Libia. Civati: sulla guerra una retorica incosciente

Una retorica insopportabile e incosciente sta accompagnando la cronaca della partecipazione italiana alla guerra in Libia. Senza contare le becere strumentalizzazioni che si sono fatte a tutti i livelli sulla morte dei due operai italiani ad opera dei miliziani Isis.

(DIRE) Roma, 4 mar. - “Una reto­ri­ca insop­por­ta­bi­le e inco­scien­te sta accom­pa­gnan­do la cro­na­ca del­la par­te­ci­pa­zio­ne ita­lia­na alla guer­ra in Libia. Sen­za con­ta­re le bece­re stru­men­ta­liz­za­zio­ni che si sono fat­te a tut­ti i livel­li sul­la mor­te dei due ope­rai ita­lia­ni ad ope­ra dei mili­zia­ni Isis.

Come si può giu­sti­fi­ca­re un inter­ven­to in Libia in manie­ra così stru­men­ta­le e pre­ci­pi­to­sa? Come si fa ad esau­to­ra­re il par­la­men­to sul­la par­te­ci­pa­zio­ne del­l’I­ta­lia a un con­flit­to? Il mini­stro del­l’in­ter­no par­la di rischio atten­ta­ti già alto, al net­to del­l’in­ter­ven­to ita­lia­no in Libia”. Lo dice in una nota il depu­ta­to di Pos­si­bi­le Pip­po Civa­ti.

“Una con­si­de­ra­zio­ne sem­pli­ci­sti­ca e fur­bet­ta che non sol­le­va il Gover­no dal­le pro­prie respon­sa­bi­li­tà. Ave­re un ‘vul­ca­no acce­so’ di fron­te alle nostre coste non può deter­mi­na­re un inter­ven­to del­l’I­ta­lia ‘alla cie­ca’ sen­za un pas­sag­gio par­la­men­ta­re e un qua­dro inter­na­zio­na­le chiaro.

La guer­ra non è un gio­co. Il Gover­no ha fat­to tra­pe­la­re fret­to­lo­sa­men­te che l’in­ter­ven­to ita­lia­no avver­rà solo di segui­to a una richie­sta del gover­no loca­le. Qua­le gover­no loca­le? Non esi­ste allo sta­to attua­le alcun orga­ni­smo di que­sto tipo in Libia.

Non pos­sia­mo sospen­de­re la demo­cra­zia in Ita­lia con­trad­di­cen­do la Costi­tu­zio­ne che ripu­dia la guer­ra per espor­ta­re ‘demo­cra­zia’ bel­li­ca a 100 chi­lo­me­tri dal­le nostre coste. E non si può sban­die­ra­re la gui­da offer­ta dagli Sta­ti Uni­ti sul­la mis­sio­ne come un pre­mio o un ulte­rio­re moti­vo per inter­ve­ni­re. Se l’I­ta­lia vuo­le ritro­va­re un ruo­lo nel Medi­ter­ra­neo lo fac­cia attra­ver­so la diplo­ma­zia, ammes­so che se ne abbia­no le capacità”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.