Maggiore autonomia delle regioni per abolire le regioni: tutte le giravolte grilline

Solo due anni fa Grillo voleva vincere le regionali per abolire le regioni. Prima volevano abolire le province. Ora sono autonomisti.
grillo

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1508506606283{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]«Dob­bia­mo vin­ce­re le regio­na­li per abo­li­re le regio­ni: è mera­vi­glio­so. Se non vin­cia­mo noi non le abo­li­ran­no mai». Paro­la di Bep­pe Gril­lo, cam­pa­gna elet­to­ra­le del 2015 (ascol­ta­te con le vostre orec­chie): abo­li­re!

Un pen­sie­ro che arri­va da lon­ta­no, come quan­do nel 2012 scri­ve­va un post inti­to­la­to «Le Regio­ni dei maia­li» (solo?) in cui soste­ne­va che «Le Regio­ni sono enti per nul­la auto­no­mi dai pote­ri limi­ta­ti qua­si esclu­si­va­men­te alla Sani­tà a cui vie­ne desti­na­ta la qua­si tota­li­tà del­le spe­se di bilan­cio, il resto va in strut­tu­re, sti­pen­di, mis­sio­ni, pro­mo­zio­ne, feste in costu­me, rim­bor­si spe­se». Ai tem­pi le Regio­ni era­no sta­te tra­vol­te dagli scan­da­li e sca­gliar­si con­tro di loro era mol­to sem­pli­ce. «A capo di que­sti enti c’è il Gover­na­to­re che taglia nastri di ospe­da­li inu­ti­li ed ha come uni­co pote­re quel­lo di inde­bi­ta­re la Regio­ne. […] Chi con­trol­la le spe­se del­le Regio­ni? La Cor­te dei Con­ti, i soler­ti gior­na­li­sti del­le noti­zie post data­te come è avve­nu­to nel Lazio, il Gover­no? Chi?» Le regio­ni «sono a tut­ti gli effet­ti inu­ti­li. Van­no ripen­sa­te com­ple­ta­men­te […] o eli­mi­na­te».

Un’opinione soste­nu­ta da un son­dag­gio fat­to sul mede­si­mo blog, che ina­spet­ta­ta­men­te (sì, ciao) resti­tuì un risul­ta­to per cui «la mag­gio­ran­za, il 51%, ritie­ne che le Regio­ni andreb­be­ro abo­li­te». Abo­li­re!

Un anno dopo non era­no inve­ce più di moda le pro­vin­ce, e allo­ra anda­va­no abo­li­te (abo­li­te!) anche que­ste: «Il Movi­men­to 5 Stel­le da sem­pre è per l’a­bo­li­zio­ne del­le Pro­vin­ce. Coe­ren­te­men­te da quan­do è nato, già con le pri­me liste civi­che 5 stel­le pre­sen­ta­te nel­l’a­pri­le 2008, non si pre­sen­ta per le ele­zio­ni di tale ente». «Abo­li­re subi­to le pro­vin­ce e rispar­mia­re 2 miliar­di», era il gri­do di battaglia.

Abo­li­re tut­to abo­li­re subito.

Arri­via­mo al 2017 e il Movi­men­to 5 Stel­le si risco­pre auto­no­mi­sta e regio­na­li­sta: «Abbia­mo da sem­pre denun­cia­to e com­bat­tu­to con­tro lo spre­co di risor­se pub­bli­che anche degli enti loca­li, ma per il M5S al stra­da da per­cor­re­re non è l’ac­cen­tra­men­to, ma por­ta­re le risor­se pub­bli­che il più vici­no pos­si­bi­le ai cit­ta­di­ni», scri­vo­no ora, invi­tan­do al voto posi­ti­vo ai refe­ren­dum leghi­sti e smen­ten­do le loro stes­se pre­ce­den­ti pre­se di posi­zio­ne. Riven­di­ca­no addi­rit­tu­ra la pro­po­sta come fari­na del loro sac­co.

«La Lom­bar­dia può pren­der­si ciò che meri­ta e saran­no i lom­bar­di a deci­de­re col refe­ren­dum», dice Dani­lo Toni­nel­li. Capi­to? La stes­sa Lom­bar­dia che, insie­me al Vene­to, vole­va­no abo­li­re due anni fa. E aggiun­ge: «Basta con le fal­se pro­mes­se auto­no­mi­ste del­la Lega. Qui c’è la con­cre­tez­za di chi, come il MoVi­men­to 5 Stel­le, vuo­le sem­pli­ce­men­te appli­ca­re la nostra Costi­tu­zio­ne». Chi cri­ti­ca le “fal­se pro­mes­se auto­no­mi­ste” del­la Lega solo due anni fa vole­va abo­li­re le regio­ni.

Ora, inve­ce, voglio­no che Maro­ni e Zaia abbia­no più com­pe­ten­ze sul­la «tute­la del­la salu­te» e «l’inquinamento dell’acqua», dice Fede­ri­co D’Incà, depu­ta­to Vene­to, una ter­ra let­te­ral­men­te deva­sta­ta da uno svi­lup­po urba­ni­sti­co scel­le­ra­to, sul qua­le la Regio­ne ha già ampie com­pe­ten­ze. Lo stes­so si dica per la Lombardia.

In Lom­bar­dia, inol­tre, gli han­no mes­so un tablet sot­to il naso e non ci han­no capi­to più nul­la, ma pro­prio nul­la. Riven­di­ca­no con orgo­glio il pri­mo voto elet­tro­ni­co del­la sto­ria repub­bli­ca­na, nono­stan­te sia costa­to 50 milio­ni di euro (tut­to il voto), di cui una ven­ti­na spe­si appo­si­ta­men­te per il voto elet­tro­ni­co, tra “voting machi­ne”, soft­ware, assi­sten­za e for­ma­zio­ne. E nono­stan­te a for­ni­re tut­to que­sto appa­ra­to sia un’azienda che le cro­na­che descri­vo­no come inaf­fi­da­bi­le, con tan­to di denun­ce da par­te di esper­ti di sicu­rez­za informatica.

Sono sem­pre quel­li che denun­cia­va­no i gover­na­to­ri che taglia­no nastri inu­ti­li. Que­sta vol­ta, però, caro gover­na­to­re Maro­ni, giù le mani dal nastro del tablet, che è di com­pe­ten­za a 5 stel­le.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.