Marina di Pisa: no all’intitolazione della rotatoria a Giuseppe Niccolai

In una comunità e in una Repubblica democratica, non può essere additato ad esempio per la cittadinanza l'operato politico e culturale di un fascista dichiarato quale Giuseppe Niccolai

[vc_row][vc_column][vc_column_text]E’ di que­sti gior­ni la deci­sio­ne del­l’am­mi­ni­stra­zio­ne Con­ti di inti­to­la­re tre rota­to­rie a Mari­na di Pisa alla memo­ria di tre noti per­so­nag­gi del­la sto­ria poli­ti­ca pisa­na. La deli­be­ra di Giun­ta ha accol­to una mozio­ne, appro­va­ta nel 2013, dal con­si­glio comu­na­le del­l’e­po­ca, a mag­gio­ran­za cen­tro­si­ni­stra. La mozio­ne, a pri­ma fir­ma del­l’al­lo­ra con­si­glie­re comu­na­le Filip­po Bedi­ni del Pdl (oggi asses­so­re all’Am­bien­te nel­la giun­ta di destra pisa­na, in quo­ta Fdi), pro­po­ne­va l’in­ti­to­la­zio­ne di tre stra­de a tre sto­ri­ci espo­nen­ti poli­ti­ci pisa­ni: Car­lo Ciuc­ci (Dc), Giu­sep­pe De Feli­ce (Pci) e Giu­sep­pe Nic­co­lai (Msi). Fu appro­va­ta con 12 voti a favo­re su 25 pre­sen­ti: vota­ro­no con­tro i con­si­glie­ri di Sel e Prc, men­tre 10 con­si­glie­ri (9 dei qua­li del Pd) si asten­ne­ro. Alla mozio­ne non è sta­to mai dato segui­to, fino appun­to alla deci­sio­ne di Giun­ta del­lo scor­so 18 otto­bre, che por­ta a com­pi­men­to il per­cor­so comin­cia­to ben sei anni fa.

Dure furo­no già allo­ra le rea­zio­ni. L’I­sti­tu­to Sto­ri­co del­la Resi­sten­za in Tosca­na defi­nì “assai gra­ve” la deci­sio­ne di inti­to­la­re una stra­da a Giu­sep­pe Nic­co­lai, “per­so­na e uomo poli­ti­co che, con i fat­ti e con le paro­le, ha sem­pre mani­fe­sta­to e riven­di­ca­to il suo orien­ta­men­to dichia­ra­ta­men­te fasci­sta, pri­ma e dopo la cadu­ta del regi­me”.

Si leg­ge infat­ti sul sito del Movi­men­to Socia­le Ita­lia­no: “Lau­rea­to in giu­ri­spru­den­za, è sta­to un gior­na­li­sta, un diri­gen­te indu­stria­le, ha fat­to par­te del­le orga­niz­za­zio­ni gio­va­ni­li fasci­ste, è sta­to un sol­da­to, un poli­ti­co, ma sopra­tut­to un fasci­sta che mai ha rin­ne­ga­to il pro­prio pas­sa­to ma che anzi ne ha sem­pre esal­ta­to le vir­tù” (Giu­sep­pe “Bep­pe” Nic­co­lai – Nozio­ni biografiche).

Giu­sep­pe Nic­co­lai da gio­va­ne stu­den­te par­te­ci­pò come volon­ta­rio alla cam­pa­gna del Nor­da­fri­ca, nel cor­so del­la Secon­da Guer­ra Mon­dia­le. Cat­tu­ra­to dagli ingle­si, ven­ne tenu­to pri­gio­nie­ro nel Fasci­st Cri­mi­nal Camp di Here­ford, nel Texas, fino al 1946, quan­do fu libe­ra­to a segui­to del­l’am­ni­stia fir­ma­ta da Togliatti.

“Qua­li che pos­sa­no esse­re le qua­li­tà e l’e­ven­tua­le coe­ren­za di un indi­vi­duo – pro­se­gue anco­ra la nota di allo­ra del­l’I­sti­tu­to Sto­ri­co del­la Resi­sten­za -, l’in­ti­to­la­zio­ne di una stra­da è un atto pub­bli­co con cui si addi­ta ad esem­pio e si con­sa­cra come par­te qua­li­fi­can­te del­la memo­ria civi­le un even­to, una per­so­na, un idea­le. In una comu­ni­tà e in una Repub­bli­ca demo­cra­ti­ca, non può esse­re addi­ta­to ad esem­pio per la cit­ta­di­nan­za l’o­pe­ra­to poli­ti­co e cul­tu­ra­le di un fasci­sta dichia­ra­to qua­le Giu­sep­pe Nic­co­lai”.

Fer­ma­men­te con­tra­ria all’in­ti­to­la­zio­ne si espres­se anche la Biblio­te­ca Fran­co Seran­ti­ni di Pisa, inti­to­la­ta alla memo­ria del­l’a­nar­chi­co mor­to nel car­ce­re Don Bosco di Pisa, a segui­to del­le per­cos­se rice­vu­te dal­la Poli­zia men­tre par­te­ci­pa­va ad una mani­fe­sta­zio­ne di pro­te­sta con­tro un comi­zio fasci­sta del­lo stes­so Niccolai.

Non meno coe­ren­te fu la sua atti­vi­tà par­la­men­ta­re, duran­te la qua­le Giu­sep­pe Nic­co­lai fir­mò, tra le altre, le pro­po­ste riguar­dan­ti l’e­sten­sio­ne dei bene­fi­ci di guer­ra a colo­ro che fece­ro par­te del­le for­ze arma­te del­la Repub­bli­ca Socia­le Ita­lia­na, il ripri­sti­no del­le deco­ra­zio­ni al valo­re mili­ta­re per i com­bat­ten­ti fasci­sti nel­la guer­ra di Spa­gna, il rin­no­vo del­le pen­sio­ni e degli asse­gni di guer­ra agli appar­te­nen­ti alla Mili­zia volon­ta­ria per la sicu­rez­za nazio­na­le, il cor­po di gen­dar­me­ria a ordi­na­men­to mili­ta­re che nel 1924 diven­ne for­za arma­ta fasci­sta, il ripri­sti­no del­la pena di mor­te, con la modi­fi­ca del­l’ar­ti­co­lo 27 del­la Costituzione.

“Cre­do fer­ma­men­te sia arri­va­ta l’o­ra di supe­ra­re cer­ti stec­ca­ti che non han­no più radi­ca­men­to nel sen­ti­re comu­ne”, dichia­ra­va nel 2013 il con­si­glie­re comu­na­le Filip­po Bedini.

“Con que­sto atto — ha aff­fer­ma­to l’at­tua­le vice­sin­da­ca con dele­ga al Patri­mo­nio, Raf­fael­la Bon­san­gue (For­za Ita­lia) — dia­mo ese­cu­zio­ne ad una deli­be­ra di Con­si­glio Comu­na­le già assun­ta in pre­ce­den­za. ( … ). Nei pros­si­mi gior­ni fis­se­re­mo le date di inau­gu­ra­zio­ne dei tre spa­zi pub­bli­ci che ver­ran­no inte­sta­ti a tre poli­ti­ci che han­no fat­to la sto­ria del­la città”.

Tut­ta­via, guar­da caso, la tem­pi­sti­ca dice che il 31 otto­bre cade il tren­ten­na­le del­la mor­te di Giu­sep­pe Nic­co­lai: si sta­rà cer­can­do di celebrarlo?

Come coa­li­zio­ne cit­ta­di­na Dirit­ti in comu­ne (Una cit­tà in comu­ne, Rifon­da­zio­ne comu­ni­sta, Pos­si­bi­le) ci chie­dia­mo, e chie­dia­mo alle per­so­ne che han­no vota­to la mozio­ne nel 2013 e l’atto di Giun­ta l’altro ieri: qua­le mes­sag­gio si vuo­le dare inti­to­lan­do una rota­to­ria a una per­so­na che ha pro­va­to per tut­ta la sua vita a difen­de­re il fasci­smo e a soste­ne­re che il fasci­smo non è sta­to un regi­me dit­ta­to­ria­le col­pe­vo­le dei peg­gio­ri cri­mi­ni? Per cosa dav­ve­ro deve esse­re ricor­da­to Nic­co­lai dai pisani?

Ci pare che l’in­ten­to ipo­cri­ta­men­te non dichia­ra­to in modo aper­to è anco­ra una vol­ta por­re sul­lo stes­so pia­no chi si è bat­tu­to (o si bat­te) con­tro il fasci­smo e chi lo ha soste­nu­to (o ne fa apo­lo­gia). Il che in sostan­za equi­va­le a svuo­ta­re di con­te­nu­to, a dele­git­ti­ma­re i valo­ri fon­dan­ti e costi­tu­zio­na­li dell’antifascismo.

E allo­ra vale la pena chiu­de­re con le paro­le del­l’I­sti­tu­to Sto­ri­co del­la Resi­sten­za di sei anni fa: “Le isti­tu­zio­ni e i par­ti­ti che in esse rap­pre­sen­ta­no la cit­tà dovreb­be­ro esse­re i pri­mi tuto­ri dei valo­ri demo­cra­ti­ci, ma sem­bra­no inve­ce smar­ri­re ogni cer­tez­za. Li richia­mia­mo vigo­ro­sa­men­te al loro ruo­lo e al loro com­pi­to, ricor­dan­do che essi sono per pri­mi chia­ma­ti a rispet­ta­re e far rispet­ta­re la Costi­tu­zio­ne demo­cra­ti­ca e repub­bli­ca­na, sca­tu­ri­ta dal­la lot­ta al fasci­smo e fon­da­ta su valo­ri che del fasci­smo furo­no e sono l’an­ti­te­si”.

Ema­nue­la Amendola[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?