I magistrati pagati con i voucher (ma non chiamateli così)

La legge delega si è ben guardata dal prevedere espressamente i voucher, ma il principio è lo stesso: i magistrati onorari diventeranno tutti prestatori di lavoro accessorio.

Ci era­va­mo lascia­ti il 14 mar­zo scor­so con l’auspicio che la Came­ra dei depu­ta­ti modi­fi­cas­se il dise­gno di leg­ge gover­na­ti­vo del­la rifor­ma del­la magi­stra­tu­ra ono­ra­ria, dimo­stran­do così di non esse­re la sede di rati­fi­ca del­le deci­sio­ni dell’esecutivo. Ma la Costi­tu­zio­ne è già sta­ta modi­fi­ca­ta mate­rial­men­te: i ruo­li si sono inver­ti­ti, il Gover­no legi­fe­ra ed è il Par­la­men­to che “ese­gue”. Così il dise­gno di leg­ge è sta­to appro­va­to e l’indomani le agen­zie di stam­pa a bat­te­re la noti­zia ripor­tan­do i com­men­ti sod­di­sfat­ti del mini­stro del­la Giu­sti­zia.

E dire che l’auspicio lo ave­va­mo espres­so con­fron­tan­do­ci anche con i depu­ta­ti del­la mag­gio­ran­za. Chi di loro ave­va ascol­ta­to le ragio­ni del Movi­men­to Sei Luglio ne ave­va anche con­di­vi­so gli argo­men­ti, per ammet­te­re che si sareb­be tro­va­to in dif­fi­col­tà a vota­re, e con­clu­de­re — in modo anti­fra­sti­co — che non avreb­be potu­to sot­trar­si alle diret­ti­ve di par­ti­to. A segui­re in strea­ming le vota­zio­ni e ad ana­liz­za­re la distin­ta dei voti elet­tro­ni­ci, infat­ti, non è dato capi­re qua­li dif­fi­col­tà gli stes­si abbia­no incon­tra­to. Noi a chie­der­ci, inve­ce, stan­do così le cose, a che cosa ser­va­no 630 depu­ta­ti (for­se di meno non sareb­be­ro suf­fi­cien­ti ad ali­men­ta­re il moto­re del­la mac­chi­na del­le ele­zio­ni — tra can­di­da­ti-spec­chiet­ti del­le allo­do­le e siste­ma clien­te­la­re -, abbia­mo pro­va­to a risponderci).

Non che con­di­vi­de­re i nostri argo­men­ti fos­se dif­fi­ci­le. Quan­do saran­no appro­va­ti i decre­ti dele­ga­ti, il nuo­vo siste­ma retri­bu­ti­vo – ci pare di capi­re nel­la vaghez­za nor­ma­ti­va – non sarà mol­to dis­si­mi­le dai vou­cher. Cer­to, la leg­ge dele­ga si è ben guar­da­ta dal pre­ve­de­re espres­sa­men­te i vou­cher, ma il prin­ci­pio è lo stes­so: i magi­stra­ti ono­ra­ri diven­te­ran­no tut­ti pre­sta­to­ri di lavo­ro acces­so­rio. Che altro vuol dire se non que­sto la leg­ge dele­ga quan­do sta­bi­li­sce che la dota­zio­ne orga­ni­ca dei magi­stra­ti ono­ra­ri, i com­pi­ti e le atti­vi­tà, gli obiet­ti­vi di pro­dut­ti­vi­tà, i cri­te­ri di liqui­da­zio­ne del­le inden­ni­tà devo­no assi­cu­ra­re «la com­pa­ti­bi­li­tà dell’incarico ono­ra­rio con lo svol­gi­men­to di altre atti­vi­tà lavo­ra­ti­ve»? Met­ti insie­me que­sta pre­vi­sio­ne con quel­la che attri­bui­sce al mini­ste­ro del­la Giu­sti­zia il pote­re di sta­bi­li­re il bud­get a dispo­si­zio­ne di ogni sin­go­lo uffi­cio per retri­bui­re i magi­stra­ti ono­ra­ri, ed ecco che tut­to diven­ta chiaro.

Non è chia­ro – lo abbia­mo chie­sto al Pri­mo Mini­stro con un tweet rima­sto sen­za rispo­sta — se nel­le tren­ta sli­de pub­bli­ca­te per cele­bra­re i tren­ta mesi del Gover­no Ren­zi, i magi­stra­ti ono­ra­ri impie­ga­ti a tem­po pie­no sen­za dirit­ti, sia­no con­si­de­ra­ti come occu­pa­ti (for­se sì, visto che la loro retri­bu­zio­ne è sog­get­ta a impo­si­zio­ne fisca­le). Plea­se, non tas­sa­te­ci se non sia­mo lavo­ra­to­ri (visto che non ci rico­no­sce­te nem­me­no pre­vi­den­za, assi­sten­za per malat­tia, mater­ni­tà, ferie).

Slo­gan nuo­vi­sti e annun­cia­zio­ne di effi­cien­za non spie­ga­no nem­me­no come la rifor­ma sia com­pa­ti­bi­le con la cri­si cro­ni­ca in cui ver­sa la giu­sti­zia, né come la clas­si­fi­ca­zio­ne dei magi­stra­ti ono­ra­ri come pre­sta­to­ri  di lavo­ro acces­so­rio sia com­pa­ti­bi­le con la pre­vi­sio­ne del­la leg­ge dele­ga che sta­bi­li­sce la natu­ra «varia­bi­le» di una par­te del­la retri­bu­zio­ne (in fun­zio­ne degli obiet­ti­vi rag­giun­ti). Se la pre­sta­zio­ne è acces­so­ria non si può incen­ti­va­re il «pre­sta­to­re» a pro­dur­re di più. Oltre alla con­trad­di­zio­ne logi­ca, non stia­mo a dire che è peri­co­lo­so para­me­tra­re alla pro­dut­ti­vi­tà la retri­bu­zio­ne di chi dovreb­be jus dice­re. Non lo stia­mo a dire noi, per­ché lo ha già det­to il Comi­ta­to dei Mini­stri del Con­si­glio d’Europa il 17 novem­bre del 2010 («Devo­no esse­re evi­ta­ti siste­mi che fac­cia­no dipen­de­re dal­le pre­sta­zio­ni gli ele­men­ti essen­zia­li del­la retri­bu­zio­ne, in quan­to essi pos­so­no crea­re dif­fi­col­tà all’in­di­pen­den­za dei giudici»).

D’altronde anche la Com­mis­sio­ne Euro­pea, rispon­den­do alla denun­cia di un magi­stra­to ono­ra­rio, ha già avvia­to una pro­ce­du­ra d’infrazione nei con­fron­ti dell’Italia per vio­la­zio­ne del dirit­to euro­peo (citan­do, tra l’altro, la nota sen­ten­za del­la Cor­te di Giu­sti­zia Euro­pea “Masco­lo” — che riguar­da­va l’abuso del rap­por­to di lavo­ro a ter­mi­ne degli inse­gnan­ti). Il Gover­no non se n’è cura­to affat­to. Il 9 set­tem­bre scor­so, rispon­den­do alle dif­fi­de pre­sen­ta­te indi­vi­dual­men­te da mol­ti magi­stra­ti ono­ra­ri, il mini­ste­ro del­la Giu­sti­zia ha dira­ma­to una nota che tra­scu­ra i rilie­vi euro­pei, sal­vo riba­di­re, in sostan­za, che i magi­stra­ti ono­ra­ri non sono lavo­ra­to­ri per­ché la leg­ge ita­lia­na li defi­ni­sce ono­ra­ri. Non ha cer­to rispo­sto a cia­scu­no dei magi­stra­ti ono­ra­ri che ave­va­no pre­sen­ta­to la dif­fi­da, dun­que, ma ha indi­riz­za­to la nota ai pre­si­den­ti del­le cor­ti d’appello (e ai pro­cu­ra­to­ri gene­ra­li), “invi­tan­do­li” a loro vol­ta a dira­mar­la a tut­ti i magi­stra­ti ono­ra­ri. Così i pre­si­den­ti del­le cor­ti d’appello che vor­ran­no accet­ta­re l’invito, la dovran­no dira­ma­re a tut­ti i pre­si­den­ti dei tri­bu­na­li invi­tan­do­li a con­ti­nua­re la dira­ma­zio­ne. Il bel­lo è che gli invi­ta­ti diri­go­no gli uffi­ci in cui pre­sta­no ser­vi­zio i giu­di­ci che dovran­no deci­de­re (secon­do indi­pen­den­za, ter­zie­tà e impar­zia­li­tà) i ricor­si di lavo­ro nel frat­tem­po pre­sen­ta­ti dai magi­stra­ti ono­ra­ri. Spe­ria­mo che, dopo il rove­scia­men­to dei ruo­li tra Par­la­men­to e Gover­no, la nota non sug­ge­ri­sca anche un ruo­lo ese­cu­ti­vo ai giudici.

Tra un invi­to e un altro ci per­met­tia­mo di rivol­ger­ne uno anche noi al Gover­no: a non svi­li­re a sua vol­ta il pro­prio ruo­lo ese­cu­ti­vo per­se­guen­do i fini non del­lo Sta­to, ma di orga­ni­smi come JP Mor­gan, che disap­pro­va­no, come è noto, le tute­le costi­tu­zio­na­li dei dirit­ti dei lavo­ra­to­ri. L’Italia è – anco­ra — una Repub­bli­ca demo­cra­ti­ca, fon­da­ta sul lavoro.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?