Mettiamo mano al Concordato per superare l’esenzione dalla giurisdizione dei preti pedofili

Per­ché le sacro­san­te paro­le del Papa con­tro i pre­ti pedo­fi­li scen­da­no su un ter­re­no lai­co e con­cre­to, occor­re met­te­re mano all’ar­ti­co­lo 4 del­l’ac­cor­do fir­ma­to a Roma il 18 feb­bra­io 1984, che appor­ta modi­fi­ca­zio­ni al Con­cor­da­to late­ra­nen­se dell’11 feb­bra­io 1929, tra la Repub­bli­ca ita­lia­na e la San­ta Sede, il qua­le, ripro­du­cen­do sostan­zial­men­te l’ar­ti­co­lo 7 del Con­cor­da­to dell’11 feb­bra­io 1929, sta­bi­li­sce che «gli eccle­sia­sti­ci non sono tenu­ti a dare a magi­stra­ti o ad altra auto­ri­tà infor­ma­zio­ni su per­so­ne o mate­rie di cui sia­no venu­ti a cono­scen­za per ragio­ne del loro mini­ste­ro.

Per que­sto, il 15 mag­gio 2017 Pos­si­bi­le ha depo­si­ta­to alla Came­ra una mozio­ne per supe­ra­re tale ana­cro­ni­sti­ca e ingiu­sta esen­zio­ne dal­la giu­ri­sdi­zio­ne, che per gli eccle­sia­sti­ci costi­tui­sce nor­ma spe­cia­le rispet­to alla disci­pli­na del segre­to pro­fes­sio­na­le rego­la­ta dal­l’ar­ti­co­lo 200 del codi­ce di pro­ce­du­ra pena­le, in for­za del qua­le «non pos­so­no esse­re obbli­ga­ti a depor­re su quan­to han­no cono­sciu­to per ragio­ne del pro­prio mini­ste­ro, uffi­cio o pro­fes­sio­ne, sal­vi i casi in cui han­no l’ob­bli­go di rife­rir­ne all’au­to­ri­tà giu­di­zia­ria, tra gli altri, i mini­stri di culto.

Già nel 2014 Papa Fran­ce­sco, isti­tuen­do la Pon­ti­fi­cia Com­mis­sio­ne per la pro­te­zio­ne dei mino­ri, affer­ma­va che «I cri­mi­ni e i pec­ca­ti degli abu­si ses­sua­li sui bam­bi­ni non devo­no esse­re tenu­ti segre­ti mai più. Garan­ti­sco la zelan­te vigi­lan­za del­la Chie­sa per pro­teg­ge­re i bam­bi­ni e la pro­mes­sa del­la pie­na respon­sa­bi­li­tà per tut­ti», pre­ci­san­do altre­sì che «Noi, il Pre­si­den­te e gli altri Mem­bri del­la Com­mis­sio­ne, desi­de­ria­mo affer­ma­re che i nostri obbli­ghi ai sen­si del dirit­to civi­le devo­no esse­re rispet­ta­ti, cer­ta­men­te, ma anche al di là di tali vin­co­li, abbia­mo tut­ti la respon­sa­bi­li­tà mora­le ed eti­ca di denun­cia­re gli abu­si pre­sun­ti alle auto­ri­tà civi­li che han­no il com­pi­to di pro­teg­ge­re la nostra società».

Il rin­no­va­to impe­gno anti­pe­do­fi­lia di oltre­te­ve­re non ha tut­ta­via sino ad oggi con­ta­mi­na­to le isti­tu­zio­ni del­la Repub­bli­ca.
La cor­ret­ta appli­ca­zio­ne del prin­ci­pio costi­tu­zio­na­le d’indi­pen­den­za e sovra­ni­tà del­lo Sta­to e del­la Chie­sa nei rispet­ti­vi ordi­ni richie­de­reb­be di ricer­ca­re la solu­zio­ne per tali casi nel­la pro­spet­ti­va inte­ror­di­na­men­ta­le e inter­na­zio­na­li­sti­ca nel­la qua­le si espli­ca l’i­sti­tu­to con­cor­da­ta­rio e il mez­zo pro­prio e ido­neo a una coe­ren­te e com­piu­ta rego­la­zio­ne degli aspet­ti sopra descrit­ti si rin­vie­ne nel­lo stru­men­to del­l’ac­cor­do di mutua assi­sten­za e di coo­pe­ra­zio­ne giudiziaria.

L’art. 13, nume­ro 2, del cita­to accor­do fir­ma­to a Roma il 18 feb­bra­io 1984, che appor­ta modi­fi­ca­zio­ni al Con­cor­da­to late­ra­nen­se dell’11 feb­bra­io 1929, tra la Repub­bli­ca ita­lia­na e la San­ta Sede, pre­ve­de che «ulte­rio­ri mate­rie per le qua­li si mani­fe­sti l’e­si­gen­za di col­la­bo­ra­zio­ne tra la Chie­sa cat­to­li­ca e lo Sta­to potran­no esse­re rego­la­te (…) con nuo­vi accor­di tra le due Parti».
Per i casi di abu­so ses­sua­le com­mes­si in dan­no di mino­ri, non solo per la ripro­va­zio­ne e il diso­rien­ta­men­to susci­ta­ti nel­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca, ma anche per la gra­vi­tà dei dan­ni psi­co­lo­gi­ci e mora­li che ne deri­va­no a cari­co del­le vit­ti­me, con feri­te inte­rio­ri pro­fon­de e dure­vo­li che pos­so­no talo­ra segnar­ne la vita inte­ra, tan­to più repren­si­bi­li, se com­mes­si da eccle­sia­sti­ci, l’or­di­na­men­to cano­ni­co ha pre­vi­sto un aggra­va­men­to del­le pene e il note­vo­le amplia­men­to del ter­mi­ne di prescrizione.
Con rife­ri­men­to a tali casi e situa­zio­ni, l’in­stau­ra­zio­ne con­cor­da­ta di for­me di col­la­bo­ra­zio­ne tra l’or­di­na­men­to del­lo Sta­to e quel­lo del­la Chie­sa può risul­ta­re uti­le e oppor­tu­na, sia per age­vo­la­re l’e­ser­ci­zio del­le fun­zio­ni dei rispet­ti­vi orga­ni, sia per con­se­gui­re la pie­na tute­la dei valo­ri giu­ri­di­ci e dei dirit­ti del­le per­so­ne coin­vol­te, spe­cial­men­te del­le vit­ti­me di rea­ti la cui puni­bi­li­tà sia pre­vi­sta da entram­bi gli ordi­na­men­ti secon­do le com­pe­ten­ze a cia­scu­no proprie.

È giun­to il tem­po che il Gover­no e il Par­la­men­to assu­ma­no le neces­sa­rie ini­zia­ti­ve, per pro­muo­ve­re la nego­zia­zio­ne di un accor­do con la San­ta Sede che, nel rispet­to del­l’in­di­pen­den­za degli ordi­na­men­ti civi­le e cano­ni­co e del­la distin­zio­ne del­la sfe­ra pro­pria a cia­scu­no riser­va­ta secon­do i prin­cì­pi del­la Costi­tu­zio­ne, disci­pli­ni – even­tual­men­te, ove rite­nu­to con­gruo dal­le Par­ti, median­te pro­to­col­lo aggiun­ti­vo al vigen­te Con­cor­da­to secon­do le pro­ce­du­re di cui all’ar­ti­co­lo 7, secon­do com­ma, del­la Costi­tu­zio­ne – gli aspet­ti del­la coo­pe­ra­zio­ne e del­la mutua assi­sten­za giu­di­zia­ria tra lo Sta­to ita­lia­no e la Chie­sa cat­to­li­ca nel­l’e­ser­ci­zio del­le fun­zio­ni dei rispet­ti­vi orga­ni giu­ri­sdi­zio­na­li e, per quan­to attie­ne in par­ti­co­la­re alla mate­ria pena­le, limi­ta­ta­men­te alle fat­ti­spe­cie di dop­pia incri­mi­na­zio­ne rile­van­ti per entram­bi gli ordinamenti.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.