Ministero della disabilità? Le persone non vanno ghettizzate

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

di Alicia Ambrosini

A volte ritornano e quasi sempre senza portafoglio. La Lega torna al governo attivo sventolando la bandiera della disabilità, chiedendo a gran voce ed ottenendo quel Ministero che già durante l’amministrazione giallo-verde si rivelò fallimentare, sotto la guida di Lorenzo Fontana.

La disabilità si porta dietro un grande bacino elettorale e anche solo parlarne sposta consensi. Parliamone, allora, parliamo dell’utilità di un Ministero senza portafoglio (con 209 miliardi di euro in arrivo), parliamo del vago sentore di pietismo e ghettizzazione che sempre trasuda da operazioni come queste.

Le persone con disabilità fisica e psichica, i non autosufficienti non vivono in un universo parallelo, sono parte integrante di questa società, sono donne, uomini, queer, figli, genitori, insegnanti, operai, sportivi, impiegati, negozianti, agricoltori, artisti; la lista può proseguirla chiunque di noi attingendo al proprio vissuto. Ma prima di tutto sono persone e in quanto tali andrebbero incluse, sempre, e coinvolte nel processo decisionale.

Che utilità può avere un singolo Ministero rispetto a commissioni dedicate in ognuno degli altri?

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait