Manovra, Pastorino: il governo non dimentichi i precari della ricerca

#
“I precari della ricerca non devono più aspettare. La Legge di Bilancio, definita ‘snella’ dal presidente del Consiglio Gentiloni, è più che altro invisibile, visto che non esiste un testo, ma solo una serie di titoli. E, anche dagli slogan, non c’è una parola per i precari che operano negli enti pubblici di ricerca, tra cui il Cnr, e gli Irccs, tra cui ad esempio il Gaslini di Genova”. Lo dichiara il deputato di Possibile, Luca Pastorino.
“Migliaia di ricercatori – aggiunge il parlamentare di Possibile – stanno aspettando da anni e anni una stabilizzazione, che sarebbe un atto di dignità del governo. Ma, nonostante le promesse di investimento nel settore, la ricerca pubblica continua a essere la Cenerentola d’Italia. Anzi viene ignorata dalla manovra snella annunciata da Palazzo Chigi”.
“Faccio quindi appello – conclude Pastorino – al Governo e a tutte le forze politiche affinché si possa procedere alla stabilizzazione di tutti i precari della ricerca, e fare in modo che venga applicata la Madia, individuando le risorse necessarie in questa Legge di Bilancio”.
  • 153
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati