Lettera aperta alla Prefetta di Roma.

basilone

La pre­fet­ta di Roma Pao­la Basi­lo­ne descri­ve lo sgom­be­ro di rifu­gia­ti — rego­lar­men­te sog­gior­nan­ti in Ita­lia ma in situa­zio­ne di disa­gio abi­ta­ti­vo — con idran­ti e man­ga­nel­li “un’o­pe­ra­zio­ne di clea­ning”, di puli­zia, fina­liz­za­ta a “ripor­ta­re l’or­di­ne a piaz­za Indi­pen­den­za e rista­bi­li­re le regole”.
Mi per­met­to di rivol­ger­le una let­te­ra aper­ta per far­le com­pren­de­re che le rego­le da rista­bi­li­re non sono solo quel­le di ordi­ne pub­bli­co, le uni­che che l’al­ta fun­zio­na­ria sem­bra conoscere.
Sarò dida­sca­li­co, ma se per­si­no le isti­tu­zio­ni ini­zia­no a par­la­re il dia­let­to leghi­sta, biso­gna pro­va­re a rista­bi­li­re dav­ve­ro un po’ di ordi­ne (anche lin­gui­sti­co).
Sì, per­ché par­la­re di clea­ning quan­do si ha a che fare con lo sgom­be­ro di per­so­ne (tra cui don­ne e bam­bi­ni) signi­fi­ca dire — solo in modo un po’ più gar­ba­to ma assai ipo­cri­ta — che quel­le per­so­ne sono come rifiu­ti da rimuo­ve­re con la fami­ge­ra­ta ruspa.
E un alto fun­zio­na­rio sta­ta­le, che deve esse­re fede­le alla Costi­tu­zio­ne e lea­le alla Repub­bli­ca, non può par­la­re come un sal­vi­ni qual­sia­si.

Ecc.ma Sig.ra Pre­fet­ta di Roma,
la sua dife­sa isti­tu­zio­na­le del­l’o­pe­ra­zio­ne di ordi­ne pub­bli­co rea­liz­za­ta in Piaz­za Indi­pen­den­za attin­ge ad un lin­guag­gio inam­mis­si­bi­le per una fun­zio­na­ria sta­ta­le: clea­ning signi­fi­ca puli­zia e lo sgom­be­ro di per­so­ne non è un’o­pe­ra­zio­ne di “puli­zia”, sem­mai un’o­pe­ra­zio­ne di poli­zia, in que­sto caso com­piu­ta vio­lan­do alcu­ne regole.
Se rimuo­ve­re per­so­ne da un luo­go pub­bli­co vie­ne con­si­de­ra­ta un’o­pe­ra­zio­ne di clea­ning, cioè di puli­zia, appun­to, le per­so­ne diven­ta­no “rifiu­ti”.
Sic­co­me nel­la fat­ti­spe­cie si trat­ta di rifu­gia­ti, tito­la­ri di un rego­la­re per­mes­so di sog­gior­no in Ita­lia, que­sto lin­guag­gio non può esse­re usato.

Nem­me­no da Lei, soprat­tut­to da Lei che rap­pre­sen­ta lo Sta­to in quel territorio.

E quan­do Lei aggiun­ge che si trat­ta di “rista­bi­li­re le rego­le” mostra una cul­tu­ra giu­ri­di­ca assai appros­si­ma­ti­va e Le spie­go per­ché. Que­ste per­so­ne han­no lo sta­tus di rifu­gia­to e come tali per leg­ge — quel­la che Lei ha il dove­re di cono­sce­re e di appli­ca­re nel­la sua inte­rez­za, non limi­tan­do­si al Testo Uni­co del­le Leg­gi di Pub­bli­ca Sicu­rez­za del 1931 e al recen­te decre­to Min­ni­ti-Orlan­do — non pos­so­no esse­re pre­si da un allog­gio occu­pa­to abu­si­va­men­te, mes­si in stra­da e da qui rimos­si con idran­ti e manganelli.
Le ricor­do l’art. 2 del Testo Uni­co Immi­gra­zio­ne (leg­ge Tur­co-Napo­li­ta­no modi­fi­ca­ta dal­la Bos­si-Fini): “1. Allo stra­nie­ro comun­que pre­sen­te alla fron­tie­ra o nel ter­ri­to­rio del­lo Sta­to sono rico­no­sciu­ti i dirit­ti fon­da­men­ta­li del­la per­so­na uma­na pre­vi­sti dal­le nor­me di dirit­to inter­no, dal­le con­ven­zio­ni inter­na­zio­na­li in vigo­re e dai prin­cì­pi di dirit­to inter­na­zio­na­le gene­ral­men­te riconosciuti.
2. Lo stra­nie­ro rego­lar­men­te sog­gior­nan­te nel ter­ri­to­rio del­lo Sta­to gode dei dirit­ti in mate­ria civi­le attri­bui­ti al cit­ta­di­no ita­lia­no, sal­vo che le con­ven­zio­ni inter­na­zio­na­li in vigo­re per l’I­ta­lia e il pre­sen­te testo uni­co dispon­ga­no diversamente.”
L’art. 19 del D.Lgs. 251/2007, in attua­zio­ne del­la Diret­ti­va 2004/83/CE sta­bi­li­sce, in ordi­ne al con­te­nu­to del­la pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le, che
“1. Le dispo­si­zio­ni del pre­sen­te decre­to non pre­giu­di­ca­no i dirit­ti sta­bi­li­ti dal­la Con­ven­zio­ne di Gine­vra.
2. Nell’attuazione del­le dispo­si­zio­ni del pre­sen­te capo, si tie­ne con­to, sul­la base di una valu­ta­zio­ne indi­vi­dua­le, del­la spe­ci­fi­ca situa­zio­ne del­le per­so­ne vul­ne­ra­bi­li, qua­li i mino­ri, i disa­bi­li, gli anzia­ni, le don­ne in sta­to di gra­vi­dan­za, i geni­to­ri sin­go­li con figli mino­ri, i mino­ri non accom­pa­gna­ti, le vit­ti­me del­la trat­ta di esse­ri uma­ni, le per­so­ne con distur­bi psi­chi­ci, le per­so­ne che han­no subi­to tor­tu­re, stu­pri o altre for­me gra­vi di vio­len­za psi­co­lo­gi­ca, fisi­ca o sessuale.
2‑bis. Nell’attuazione del­le dispo­si­zio­ni del pre­sen­te decre­to è pre­so in con­si­de­ra­zio­ne con carat­te­re di prio­ri­tà il supe­rio­re inte­res­se del mino­re.”

Ecco, il rastrel­la­men­to dei rifu­gia­ti accam­pa­ti (loro mal­gra­do) in Piaz­za Indi­pen­den­za a Roma, non ha rispet­ta­to i dirit­ti dei mino­ri (che sono sta­ti ter­ro­riz­za­ti dal­la bru­ta­li­tà del­l’in­ter­ven­to) ne’ quel­li dei sog­get­ti vul­ne­ra­bi­li richia­ma­ti dal­la nor­ma. Sul cam­po sono rima­sti 13 feri­ti, tut­ti tra i rifu­gia­ti, sin­to­ma­ti­co del fat­to che c’è sta­to chi ha sfer­ra­to a fred­do un attac­co e chi lo ha subi­to in tut­ta la sua violenza.
Si è ten­ta­to anche di divi­de­re gli uomi­ni dal­le don­ne per diver­se desti­na­zio­ni, sen­za tene­re con­to che secon­do l’art. 22 “E’ tute­la­ta l’unità del nucleo fami­lia­re dei bene­fi­cia­ri del­lo sta­tus di rifu­gia­to e del­lo sta­tus di pro­te­zio­ne sussidiaria.”
Quan­to al fon­da­men­ta­le dirit­to di ave­re un tet­to sul­la testa, l’art. 27 sta­bi­li­sce che “1. I tito­la­ri del­lo sta­tus di rifu­gia­to e del­lo sta­tus di pro­te­zio­ne sus­si­dia­ria han­no dirit­to al mede­si­mo trat­ta­men­to rico­no­sciu­to al cit­ta­di­no ita­lia­no in mate­ria di assi­sten­za socia­le e sani­ta­ria.” e l’art. 29 com­ma 3 ter dice chia­ra­men­te che “L’accesso ai bene­fi­ci rela­ti­vi all’alloggio pre­vi­sti dall’articolo 40, com­ma 6, del decre­to legi­sla­ti­vo 25 luglio 1998, n. 286, e’ con­sen­ti­to ai tito­la­ri del­lo sta­tus di rifu­gia­to e di pro­te­zio­ne sus­si­dia­ria, in con­di­zio­ni di pari­ta’ con i cit­ta­di­ni italiani.”
Il D.Lgs. 142/2015 sul­le misu­re di acco­glien­za sta­bi­li­sce che “. Il siste­ma di acco­glien­za per richie­den­ti pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le si basa sul­la lea­le col­la­bo­ra­zio­ne tra i livel­li di gover­no inte­res­sa­ti” (art. 8), che nei cen­tri di pri­ma acco­glien­za “sono assi­cu­ra­ti il rispet­to del­la sfe­ra pri­va­ta, com­pre­se le dif­fe­ren­ze di gene­re, del­le esi­gen­ze con­nes­se all’età, la tute­la del­la salu­te fisi­ca e men­ta­le dei richie­den­ti, l’unità dei nuclei fami­lia­ri com­po­sti da coniu­gi e da paren­ti entro il pri­mo gra­do, l’apprestamento del­le misu­re neces­sa­rie per le per­so­ne por­ta­tri­ci di par­ti­co­la­ri esi­gen­ze ai sen­si dell’articolo 17. Sono adot­ta­te misu­re ido­nee a pre­ve­ni­re ogni for­ma di vio­len­za e a garan­ti­re la sicu­rez­za e la pro­te­zio­ne dei richie­den­ti.” (art. 10) e infi­ne che “Il richie­den­te che ha for­ma­liz­za­to la doman­da e che risul­ta pri­vo di mez­zi suf­fi­cien­ti a garan­ti­re una qua­li­tà di vita ade­gua­ta per il sosten­ta­men­to pro­prio e dei pro­pri fami­lia­ri, ha acces­so, con i fami­lia­ri, alle misu­re di acco­glien­za del Siste­ma di pro­te­zio­ne per richie­den­ti asi­lo e rifu­gia­ti (SPRAR) pre­di­spo­ste dagli enti loca­li” (art. 14).

Vi è dun­que un pre­ci­so obbli­go di leg­ge che incom­be a diver­so tito­lo su diver­si livel­li isti­tu­zio­na­li, Pre­fet­tu­ra e Comu­ne in pri­mis, di assi­cu­ra­re l’ac­co­glien­za ai rifu­gia­ti, come tali rico­no­sciu­ti dal­le com­pe­ten­ti Com­mis­sio­ni ter­ri­to­ria­li e costo­ro non pos­so­no esse­re sgom­bra­ti e rastrel­la­ti come delin­quen­ti o comun­que sog­get­ti peri­co­lo­si per la sicu­rez­za e l’or­di­ne pubblico.

Ripu­li­re (uso que­sto ter­mi­ne in coe­ren­za dia­let­ti­ca col Suo clea­ning) una piaz­za (luo­go pub­bli­co) con idran­ti e man­ga­nel­li, da per­so­ne iner­mi, indi­fe­se, inno­cue per la sicu­rez­za e l’or­di­ne pub­bli­co e peral­tro appar­te­nen­ti ad una cate­go­ria cui la leg­ge impo­ne di garan­ti­re digni­tà e rispet­to dei dirit­ti fon­da­men­ta­li, signi­fi­ca com­pie­re un atto ille­git­ti­mo.
L’in­ter­ven­to anda­va fat­to dai ser­vi­zi socia­li e dagli addet­ti SPRAR, non dal­la Poli­zia, per­ché si trat­ta­va di supe­ra­re una situa­zio­ne di disa­gio abi­ta­ti­vo di per­so­ne in difficoltà.
Gli arbi­tri com­piu­ti non tro­va­no coper­tu­ra nem­me­no nel decre­to Min­ni­ti-Orlan­do, sem­pre che se ne accol­ga un’in­ter­pre­ta­zio­ne costi­tu­zio­nal­men­te orien­ta­ta: davan­ti al dirit­to di asi­lo, dirit­to fon­da­men­ta­le rico­no­sciu­to dal­l’art. 10 com­ma 3 del­la Costi­tu­zio­ne, non ci sono deco­ro o sicu­rez­za urba­na che tengano.
Quan­to al divie­to di sta­zio­na­men­to di nuo­vo conio, ammes­so che si pos­sa appli­ca­re nel­la fat­ti­spe­cie, si pre­ve­de l’ac­cer­ta­men­to di una con­dot­ta indi­vi­dua­le, san­zio­na­ta con una pena pecu­nia­ria o un ordi­ne di allon­ta­na­men­to: idran­ti e man­ga­nel­li non tro­va­no alcu­na giu­sti­fi­ca­zio­ne.

Ho dun­que ragio­ne­vo­le e ragio­na­to moti­vo di dubi­ta­re che l’o­pe­ra­zio­ne com­piu­ta non abbia i cri­smi del­la lega­li­tà.
E poi­ché sono fede­le alla Costi­tu­zio­ne, alla Repub­bli­ca e alle sue leg­gi e non ho la sicu­me­ra e la pre­sun­zio­ne di fare da solo un’o­pe­ra­zio­ne di clea­ning giu­ri­di­co dei fat­ti, affi­de­rò i miei dub­bi ad un espo­sto alla Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca di Roma, orga­no pre­po­sto a svol­ge­re un serio e appro­fon­di­to scru­ti­nio di lega­li­tà su quan­to accaduto.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.