Mine antiuomo: dall’Iraq un pezzo di Italia

Non mi aspettavo di trovare un pezzo di casa in questa città, nella provincia nell’Iraq orientale. Non me l'aspettavo finché un mio collega mi ha mostrato quel che è stato recuperato nelle operazioni della settimana. In mezzo al materiale c'è anche una mina antiuomo di fabbricazione italiana. «Ottima qualità», mi dice, pensando che debba forse andarne fiero.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Non mi aspet­ta­vo di tro­va­re un pez­zo di casa in que­sta cit­tà, nel­la pro­vin­cia nell’Iraq orien­ta­le. Non me l’a­spet­ta­vo fin­ché un mio col­le­ga mi ha mostra­to quel che è sta­to recu­pe­ra­to nel­le ope­ra­zio­ni del­la set­ti­ma­na. In mez­zo al mate­ria­le c’è anche una mina anti­uo­mo di fab­bri­ca­zio­ne ita­lia­na. «Otti­ma qua­li­tà», mi dice, pen­san­do che deb­ba for­se andar­ne fiero.


Pro­ba­bil­men­te que­sta mina è sta­ta posa­ta duran­te il con­flit­to Iraq-Iran negli anni ’80, insie­me a mol­tis­si­me altre lun­go tut­te le zone di con­fi­ne. E’ anco­ra per­fet­ta­men­te fun­zio­nan­te. Fini­to il con­flit­to con l’Iran que­sta zona al limi­te tra il Gover­no Fede­ra­le di Bagh­dad e la regio­ne auto­no­ma del Kur­di­stan è rima­sta rela­ti­va­men­te tran­quil­la, anche se han­no con­ti­nua­to a esser­ci vit­ti­me, pro­prio per col­pa del­le mine pian­ta­te e poi dimen­ti­ca­te sva­ria­ti anni fa.

Ora che la bat­ta­glia mili­ta­re per scon­fig­ge­re ISIS è sta­ta vin­ta, le per­so­ne voglio­no cer­ca­re di tor­na­re a vive­re una vita “nor­ma­le”. Eppu­re vive­re una vita “nor­ma­le”, in mol­te aree del­la regio­ne, è reso impos­si­bi­le dal­la pre­sen­za di resti esplo­si­vi di guer­ra. Non solo mine ere­di­ta­te da con­flit­ti pre­ce­den­ti, ma armi esplo­si­ve (e ine­splo­se) come RPG (lan­cia­raz­zi), o gra­na­te, e soprat­tut­to i cosid­det­ti IED (Impro­vi­sed Explo­si­ve Devi­ce, cioè ordi­ni esplo­si­vi improv­vi­sa­ti rea­liz­za­ti con mate­ria­li non con­ven­zio­na­li) lascia­ti indie­tro da ISIS per ucci­de­re anche a distan­za.

E’ sta­to sti­ma­to che più di 1200 km² di ter­re­no in Iraq sono con­ta­mi­na­te da mine anti­uo­mo, con un livel­lo di con­ta­mi­na­zio­ne “ele­va­to”. Per esten­sio­ne ter­ri­to­ria­li, l’Iraq è uno dei pae­si più “con­ta­mi­na­ti” al mon­do, se non il più con­ta­mi­na­to. Nel pae­se, in tut­to il 2017 (sono gli ulti­mi dati dispo­ni­bi­li), 185 per­so­ne sono mor­te ed altre 118 sono rima­ste feri­te per col­pa del­le mine anti­uo­mo. Le sti­me sono mol­to pro­ba­bil­men­te al ribas­so. Da quan­to il con­teg­gio è sta­to intro­dot­to, sono sta­te regi­stra­te più di 38.000 vit­ti­me.

Ben­ché l’Iraq sia un pae­se fir­ma­ta­rio del­la Con­ven­zio­ne per la Mes­sa al Ban­do del­le mine anti­uo­mo, ed abbia quin­di l’obbligazione di rimuo­ve­re ed eli­mi­na­re ogni ordi­gno pre­sen­te sul pro­prio ter­ri­to­rio, rag­giun­ge­re que­sto obiet­ti­vo pri­ma del 2028 è estre­ma­men­te com­pli­ca­to e potreb­be richie­de­re mol­ti più anni. E’ neces­sa­rio ed essen­zia­le man­te­ne­re dei finan­zia­men­te ade­gua­ti per le atti­vi­ta’ di rimo­zio­ne così come per per l’assistenza alle vit­ti­me. Spe­ran­do che un gior­no si pos­so anda­re fie­ri di non aver con­tri­bu­to ad ucci­de­re più nes­su­no.

Andrea Trevisan[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?