Comune al "Toscana Pride", sostenendo sia manifestazione di parte, ma i diritti sono di tutti.

Dopo la dram­ma­ti­ca tra­ge­dia di Orlan­do, ave­va­mo pen­sa­to che il sin­da­co Nar­del­la potes­se respon­sa­bil­men­te tor­na­re sui suoi pas­si dan­do il patro­ci­nio di Firen­ze al Tosca­na Pri­de in pro­gram­ma il pros­si­mo 18 giu­gno. Inve­ce no, nes­su­na sen­si­bi­li­tà né cor­ret­tez­za isti­tu­zio­na­le da par­te del Sindaco.

“Sul­la base di rego­la­men­ti e pras­si comu­na­le con­so­li­da­ta, non sono mai sta­ti dati patro­ci­ni a mani­fe­sta­zio­ni che han­no diret­ta­men­te o indi­ret­ta­men­te un carat­te­re poli­ti­co o rispon­do­no a una par­te”: così si giu­sti­fi­ca il Sin­da­co di Firen­ze cir­ca la sua incom­pren­si­bi­le scel­ta. Insie­me ad Arez­zo, in mano però al cen­tro-destra, Firen­ze sarà  quin­di l’u­ni­ca cit­tà capo­luo­go di pro­vin­cia a non aver con­ces­so il gon­fa­lo­ne del comu­ne ad un even­to così impor­tan­te, che si svol­ge­rà per la pri­ma vol­ta in Toscana.

Noi di Pos­si­bi­le, che soste­nia­mo a par­ti­re dal nostro sim­bo­lo l’u­gua­glian­za e la par­te­ci­pa­zio­ne, tro­via­mo che que­sta pre­sa di posi­zio­ne di Nar­del­la sia inac­cet­ta­bi­le e anco­ra più inac­cet­ta­bi­le sia eti­chet­ta­re un even­to come il Tosca­na Pri­de qual­co­sa che “rispon­de a una par­te”, a mag­gior ragio­ne all’in­do­ma­ni del­la stra­ge di Orlando.

E’ gra­vis­si­mo con­sta­ta­re che il sin­da­co pen­si che l’o­mo­tran­sfo­bia sia un argo­men­to di alcu­ni ma non di tut­ti, che la rie­vo­ca­zio­ne dei moti di Sto­newall (per­chè que­sto è il signi­fi­ca­to del Pri­de) sia un argo­men­to divi­si­vo che non meri­ti il patro­ci­nio di una cit­tà come Firen­ze, da sem­pre aper­ta e inclusiva.

Pen­sia­mo che mani­fe­sta­re per il dirit­to a esse­re sé stes­si non sia “poli­ti­co” e nean­che una fac­cen­da che riguar­di solo una par­te dei cit­ta­di­ni, ma anzi sia un fat­to di uma­ni­tà e civil­tà che inte­res­si tut­te le per­so­ne che cre­do­no di poter vive­re in una cit­tà ed in uno sta­to più evo­lu­to, sen­za aver pau­ra di mani­fe­sta­re aper­ta­men­te il pro­prio orien­ta­men­to ses­sua­le.

Mar­co Filip­pi­ni, por­ta­vo­ce del Comi­ta­to Aria­nuo­va di Firenze
Rug­ge­ro Scot­ti, por­ta­vo­ce del Comi­ta­to Pie­ro Cala­man­drei di Firenze
Mar­co Sac­car­di, por­ta­vo­ce del Comi­ta­to XI Ago­sto di Firenze

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.