L’impegno di Pastorino: 40 giorni per Genova

Già da oggi biso­gna anche pen­sa­re a cosa fare per la cit­tà. Ser­ve pri­ma di tut­to una leg­ge spe­cia­le per desti­na­re i fon­di neces­sa­ri a sana­re una feri­ta gigan­te­sca”. È il 15 ago­sto, la mat­ti­na di un Fer­ra­go­sto tra­gi­co per l’Italia: le imma­gi­ni del crol­lo del pon­te Moran­di sono scon­vol­gen­ti e i soc­cor­ri­to­ri sono anco­ra alla ricer­ca di soprav­vis­su­ti. Ma, nono­stan­te il dolo­re, da Pos­si­bi­le, con Luca Pasto­ri­no, arri­va la richie­sta a non fer­mar­si: a pen­sa­re al futu­ro di Geno­va. L’appello è segui­to a ruo­ta dall’intero pano­ra­ma poli­ti­co: tut­ti par­la­no di leg­ge spe­cia­le, inter­ven­ti ad hoc per la cit­tà, il gover­no pro­met­te di tut­to. “La magi­stra­tu­ra farà il pro­prio lavo­ro per accer­ta­re le respon­sa­bi­li­tà. Ma è com­pi­to del­la poli­ti­ca prov­ve­de­re al rilan­cio di una cit­tà che al lut­to dolo­ro­sis­si­mo vede som­mar­si un pro­ble­ma mol­to gra­ve per la mobi­li­tà. Anche per que­sto e anco­ra di più è neces­sa­rio il com­ple­ta­men­to del­la mes­sa in sicu­rez­za post allu­vio­ne”, evi­den­zia Pasto­ri­no in quel­le ore concitate.

Il 16 ago­sto l’attenzione resta alta: “Par­lan­do del disa­stro del Pon­te Moran­di è neces­sa­rio par­ti­re dal plau­so ai soc­cor­ri­to­ri e agli uomi­ni che si stan­no impe­gnan­do spa­smo­di­ca­men­te da gior­ni. Ma que­sto è solo il modo per affron­ta­re la pri­ma emer­gen­za: ser­ve subi­to met­te­re in sicu­rez­za la zona, i resi­den­ti e i lavo­ra­to­ri. E poi è neces­sa­ria una ‘leg­ge Geno­va’ con nor­me ad hoc e inter­ven­ti straor­di­na­ri, e di buon­sen­so, per evi­ta­re che la cit­tà muo­ia di traf­fi­co e che i traf­fi­ci di mer­ci muo­ia­no a loro vol­ta con pesan­tis­si­me rica­du­te sul­l’e­co­no­mia del­la cit­tà”, sot­to­li­nea Pastorino.

Il 17 ago­sto il gover­no avvia il cor­po a cor­po con Auto­stra­de per l’Italia. Dal depu­ta­to di Pos­si­bi­le arri­va un invi­to alla con­cre­tez­za: “Trop­pe pole­mi­che stan­no disto­glien­do l’at­ten­zio­ne dal dram­ma uma­no del­le fami­glie col­pi­te da un lut­to e dal gran­de pro­ble­ma per miglia­ia di lavo­ra­to­ri che han­no la sede del­le azien­de pro­prio nei pres­si del pon­te Moran­di. Da par­la­men­ta­re geno­ve­se chie­do, come ho già fat­to nel­le scor­se ore, uno stop alla pro­pa­gan­da”.

Il gior­no dopo, in una con­fe­ren­za dei capi­grup­po infor­ma­le a Geno­va, si sta­bi­li­sce la tem­pi­sti­ca dell’informativa in Par­la­men­to, il 27 ago­sto: “Avrei auspi­ca­to una mag­gio­re cele­ri­tà, pur com­pren­den­do le dif­fi­col­tà tec­ni­che nel repe­ri­men­to di infor­ma­zio­ni. Ma la situa­zio­ne ecce­zio­na­le avreb­be richie­sto un approc­cio ecce­zio­na­le. A que­sto pun­to spe­ro che il gover­no ven­ga in Com­mis­sio­ne il 27 ago­sto con una boz­za di pro­po­ste con­cre­te per Geno­va e non con un sem­pli­ce reso­con­to di quan­to acca­du­to o sol­tan­to con il rias­sun­to del­lo sta­to del con­ten­zio­so con Auto­stra­de”.

Arri­va il fati­di­co 27 ago­sto e il mini­stro del­le Infra­strut­tu­re Toni­nel­li rife­ri­sce in Com­mis­sio­ne a Mon­te­ci­to­rio. Ma “le paro­le di Toni­nel­li  sono un lun­go spot con­tro la socie­tà Auto­stra­de e un’in­vet­ti­va nei con­fron­ti dei pre­ce­den­ti gover­ni. Una rela­zio­ne per­fet­ta per diven­ta­re un post sul blog di Gril­lo” per­den­do “di vista la prio­ri­tà, che resta quel­la di aiu­ta­re Geno­va: dare risor­se e soste­gno affin­ché la cit­tà sal­va­guar­di la pro­pria eco­no­mia e tor­ni al più pre­sto ad ave­re una via­bi­li­tà degna di esse­re chia­ma­ta tale”, spie­ga Pasto­ri­no, che espri­me tut­ta la sua pre­oc­cu­pa­zio­ne, con­fer­ma­ta dagli even­ti dei gior­ni suc­ces­si­vi. Il 4 set­tem­bre, infat­ti, Toni­nel­li si rivol­ge all’Aula Came­ra per il voto del­le riso­lu­zio­ni su Geno­va. “Mi sem­bra di esse­re tor­na­to alla scor­sa set­ti­ma­na. Solo chi vive quo­ti­dia­na­men­te può ave­re con­tez­za del­la situa­zio­ne. Oggi abbia­mo assi­sti­to al rema­ke del­l’au­di­zio­ne del 27 ago­sto”, osser­va il depu­ta­to di Pos­si­bi­le. E ricor­da: “È sta­to annun­cia­to un decre­to, sen­za che sia­no sta­ti indi­ca­ti i tem­pi e i con­te­nu­ti. Lo ave­va­mo chie­sto dopo un gior­no e ne sono pas­sa­ti 22 di gior­ni”.

Nel frat­tem­po Pasto­ri­no è in pri­ma linea: il 7 set­tem­bre incon­tra gli sfol­la­ti nel­la zona ros­sa e le isti­tu­zio­ni sia poli­ti­che che eco­no­mi­che geno­ve­si. Anco­ra una vol­ta giun­ge un invi­to a unir­si: “In un momen­to di gra­ve dif­fi­col­tà per Geno­va e la Ligu­ria mi impe­gno a pro­muo­ve­re da oggi un coor­di­na­men­to di par­la­men­ta­ri ligu­ri, sen­za né sim­bo­li né ban­die­re, ma con la nostra cit­tà nel cuo­re”.

Pas­sa­no, inva­no, altri gior­ni: a un mese dal­la tra­ge­dia il pre­si­den­te del Con­si­glio Con­te arrin­ga i pre­sen­ti, pro­met­ten­do mari e mon­ti. Intan­to il depu­ta­to di Pos­si­bi­le annun­cia, il 17 set­tem­bre, un’interrogazione per chie­de­re l’ampliamento dell’organico dei vigi­li del fuo­co in Ligu­ria e l’aumento del­le risor­se per i mez­zi. Ma nien­te. Fino allo sfo­go di ieri, 24 set­tem­bre: “Il mini­stro Toni­nel­li deve smet­ter­la di fare sfi­la­te a Geno­va e nel­le Aule par­la­men­ta­ri. Non è pen­sa­bi­le che a 40 gior­ni dal crol­lo il gover­no sia impi­glia­to in una bat­ta­glia tut­ta ideo­lo­gi­ca con­tro Auto­stra­de. Come ho det­to dal­l’i­ni­zio quel­la que­stio­ne va esa­mi­na­ta, ma dan­do la prio­ri­tà ai pro­ble­mi del­le per­so­ne. Degli sfol­la­ti ma anche dei lavo­ra­to­ri mes­si a rischio dal­la pre­ca­rie­tà eco­no­mi­ca del­la cit­tà cau­sa­ta dal­la tra­ge­dia del pon­te Moran­di”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.