L’indagine Consip e la solita cautela che questi non imparano

Mano Lillo su Il Fatto Quotidiano oggi torna sull'indagine che coinvolge il ministro dello sport Luca Lotti e Tiziano Renzi, padre del premier e Alfredo Romeo, chiacchierato imprenditore romano da sempre molto vicino alla politica per la gestione dei suoi affari. Ma non è l'indagine giudiziaria in questo momenti che ci interessa (la magistratura seguirà il suo corso e avremo modo di sapere quanto siano consistenti le accuse) quanto piuttosto un antipatico siparietto che vede coinvolto il giornalista e Michele Emiliano, fresco candidato alla segreteria del PD proprio contro Renzi.

Mar­co Lil­lo su Il Fat­to Quo­ti­dia­no oggi tor­na sul­l’in­da­gi­ne che coin­vol­ge il mini­stro del­lo sport Luca Lot­ti e Tizia­no Ren­zi, padre del pre­mier e Alfre­do Romeo, chiac­chie­ra­to impren­di­to­re roma­no da sem­pre mol­to vici­no alla poli­ti­ca per la gestio­ne dei suoi affa­ri. Ma non è l’in­da­gi­ne giu­di­zia­ria in que­sto momen­ti che ci inte­res­sa (la magi­stra­tu­ra segui­rà il suo cor­so e avre­mo modo di sape­re quan­to sia­no con­si­sten­ti le accu­se) quan­to piut­to­sto un anti­pa­ti­co sipa­riet­to che vede coin­vol­to il gior­na­li­sta e Miche­le Emi­lia­no, fre­sco can­di­da­to alla segre­te­ria del PD pro­prio con­tro Renzi.

Alla doman­da su even­tua­li pres­sio­ni rice­vu­te da Lot­ti e Ren­zi per incon­tra­re Car­lo Rus­so (impren­di­to­re ami­co di Tizia­no Ren­zi e inte­res­sa­to a un inve­sti­men­to immo­bi­lia­re pro­prio in Puglia) Emi­lia­no estrae il tele­fo­ni­no e mostra i mes­sag­gi di Lot­ti e del padre di Ren­zi. «Mi inva­de­va­no di mes­sag­gi per incon­trar­lo ma io mi sono sem­pre rifiu­ta­to» dice Emi­lia­no. Nel­le car­te del­l’in­chie­sta si leg­go­no alcu­ne inter­cet­ta­zio­ni in cui pro­prio Romeo si van­ta­va (tra­mi­te l’im­pren­di­to­re Rus­so) di ave­re stret­te rela­zio­ni con i ren­zia­ni attra­ver­so Lot­ti e papà Renzi.

Ma come? Ma non ci era­va­mo scan­da­liz­za­ti tut­ti per­ché Ren­zi non face­va nem­me­no una tele­fo­na­ta a Emi­lia­no e la mino­ran­za del PD per cer­ca­re di tene­re insie­me il par­ti­to? Altri mes­sag­gi evi­den­te­men­te inve­ce con­ti­nua­va­no ad arri­va­re copiosi.

L’a­mi­ci­zia por­ta­ta in tasca nel­le stan­ze del pote­re è un anti­co vizio tut­to ita­lia­no che, al di là del­le even­tua­li rile­van­ze pena­li, foto­gra­fa per­fet­ta­men­te la con­ce­zio­ne distor­ta del pote­re di chi cre­de che ave­re un ruo­lo di gover­no signi­fi­chi rac­con­ta­re le pro­prie cer­chie più stret­te. Le paro­le di Emi­lia­no pon­go­no del­le doman­de sul­l’e­ti­ca del­l’a­bi­ta­re il pote­re e le sue moda­li­tà di uti­liz­zo e sono un tema poli­ti­co. For­se anche più impor­tan­te del­le scis­sio­ni o scis­sion­ci­ne che si con­su­ma­no in que­sti gior­ni. E sareb­be uti­le rice­ve­re risposte.

Cosa pen­sa Ren­zi degli atteg­gia­men­ti che stan­no emer­gen­do, al di là del­le indagini?

Cosa pen­sa Emi­lia­no del­l’in­va­den­za del­le per­so­ne vici­ne al suo segre­ta­rio non­ché, al tem­po pre­si­den­te del consiglio?

Cosa pen­sa­no gli elet­to­ri del PD di una poli­ti­ca a brac­cet­to del­l’im­pren­di­to­ria che pre­fe­ri­sce l’om­bra fida­ta di un mes­sag­gio rispet­to alle rela­zio­ni alla luce del sole?

Ma soprat­tut­to, in che dire­zio­ne è cam­bia­to il ven­to rispet­to agli atteg­gia­men­ti del­la clas­se poli­ti­ca degli ulti­mi anni?

Non è più tem­po per le cen­to sfu­ma­tu­re di fami­li­smo. Pro­prio no.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?