I media alle crociate

Oltre a uno squilibrio informativo, è in atto una strategia tesa a creare un ben preciso clima di opinione. In cui la paura dei “diversi”, l’enfasi sull’immanenza delle tragedie legittimano violenza e xenofobia

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1504086875288{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]La socio­lo­gia dei media, a comin­cia­re dal fre­quen­ta­tis­si­mo manua­le “Teo­rie del­la comu­ni­ca­zio­ne di mas­sa” di Mau­ro Wolf (1985), cita la vec­chia “leg­ge di McLurg”, dal nome di colui che inven­tò lo sche­ma del­le clas­si­fi­ca­zio­ni domi­nan­ti: un euro­peo equi­va­le a 28 cine­si, 2 mina­to­ri gal­le­si a 100 paki­sta­ni. Può dar­si che l’annotazione sia sta­ta scrit­ta con english humour, ma pur­trop­po ci rac­con­ta la veri­tà, e in difet­to. Ad esem­pio, sen­za ovvia­men­te vole­re sot­to­va­lu­ta­re l’uragano del Texas e le sue vit­ti­me, il tem­po dedi­ca­to dai media occi­den­ta­li a Hou­ston è di gran lun­ga supe­rio­re a quel­lo con­ces­so alle 2000 per­so­ne mor­te per il cole­ra in Yemen o ai 1000 dece­du­ti per fra­ne e inon­da­zio­ni in Sier­ra Leo­ne, o al valo­re asse­gna­to ai disa­stri del con­flit­to rimos­so dell’Afgha­ni­stan, o all’aggiornamento sul­la Siria. Per saper­ne qual­co­sa è indi­spen­sa­bi­le guar­da­re la rete tele­vi­si­va ara­ba All-news “Al Jazee­ra”, che –non per caso- cor­re il rischio di esse­re chiu­sa. Gli esem­pi potreb­be­ro esse­re nume­ro­si. Si trat­ta, infat­ti, di una sor­ta di rego­la gene­ra­le che ha oggi, dopo la fine dell’alibi del “muro” e dell’equilibrio del ter­ro­re, un sapo­re di vero e pro­prio “raz­zi­smo media­ti­co”.

Non è in cau­sa il rac­con­to del ter­re­mo­to di Ischia o dell’anniversario del­la tra­ge­dia di un anno fa. Se mai, si nota una ten­den­za all’omologazione, con un peso sover­chian­te del­le voci uffi­cia­li. O con l’attenzione per­si­no mor­bo­sa alle vicen­de uma­ne più coin­vol­gen­ti, uti­liz­za­te per trat­ta­re gli even­ti come una fic­tion, e non occa­sio­ne di appro­fon­di­men­to non elu­si­vo su cau­se e respon­sa­bi­li­tà dei crolli.

Sbi­lan­cia­men­to e omis­sio­ni segna­no l’approccio main­stream alle cri­si inter­na­zio­na­li, pie­ne di figli di dei mino­ri. Il 10° Rap­por­to (2014) sul­le “Cri­si uma­ni­ta­rie dimen­ti­ca­te dai media”, cura­to da “Medi­ci sen­za fron­tie­re” e dall” “Osser­va­to­rio di Pavia” sui media è elo­quen­te. Si dice che “…diven­ta mar­gi­na­le lo spa­zio dedi­ca­to ad alcu­ni tipi di cri­si uma­ni­ta­rie, quel­le che non sem­bra­no sod­di­sfa­re i cosid­det­ti requi­si­ti di noti­zia­bi­li­tà…”. Alla para­bo­la discen­den­te del­la visi­bi­li­tà si uni­sco­no altri feno­me­ni: la pola­riz­za­zio­ne sul­la base del­la vici­nan­za geo­gra­fi­ca o geo­po­li­ti­ca, l’illuminazione pri­vi­le­gia­ta del feno­me­no ter­ro­ri­sti­co (media event e non moti­vo di un’informazione ana­li­ti­ca “di tenu­ta”), la pre­va­len­za degli “effet­ti” a sca­pi­to dei pro­ble­mi di fon­do, la gerar­chia spie­ta­ta nel ran­go di importanza.

“Articolo21” e la “Car­ta di Roma”, asso­cia­zio­ni impe­gna­te nell’illuminazione del­le peri­fe­rie del mon­do, dan­no un con­tri­bu­to alla cono­scen­za pre­zio­sis­si­mo. Padre Alex Zano­tel­li ha lan­cia­to un for­te appel­lo sull’Africa, rilan­cia­to da “Pos­si­bi­le” in una con­fe­ren­za stam­pa alla came­ra dei depu­ta­ti. Ed è augu­ra­bi­le che il pros­si­mo con­trat­to di ser­vi­zio tra lo Sta­to e la Rai se ne occu­pi, dan­do un indi­riz­zo spro­vin­cia­liz­zan­te al ser­vi­zio pub­bli­co, che si affi­da ora pre­va­len­te­men­te a “Rai news”. Ma il capi­to­lo che la “ter­za guer­ra mon­dia­le dif­fu­sa” di cui par­la Papa Fran­ce­sco e la strin­gen­te attua­li­tà dei migran­ti han­no aper­to toc­ca ormai un nodo di fon­do. Ciò che lo stu­dio­so nor­da­me­ri­ca­no David Althei­de chia­ma la “pau­ra del­la pau­ra”. Oltre allo squi­li­brio infor­ma­ti­vo, infat­ti, è in atto una stra­te­gia tesa a crea­re un ben pre­ci­so cli­ma di opi­nio­ne. In cui la pau­ra dei “diver­si”, l’enfasi sull’immanenza del­le tra­ge­die legit­ti­ma­no vio­len­za e xeno­fo­bia. E’ il ter­re­no adat­to per la cre­sci­ta smi­su­ra­ta del­la cul­tu­ra di destra, che in gene­re pre­ce­de il suo appa­ri­re sot­to le diret­te sem­bian­ze del­la politica.

Vin­cen­zo Vita[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?