Magliettine rosse

Anche Ernesto aveva una magliettina rossa, perché la sua mamma ha una paura differente: io ho paura che possa diventare una di quelle persone che stanno zitte di fronte alla violenza, al bullismo e al razzismo.
#

Mio figlio ha tre mesi, e viene da un finesettimana di politica intenso.
Perché a tre mesi, nel caldo di luglio, i suoi genitori matti l’hanno portato a Reggio Emilia per il suo primo Politicamp nella speranza che per osmosi acquisisca determinati valori, e nella convinzione che per avere adulti decenti il lavoro vada iniziato il prima possibile.

Abbiamo indossato magliette rosse perché la paura di quei genitori che vestono di rosso i propri figli prima di attraversare il Mediterraneo su un barcone possa essere cancellata.

Anche Ernesto aveva una magliettina rossa, perché la sua mamma ha una paura differente: io ho paura che possa diventare una di quelle persone che stanno zitte di fronte alla violenza, al bullismo e al razzismo.

Una di quelle persone che stanno zitte quando dicono a un bambino di 5 anni “fai schifo, sei nero, vattene”.
Che stanno zitte quando aizzano un cane contro una donna musulmana in metropolitana o un venditore ambulante in spiaggia.

Abbiamo portato nostro figlio di tre mesi a Reggio, non al mare, perché impari fin da subito a non stare zitto, a non abbassare la testa di fronte alla violenza e alle storture di una società egoista e di una politica becera, che insegnano a dare la caccia al nemico sbagliato.

  • 198
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati