Tasse universitarie: basta a un Paese immobile e solo per ricchi

È noti­zia recen­te, ripor­ta­ta l’altro ieri da Repub­bli­ca citan­do fon­ti MIUR, che le tas­se uni­ver­si­ta­rie in Ita­lia sono desti­na­te ad aumen­ta­re ulte­rior­men­te.
La cosa è del tut­to inac­cet­ta­bi­le, ma non sor­pren­den­te: si trat­ta di un trend con­so­li­da­to. Dal 2011 al 2016, infat­ti, gli stu­den­ti ita­lia­ni (e le loro fami­glie) han­no visto aumen­ta­re la loro con­tri­bu­zio­ne del 14,5%, arri­van­do a oltre 1,6 miliar­di di euro.

E que­sto in qua­dro con­ti­nen­ta­le dove mol­tis­si­me sono le real­tà dove le tas­se uni­ver­si­ta­rie sono ine­si­sten­ti, come in Ger­ma­nia, Austria, Sco­zia, Dani­mar­ca, Fina­lan­dia, Nor­ve­gia e Svezia.

Ma il nostro è trend for­te­men­te volu­to, visto che gli algo­rit­mi di valu­ta­zio­ne degli ate­nei (e in base ai qua­li si asse­gna­no i fon­di mini­ste­ria­li) pre­mia­no pro­prio le uni­ver­si­tà con le tas­se più alte.

È que­sto un model­lo accet­ta­bi­le per un pae­se come l’Italia? A nostro avvi­so no.

Pena­liz­za le fasce meno abbien­ti, pena­liz­za gli ate­nei del Sud, pena­liz­za for­te­men­te tut­to il Pae­se, che avreb­be gran­de neces­si­tà di aumen­ta­re il nume­ro di lau­rea­ti tra i suoi abitanti.

Se infat­ti è evi­den­te e con­si­sten­te il pro­gres­si­vo aumen­to del­la con­tri­bu­zio­ne a cari­co del­le fami­glie per la for­ma­zio­ne uni­ver­si­ta­ria, lo stes­so non si può dire del­la per­cen­tua­le di lau­rea­ti. L’obiettivo fis­sa­to Europa2020 è del 40%, men­tre il tas­so attua­le in Ita­lia è del 26,2%. Peg­gio di noi solo la Romania.
È evi­den­te, per­ciò, che il nostro Pae­se ha biso­gno di incen­ti­va­re più che mai l’accesso alla for­ma­zio­ne uni­ver­si­ta­ria per i suoi cit­ta­di­ni, men­tre inve­ce fa l’opposto.

Una socie­tà con pochi lau­rea­ti è una socie­tà più pove­ra cul­tu­ral­men­te, meno com­pe­ti­ti­va, immo­bi­le sul pia­no dell’innovazione e soprat­tut­to su quel­lo socia­le.

Da sem­pre Pos­si­bi­le sostie­ne che uni­ver­si­tà e ricerca sia­no la pri­ma cosa.
E da sem­pre cre­dia­mo che la mobi­li­tà vada finan­zia­ta a spe­se dell’immobilità.
Per­ciò nel nostro Mani­fe­sto pro­po­nia­mo di tor­na­re a una tas­sa­zio­ne pro­gres­si­va del­la pri­ma casa e a un più vir­tuo­so model­lo di impo­sta di suc­ces­sio­ne, che por­te­reb­be­ro in que­sto modo nel­le cas­se del nostro pae­se 2,4 miliar­di di euro.

Inve­stia­mo­li nel­la mobi­li­tà socia­le, nell’innovazione, nel­la cre­sci­ta cul­tu­ra­le del nostro Paese.
Ren­dia­mo final­men­te la for­ma­zio­ne uni­ver­si­ta­ria Pos­si­bi­le per tut­ti, per dare all’Italia gior­ni miglio­ri.

Ti pia­ce que­sta proposta?
Par­te­ci­pa con noi, scri­vi a [email protected]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.