Marche, Possibile: “Ferma condanna per le scritte omofobe ma anche impegno per una legge su LGBTIfobia”

Ci troviamo ad affrontare un clima ostile e chiediamo che ci sia un intervento netto e chiaro a tutela delle persone LGBTI. Ogni giorno leggiamo di discriminazioni e odio, tutto questo è inaccettabile. Chiediamo tutela e rispetto per le persone LGBTI
lgbt+

«Condanniamo senza esitazione le scritte omofobe comparse sul litorale tra Fano e Pesaro ed esprimiamo piena solidarietà alla comunità LGBTI marchigiana ed al Comitato Arcigay che ha subito denunciato l’accaduto. Da mesi assistiamo quotidianamente ad atti di discriminazione, violenza e odio. Ci troviamo ad affrontare un clima ostile e chiediamo che ci sia un intervento netto e chiaro a tutela delle persone LGBTI. Ogni giorno leggiamo di discriminazioni e odio, tutto questo è inaccettabile. Chiediamo tutela e rispetto per le persone LGBTI» affermano Luca Angeloni di Marche Possibile e Gianmarco Capogna di Possibile LGBTI+.

«La nostra Regione sia un luogo accogliente per tutte e tutti. Per questo rigettiamo ogni discriminazione e odio e ci impegniamo a sostenere associazioni e movimenti per un grande lavoro di sensibilizzazione e lotta all’odio come abbiamo sempre fatto in questi anni» commenta Beatrice Brignone, segretaria nazionale di Possibile, che aggiunge «Trovo che sia gravissimo il silenzio istituzionale del Governo e della classe dirigente del nostro Paese che ignora totalmente la sicurezza, la libertà e l’uguaglianza delle persone LGBTI in Italia. Il Parlamento torni a parlare di aggravanti per orientamento sessuale e identità di genere per completare il quadro normativo della Legge Mancino prevedendo anche un grande piano culturale per vincere stereotipi, pregiudizi e discriminazioni. Serve una legge chiara, europea, che non permetta alibi o giustificazioni perché l’omobitransfobia non è libertà d’opinione ma un’arma pericolosa che distrugge la vita a partire dai giovanissimi sempre più esposti all’odio. Siamo pronti a lavorare con tutte le realtà del movimento LGBTI per una grande stagione di lotta politica per la liberazione di tutte e tutti. Per questo abbiamo lanciato la campagna nazionale Possibile LGBTI che stiamo portando in giro per i vari territori stringendo relazioni e rilanciando un impegno politico che rifugge ogni compromesso al ribasso sulla vita e la dignità delle persone».

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Post Correlati