Max non c’è più. #iostoconMax, sempre

Max Fanelli se ne è andato nelle scorse ore. La comunità di Possibile si raccoglie nel suo ricordo e con l'impegno nel seguire la strada da lui tracciata.
Max_Fanelli

«Mi chia­mo Mas­si­mo Fanel­li, ho 54 anni e da set­tem­bre 2013 sono mala­to di SLA». Que­ste sono le paro­le che apro­no l’appello indi­riz­za­to da Mas­si­mo ‘Max’ Fanel­li a Pip­po Civa­ti quan­do il 28 mar­zo 2015 si incon­tra­ro­no per la pri­ma vol­ta.

Ini­zia­va così un inten­so scam­bio tra Max e la comu­ni­tà di Pos­si­bi­le, a livel­lo isti­tu­zio­na­le ma soprat­tut­to nel­le piaz­ze, a soste­gno di una bat­ta­glia di civil­tà che abbia­mo sem­pre rite­nu­to fon­da­men­ta­le, e ora anco­ra di più.

Il nostro impe­gno, gui­da­ti da Max, è sta­to a favo­re del­la calen­da­riz­za­zio­ne del­la leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re sul rifiu­to di trat­ta­men­ti sani­ta­ri e licei­tà dell’eutanasia, pro­mos­sa dall’Asso­cia­zio­ne Luca Coscio­ni e dal Comi­ta­to Euta­na­sia Lega­le, depo­si­ta­to alla Came­ra dei Depu­ta­ti il 13 dicem­bre 2013. Anco­ra oggi tut­to tace, tra veti incro­cia­ti e opportunismi.

Per que­sto chie­dem­mo ai capi­grup­po del Sena­to – cioè colo­ro che di fat­to deten­go­no il pote­re di deter­mi­na­re l’avvio del­la discus­sio­ne o meno – di pren­de­re una posi­zio­ne: sì o no. Basta ten­ten­na­men­ti e basta paro­le al ven­to. L’abbiamo fat­to, come nostra abi­tu­di­ne, sul web e per le stra­de, con ban­chet­ti infor­ma­ti­vi e per la rac­col­ta di fir­me a soste­gno del­la calen­da­riz­za­zio­ne.

Sem­pre al fian­co di Max, ma soprat­tut­to con sem­pre Max — il tes­se­ra­to n° 1 di Pos­si­bi­le — al nostro fian­co. Pron­to a ret­wit­ta­re, a con­di­vi­de­re su Face­book, a rin­gra­zia­re gli atti­vi­sti che distri­bui­va­no volan­ti­ni arco­ba­le­no, come il suo cap­pel­lo. E sem­pre pron­to a incon­tra­re e a con­fron­tar­si con tutti.

A Firen­ze, Cam­pi Bisen­zio, Figli­ne Val­dar­no, Rigna­no e Mon­te­lu­po Fio­ren­ti­no la nostra bat­ta­glia è arri­va­ta in Con­si­glio comu­na­le, men­tre a Roma è arri­va­ta alla Came­ra dei Depu­ta­ti, alla pre­sen­za di Ste­fa­no Rodo­tà, avvian­do con l’occasione la discus­sio­ne sul­la ste­su­ra di una car­ta sui dirit­ti dei moren­ti, che vede una pri­ma boz­za nel “Deca­lo­go sui dirit­ti dei moren­ti”.

Il 29 mag­gio è sta­to il tuo com­plean­no, Max. E abbia­mo volu­to festeg­giar­lo insie­me a te.

Il nostro impe­gno non ter­mi­na qui, anzi. Andre­mo avan­ti per la stra­da che hai trac­cia­to, for­ti del­la tena­cia e del­la digni­tà che ci hai insegnato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.