Ma come “stravagante”, Nicola?

Se avessi avuto il suo numero, l’avrei chiamato: “Ma come stravagante? In quale aspetto esattamente? Procedimentale? Sostanziale?”.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ieri la Cor­te Costi­tu­zio­na­le si è pro­nun­cia­ta sul cosid­det­to erga­sto­lo osta­ti­vo, dichia­ran­do­ne la par­zia­le inco­sti­tu­zio­na­li­tà. Vale la pena, per non sba­glia­re, par­ti­re dal comu­ni­ca­to stam­pa del­la Cor­te stessa:

La Cor­te costi­tu­zio­na­le si è riu­ni­ta oggi in came­ra di con­si­glio per esa­mi­na­re le que­stio­ni sol­le­va­te dal­la Cor­te di cas­sa­zio­ne e dal Tri­bu­na­le di sor­ve­glian­za di Peru­gia sul­la legit­ti­mi­tà dell’articolo 4 bis, com­ma 1, dell’Ordinamento peni­ten­zia­rio là dove impe­di­sce che per i rea­ti in esso indi­ca­ti sia­no con­ces­si per­mes­si pre­mio ai con­dan­na­ti che non col­la­bo­ra­no con la giu­sti­zia. In entram­bi i casi, si trat­ta­va di due per­so­ne con­dan­na­te all’ergastolo per delit­ti di mafia. In atte­sa del depo­si­to del­la sen­ten­za, l’Ufficio stam­pa del­la Cor­te fa sape­re che a con­clu­sio­ne del­la discus­sio­ne le que­stio­ni sono sta­te accol­te nei seguen­ti ter­mi­ni. La Cor­te ha dichia­ra­to l’illegittimità costi­tu­zio­na­le dell’articolo 4 bis, com­ma 1, dell’Ordinamento peni­ten­zia­rio nel­la par­te in cui non pre­ve­de la con­ces­sio­ne di per­mes­si pre­mio in assen­za di col­la­bo­ra­zio­ne con la giu­sti­zia, anche se sono sta­ti acqui­si­ti ele­men­ti tali da esclu­de­re sia l’attualità del­la par­te­ci­pa­zio­ne all’associazione cri­mi­na­le sia, più in gene­ra­le, il peri­co­lo del ripri­sti­no di col­le­ga­men­ti con la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta. Sem­pre che, ovvia­men­te, il con­dan­na­to abbia dato pie­na pro­va di par­te­ci­pa­zio­ne al per­cor­so rie­du­ca­ti­vo. In que­sto caso, la Cor­te ‑pro­nun­cian­do­si nei limi­ti del­la richie­sta dei giu­di­ci rimet­ten­ti ‑ha quin­di sot­trat­to la con­ces­sio­ne del solo per­mes­so pre­mio alla gene­ra­le appli­ca­zio­ne del mec­ca­ni­smo “osta­ti­vo” (secon­do cui i con­dan­na­ti per i rea­ti pre­vi­sti dall’articolo 4 bis che dopo la con­dan­na non col­la­bo­ra­no con la giu­sti­zia non pos­so­no acce­de­re ai bene­fi­ci pre­vi­sti dall’Ordinamento peni­ten­zia­rio per la gene­ra­li­tà dei dete­nu­ti). In vir­tù del­la pro­nun­cia del­la Cor­te, la pre­sun­zio­ne di “peri­co­lo­si­tà socia­le” del dete­nu­to non col­la­bo­ran­te non è più asso­lu­ta ma diven­ta rela­ti­va e quin­di può esse­re supe­ra­ta dal magi­stra­to di sor­ve­glian­za, la cui valu­ta­zio­ne caso per caso deve basar­si sul­le rela­zio­ni del Car­ce­re non­ché sul­le infor­ma­zio­ni e i pare­ri di varie auto­ri­tà, dal­la Pro­cu­ra anti­ma­fia o anti­ter­ro­ri­smo al com­pe­ten­te Comi­ta­to pro­vin­cia­le per l’ordine e la sicu­rez­za pubblica.

La deci­sio­ne segue la recen­te pro­nun­zia del­la Cor­te Euro­pea dei Dirit­ti dell’Uomo (CEDU) la qua­le ave­va riget­ta­to il ricor­so dell’Italia con­tro una sua sen­ten­za, di con­dan­na del nostro Pae­se, resa nel giu­gno scor­so, nel­la qua­le affer­ma­va che l’erga­sto­lo osta­ti­vo si pone­va in con­tra­sto con l’art. 3 del­la Con­ven­zio­ne che vie­ta la tor­tu­ra, le puni­zio­ni degra­dan­ti e disu­ma­ne, con ciò negan­do di fat­to la pos­si­bi­li­tà per il dete­nu­to di intra­pren­de­re un per­cor­so rieducativo.

L’art. 4 bis dell’Ordinamento Peni­ten­zia­rio pre­ve­de­va (pri­ma dell’intervento in ogget­to) che “L’as­se­gna­zio­ne al lavo­ro all’e­ster­no, i per­mes­si pre­mio e le misu­re alter­na­ti­ve alla deten­zio­ne pre­vi­ste dal capo VI, esclu­sa la libe­ra­zio­ne anti­ci­pa­ta, pos­so­no esse­re con­ces­si ai dete­nu­ti e inter­na­ti per i seguen­ti delit­ti solo nei casi in cui tali dete­nu­ti e inter­na­ti col­la­bo­ri­no con la giu­sti­zia a nor­ma del­l’ar­ti­co­lo 58 ter del­la pre­sen­te leg­ge (…)” (segue l’elenco dei delit­ti, fra cui prin­ci­pal­men­te, ma non solo, quel­li di mafia e terrorismo).

Da ieri, non è più neces­sa­ria la col­la­bo­ra­zio­ne, non esi­ste più l’automatismo, ma il magi­stra­to di sor­ve­glian­za valu­te­rà caso per caso ogni richie­sta e potrà acco­glier­la ma solo, vale la pena ripe­ter­lo, “se sono sta­ti acqui­si­ti ele­men­ti tali da esclu­de­re sia l’attualità del­la par­te­ci­pa­zio­ne all’associazione cri­mi­na­le sia, più in gene­ra­le, il peri­co­lo del ripri­sti­no di col­le­ga­men­ti con la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta. Sem­pre che, ovvia­men­te, il con­dan­na­to abbia dato pie­na pro­va di par­te­ci­pa­zio­ne al per­cor­so rieducativo.”

Per­so­nal­men­te con­di­vi­do la pro­nun­zia del­la Cor­te, anche per­ché cre­do che non sus­si­sta alcun peri­co­lo rea­le cir­ca la paven­ta­ta usci­ta dal car­ce­re di peri­co­lo­si mafio­si.

I requi­si­ti sono strin­gen­ti, ci sarà una valu­ta­zio­ne del­la magi­stra­tu­ra di sor­ve­glian­za, e si eli­mi­na solo un auto­ma­ti­smo e nes­su­no man­che­rà per que­sto di rispet­to a Gio­van­ni Fal­co­ne, Pao­lo Bor­sel­li­no e agli altri magi­stra­ti che han­no dato la vita per com­bat­te­re la mafia.

Un mafio­so, come qual­sia­si altro reo, pri­ma deve distac­car­si dall’organizzazione alla qua­le appar­te­ne­va, dan­do­ne pro­va con ele­men­ti con­cre­ti, dimo­stran­do anche che non sus­si­ste peri­co­lo di rien­tro nel­la mede­si­ma, e par­te­ci­pan­do a un per­cor­so rie­du­ca­ti­vo. Poi, e solo in que­ste con­di­zio­ni potrà otte­ne­re i bene­fi­ci, sen­za neces­sa­ria­men­te diven­ta­re col­la­bo­ra­to­re di giustizia.

Que­sta la que­stio­ne in dirit­to, e tut­te le opi­nio­ni, sem­pre in dirit­to, sono legit­ti­me, pur­chè sia­no atti­nen­ti al tema e sia­no moti­va­te. Poi ci sono le opi­nio­ni poli­ti­che, quel­le di soli­to più stru­men­ta­li, quel­le che per uno sco­po di soli­to banal­men­te elet­to­ra­le aggiun­go­no con­se­guen­ze ine­si­sten­ti, ma mol­to evo­ca­ti­ve, per par­la­re al pro­prio elet­to­ra­to, in par­ti­co­la­re alla sua pancia.

Ad esem­pio Mat­teo Sal­vi­ni (che discet­ta di tut­to meno che dei famo­si 49 milio­ni e del caso Savoi­ni) ha dichia­ra­to in una diret­ta Face­book con la con­sue­ta finez­za: “Un per­mes­so pre­mio a chi ha mas­sa­cra­to, a mafio­si che han­no mas­sa­cra­to? Ma col ca… che gli do il per­mes­so. Non vedo l’o­ra di tor­na­re al gover­no per siste­ma­re un po’ di cose”, come se il gover­no (quan­to meno nell’attuale asset­to demo­cra­ti­co) potes­se influi­re sul­le sen­ten­ze del­la Cor­te Costituzionale.

Sul­la stes­sa lun­ghez­za d’onda l’ex socio Lui­gi Di Maio: “Rispet­to la sen­ten­za, ma il Movi­men­to 5 stel­le non è d’ac­cor­do e fare­mo il pos­si­bi­le affin­ché quel­li che era­no in car­ce­re con regi­me di erga­sto­lo osta­ti­vo ci riman­ga­no fin­ché non si pren­do­no altri mafio­si” (e qui non si capi­sce bene il sen­so, come se fos­se neces­sa­rio un nume­ro mini­mo di mafio­si in car­ce­re) “Si dice che quel regi­me vio­li alcu­ni dirit­ti fon­da­men­ta­li del­la per­so­na, ma quel­le non sono per­so­ne, sono ani­ma­li che han­no ucci­so e sciol­to nel­l’a­ci­do bam­bi­ni”.

Non vale la pena com­men­ta­re, vista la padro­nan­za asso­lu­ta dei nostri prin­ci­pi costi­tu­zio­na­li. Ma, dicia­mo la veri­tà, nes­su­no si stu­pi­sce di que­ste dichia­ra­zio­ni, nes­su­no si aspet­ta nep­pu­re che que­sti per­so­nag­gi cono­sca­no, o alme­no leg­ga­no, la nor­ma­ti­va di cui par­la­no. Inve­ce, quan­do ho sen­ti­to al GR1 del­le 8 di sta­mat­ti­na Nico­la Zin­ga­ret­ti (il nuo­vo socio di gover­no) affer­ma­re che, pur rispet­tan­do­la, la sen­ten­za gli sem­bra­va “stra­va­gan­te”  sin­ce­ra­men­te non me l’aspettavo.

Se aves­si avu­to il suo nume­ro, l’avrei chia­ma­to: “Ma come stra­va­gan­te? In qua­le aspet­to esat­ta­men­te? Pro­ce­di­men­ta­le? Sostan­zia­le?”.

Per­ché nel­la vita si pos­so­no ave­re opi­nio­ni diver­se, e, come a scuo­la, non si può pre­ten­de­re che chi ogni gior­no fa a pugni con l’italiano, o con il rus­so e l’aritmetica, pos­sa espri­me­re un giu­di­zio com­piu­to su una que­stio­ne giu­ri­di­ca com­ples­sa. Ma il segre­ta­rio del Par­ti­to Demo­cra­ti­co non può usa­re una ter­mi­no­lo­gia del gene­re. Spie­ga­ci, Nico­la, con paro­le tue, per­ché la sen­ten­za dell’organo car­di­ne del nostro siste­ma demo­cra­ti­co sareb­be “stra­va­gan­te”, pos­si­bil­men­te in diritto.

Per­ché tu ne hai la pos­si­bi­li­tà, i con­giun­ti­vi non li sba­gli, nel tuo par­ti­to ci sono giu­ri­sti e costituzionalisti.

Per­ché così, caro Nico­la, sem­bra solo una liscia­ta di pelo all’elettorato che insor­ge, quan­do inve­ce all’elettorato che insor­ge le cose andreb­be­ro sem­pli­ce­men­te spiegate.

Per­ché poi se nes­su­no spie­ga, e insor­ge dav­ve­ro, mica vie­ne da te, ma va dagli altri due.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.