Le ragione del NOi: per una riforma costituzionale Possibile

Per rispondere ad una riforma sbagliata, frutto di compromessi al ribasso e della convenienza politica contingente, serve una contro-proposta corale e lungimirante.

12794512_737609339672860_4125137170127357299_nIl comi­ta­to Uni­ver­si­tà Bolo­gna di Pos­si­bi­le ha deci­so di pre­sen­tar­si alla cit­ta­di­nan­za con un dibat­ti­to sul­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le del gover­no Ren­zi e sul refe­ren­dum con­fer­ma­ti­vo. La scel­ta non è casua­le: l’i­dea è nata da uno dei ragaz­zi iscrit­ti al comi­ta­to, stu­den­te di giu­ri­spru­den­za, ed è sta­ta subi­to accol­ta con entusiasmo.

Per­ché un dibat­ti­to? Per­ché quan­do si trat­ta il tema del­la rifor­ma più deli­ca­ta di tut­te, quel­la che deli­nea le rego­le del pote­re poli­ti­co legi­sla­ti­vo e dei suoi equi­li­bri, è fon­da­men­ta­le por­ta­re a sin­te­si le diver­se posi­zio­ni in cam­po. Per rispon­de­re ad una rifor­ma sba­glia­ta, frut­to di com­pro­mes­si al ribas­so e del­la con­ve­nien­za poli­ti­ca con­tin­gen­te, ser­ve una con­tro-pro­po­sta cora­le e lun­gi­mi­ran­te.

L’i­dea che, per cura­re la demo­cra­zia rap­pre­sen­ta­ti­va e rida­re for­za alla poli­ti­ca, si deb­ba agi­re sul­le infra­strut­tu­re, sul­l’ar­chi­tet­tu­ra costi­tu­zio­na­le, accen­tran­do il pote­re e taglian­do linear­men­te (come fos­se­ro solo un costo) i luo­ghi del­la rap­pre­sen­tan­za, quan­do inve­ce il nostro pro­ble­ma è la scar­sa qua­li­tà del­l’of­fer­ta poli­ti­ca ed il bas­so livel­lo di respon­sa­bi­li­tà di cia­scu­no nei con­fron­ti del­la col­let­ti­vi­tà, è non solo sba­glia­ta ma rischio­sa dal pun­to di vista del­la tenu­ta democratica.

Que­sto gover­no dimo­stra nuo­va­men­te che non inten­de cam­bia­re l’I­ta­lia pro­fon­da­men­te, ma sem­pli­ce­men­te si accon­ten­ta di gesti­re l’e­si­sten­te, pren­den­do atto del­le sue dege­ne­ra­zio­ni, in ogni cam­po e settore.

Un inten­to con­ser­va­to­re per eccel­len­za, più che rifor­ma­to­re. Non si inten­de più rea­liz­za­re il dise­gno pro­gram­ma­ti­co volu­to dai padri costi­tuen­ti, che per tan­ti aspet­ti è anco­ra una pro­spet­ti­va lon­ta­na, ci si arren­de fur­be­sca­men­te ai mali del pae­se per trar­ne van­tag­gio.

Colo­ro che inter­ver­ran­no all’i­ni­zia­ti­va sono gli espo­nen­ti di alcu­ne del­le più impor­ta­ti orga­niz­za­zio­ni che si sono espres­se in manie­ra cri­ti­ca nei con­fron­ti del­la modi­fi­ca costi­tu­zio­na­le por­ta­ta avan­ti dal­l’at­tua­le ese­cu­ti­vo: il nostro Andrea Per­ti­ci, il pro­fes­sor Car­lo Gal­li, oggi depu­ta­to di Sini­stra Ita­lia­na, e Dani­lo Bar­bi, respon­sa­bi­le del­le poli­ti­che per lo Svi­lup­po del­la segre­te­ria nazio­na­le del­la CGIL.

Ed alla pro­te­sta uni­re­mo la pro­po­sta, a par­ti­re da quel­la di Pos­si­bi­le, mesco­lan­do i pun­ti di vista per arric­chir­li, tut­ti insieme.

Dun­que vi aspet­tia­mo, saba­to 19 mar­zo a par­ti­re dal­le 10.30 pres­so la sala Tea­tro del cir­co­lo Giu­sep­pe Doz­za, in via San Feli­ce 11/c a Bolo­gna.

Fran­ce­sco Cian­ci­mi­no — Por­ta­vo­ce del comi­ta­to Uni­ver­si­tà Pos­si­bi­le di Bologna

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.