Modello Crisanti Ter

E’ tutto basato sull’emotività (le foto degli assembramenti dello scorso weekend hanno soppiantato tout court gli insostituibili 21 criteri per colorare le regioni) in un continuo giorno della marmotta, sempre uguale, sempre con qualcosa da “salvare” che non si salva mai, e con i dati sulla letalità per milione fra i più alti al mondo.
Crisanti-mascherine-Leggilo.org_-1280x720

Qual­che mese fa ave­va­mo soste­nu­to le pro­po­ste del prof. Cri­san­ti che così bene ave­va fat­to nel­la gestio­ne del con­tra­sto alla pan­de­mia in Vene­to (che ades­so pare sia un disastro).

Pur­trop­po non è anda­ta pro­prio così, quel­le pro­po­ste non sono sta­te segui­te con l’attenzione che meri­ta­va­no, e pro­ble­mi si sono accu­mu­la­ti a pro­ble­mi. E il prof. Cri­san­ti non è sta­to ascol­ta­to nep­pu­re a otto­bre, quan­do il virus rico­min­cia­va a ripren­de­re con­si­sten­za.

In quel momen­to, “per sal­va­re il Nata­le” era­no usci­ti vari DPCM, con le misu­re gover­na­ti­ve di con­tra­sto, tut­te basa­te su com­por­ta­men­ti indi­vi­dua­li, che da subi­to appa­ri­va­no poco rile­van­ti e inci­si­ve di fron­te alle caren­ze che si sta­va­no evi­den­zian­do con l’aumento dei con­ta­gi, come ad esem­pio il pre­ve­di­bi­le e pre­vi­sto affol­la­men­to dei mez­zi pub­bli­ci negli ora­ri di pun­ta (da tut­ti tran­ne che dal­la mini­stra ai tra­spor­ti De Miche­li, trop­po impe­gna­ta dai pro­get­ti del pon­te sul­lo stret­to di Messina).

L’impressione era che si cer­cas­se di indi­riz­za­re dispe­ra­ta­men­te l’attenzione sul­le respon­sa­bi­li­tà dei sin­go­li o di pre­ci­se cate­go­rie (i gio­va­ni! la movi­da!) per sor­vo­la­re su quel­le di Sta­to e Regioni.

Di quei gior­ni ricor­dia­mo la dura con­trap­po­si­zio­ne fra chi (il mini­stro Spe­ran­za e le regio­ni) vole­va riman­da­re a casa gli stu­den­ti del­le supe­rio­ri in DAD e chi inve­ce (la mini­stra Azzo­li­na, dia­mo­ne atto, ma anche il Comi­ta­to Tec­ni­co Scien­ti­fi­co) pen­sa­va che fos­se una fol­lia fer­ma­re anco­ra la scuola.

Ha vin­to la linea del­la chiu­su­ra, sen­za tut­ta­via alcu­na inci­den­za rea­le sui con­ta­gi (basta vede­re la Cam­pa­nia, dove tut­te le scuo­le sono sta­te chiu­se dal 15 otto­bre ma il virus non è sta­to avver­ti­to ed è cre­sciu­to fin­ché la regio­ne non è diven­ta­ta zona rossa).

Anche in quel­la situa­zio­ne la per­so­na che sem­bra­va ave­re le idee più chia­re era pro­prio il prof. Crisanti.

L’im­pat­to che le misu­re adot­ta­te dal Gover­no avran­no lo sapre­mo tra un paio di set­ti­ma­ne. Sono misu­re di buon­sen­so che han­no un impat­to sul­la qua­li­tà del­la vita, pen­so che dovrem­mo inve­ce con­cen­trar­ci sul­la capa­ci­tà che abbia­mo di bloc­ca­re la tra­smis­sio­ne del virus sul territorio

E anco­ra:

Il siste­ma è col­las­sa­to, via via che i casi sono aumen­ta­ti, la capa­ci­tà di con­tact tra­cing e fare tam­po­ni dimi­nui­sce e si entra in un cir­co­lo vizio­so che fa aumen­ta­re la tra­smis­sio­ne del virus. Più che misu­re sui com­por­ta­men­ti occor­re bloc­ca­re il virus: tra 15 gior­ni non vor­rei tro­var­mi a discu­te­re di 10–12mila casi al giorno 

Il ful­cro del pro­ble­ma era tut­to lì.

Tut­ti ormai dove­va­mo aver rece­pi­to che il virus si ral­len­ta­va e si fer­ma­va con l’attività sani­ta­ria (inu­til­men­te Cri­san­ti ave­va chie­sto al Pae­se di dotar­si degli stru­men­ti per fare 300.000 tam­po­ni al gior­no, ma si è pre­fe­ri­to com­pra­re ban­chi sin­go­li e rega­la­re bici­clet­te con il bonus): le famo­se tre T, trac­cia­men­to, tam­po­ni, trat­ta­men­to.

E maga­ri con i test rapi­di, e maga­ri seguen­do le dispo­si­zio­ni OMS sui tam­po­ni di con­trol­lo, defi­ni­ti inu­ti­li (era­no due, ades­so è uno ma è sem­pre di trop­po, e toglie risor­se a quel­li su nuo­vi posi­ti­vi) per­ché il cri­te­rio cli­ni­co di gua­ri­gio­ne lega­to al tra­scor­re­re del tem­po è uni­ver­sal­men­te accolto.

Né ser­vi­va a mol­to la app Immu­ni se poi non c’erano per­so­ne e mez­zi per trac­cia­re i con­tat­ti e trat­ta­re i posi­ti­vi.

Qui dove­va­mo inve­sti­re, non è sta­to fat­to e il siste­ma è saltato.

Quan­to ai tra­spor­ti, fer­ma la neces­si­tà di imple­men­ta­re in ogni modo il nume­ro dei mez­zi a dispo­si­zio­ne e di lavo­ra­re sugli ora­ri del­le scuo­le ma anche del­le azien­de, riat­ti­van­do il più pos­si­bi­le lo smart wor­king, il prof. Cri­san­ti pro­po­ne­va l’obbligo per i pas­seg­ge­ri di indos­sa­re masche­ri­ne chi­rur­gi­che, vie­tan­do così l’ingresso con masche­ri­ne fai da te per­ché avreb­be più effet­to che discu­te­re se dimi­nui­re la capienza.

Ed era dram­ma­ti­ca­men­te vero, e si scon­tra­va con quel DPCM che, inve­ce, nel san­ci­re l’obbligo del­la masche­ri­na anche all’aperto, ave­va anche defi­ni­ti­va­men­te sdo­ga­na­to le masche­ri­ne “di comu­ni­tà”, quel­le di tela anche fai da te, che, se non c’è fil­tro, non han­no alcu­na capa­ci­tà di fer­ma­re il virus in usci­ta, cosa che inve­ce acca­de con le chirurgiche.

Ma la pro­po­sta che atti­ra­va più click sui quo­ti­dia­ni onli­ne inve­ce era questa:

Cre­do che un loc­k­do­wn a Nata­le sia nel­l’or­di­ne del­le cose: si potreb­be reset­ta­re il siste­ma, abbas­sa­re la tra­smis­sio­ne del virus e aumen­ta­re il con­tact tra­cing. Così come sia­mo il siste­ma è saturo.

Era metà ottobre.

Le scel­te sono sta­te altre, si è deci­so di colo­ra­re le regio­ni e di atti­va­re misu­re dif­fe­ren­zia­te, alcu­ne, lo dico­no i dati, com­ple­ta­men­te inu­ti­li, quel­le gial­le, altre più inci­si­ve, quel­le aran­cio­ni e rosse.

Ma avrem­mo dovu­to sape­re che un loc­k­do­wn fer­ma il con­ta­gio tem­po­ra­nea­men­te, e che ser­ve se poi ci si dota dei siste­mi di trac­cia­men­to e trattamento.

Que­sto non è avve­nu­to e oggi il prof. Cri­san­ti tira le som­me.

Avrem­mo potu­to pro­gram­ma­re un loc­k­do­wn di un mese, dal 15 dicem­bre al 15 gen­na­io, anti­ci­pan­do la chiu­su­ra del­le scuo­le e posti­ci­pan­do­ne l’apertura (come ha fat­to Ange­la Mer­kel) e lavo­ran­do sui pro­gram­mi per met­ter­si avan­ti, oppu­re ripren­den­do in DAD per una settimana.

Avrem­mo potu­to sospen­de­re un po’ di più atti­vi­tà già par­zial­men­te sospe­se (la giu­sti­zia ordi­na­ria di fat­to va in vacan­za da Nata­le all’Epifania, ad esem­pio) e per­si­no pro­gram­ma­re anche uno stop alle azien­de, meno dan­no­so in que­sto perio­do.

Inve­ce stia­mo chiu­den­do tut­to sot­to Nata­le, ci stia­mo let­te­ral­men­te bar­ri­can­do sot­to l’albero, sen­za programmazione.

Il vero pro­ble­ma è che non abbia­mo anco­ra un siste­ma di sor­ve­glian­za per bloc­ca­re le cate­ne di con­ta­gio, per­ché l’epidemia non si bloc­ca solo con le masche­ri­ne e con il distan­zia­men­to. (…) Man­ca un pia­no di sor­ve­glian­za che per­met­ta, una vol­ta fini­to il loc­k­do­wn, di man­te­ne­re i casi a livel­li bas­sis­si­mi, se non addi­rit­tu­ra eli­mi­nar­li. Que­sto manca.

E soprat­tut­to: «Si sono spe­si miliar­di di euro per que­sto cash­back. Que­sti sol­di non pote­va­no dav­ve­ro esser spe­si per pro­teg­ge­re l’Italia?».

Dav­ve­ro non sem­bra il caso di aggiun­ge­re altro.

Obbe­dia­mo a misu­re non solo emer­gen­zia­li ma estem­po­ra­nee, nate dal­la sera alla mat­ti­na, sen­za pro­gram­ma­zio­ne, sen­za logica.

E’ tut­to basa­to sull’emotività (le foto degli assem­bra­men­ti del­lo scor­so wee­kend han­no sop­pian­ta­to tout court gli inso­sti­tui­bi­li 21 cri­te­ri per colo­ra­re le regio­ni) in un con­ti­nuo gior­no del­la mar­mot­ta, sem­pre ugua­le, sem­pre con qual­co­sa da “sal­va­re” che non si sal­va mai, e con i dati sul­la leta­li­tà per milio­ne fra i più alti al mondo.

For­se sareb­be il caso di comin­ciar­la, que­sta pro­gram­ma­zio­ne, di man­te­ne­re i ner­vi sal­di per­ché il vac­ci­no sta arri­van­do ma non avrà effet­ti da doma­ni, di ascol­ta­re chi la pro­po­ne per non tro­var­ci fra un mese a dover sal­va­re il car­ne­va­le, e poi (anco­ra) la Pasqua.

Pos­sia­mo anche sta­re a casa a Nata­le, ma deve ser­vi­re a qual­co­sa e si deve capi­re per­ché lo fac­cia­mo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.