Le giovani favolose ed il candidato sospeso

Ieri a Par­ma, al Mon­da­do­ri Book­sto­re di piaz­za Ghia­ia, sono arri­va­to tardi.
C’era la pre­sen­ta­zio­ne di due libri di Peo­ple, l’unica casa edi­tri­ce dispo­sta a rinun­cia­re al Salo­ne del Libro pur di non con­di­vi­de­re spa­zi con i fasci­sti dichia­ra­ti, “Seguen­do Gre­ta” e “Il pia­no Lan­ger”, ed era anche l’occasione per ascol­ta­re le nostre can­di­da­te di Euro­pa Ver­de.

La sala era pie­nis­si­ma, così mi sono infi­la­to fra due scaf­fa­li, facen­do cade­re libri ripe­tu­ta­men­te, e ho assi­sti­to da mal­de­stro spettatore.
Sul­le sedie, Chia­ra Ber­to­gal­li, Fatou Boro Lo, Bea­tri­ce Bri­gno­ne e Pip­po Civati.
Par­lia­mo di poli­ti­ca (final­men­te).

Per la pri­ma vol­ta da set­ti­ma­ne e set­ti­ma­ne ho ascol­ta­to can­di­da­ti par­la­re di ele­zio­ni euro­pee e non di pro­ble­mi poli­ti­ci inter­ni, in una cam­pa­gna in cui è chia­ro che a tut­ti gli altri dell’Europa non impor­ta nul­la, con­ta solo un mez­zo pun­to in più nei son­dag­gi per la loro sfi­da a chi ha il gra­fi­co di gra­di­men­to più lungo.
Ho ascol­ta­to Chia­ra Ber­to­gal­li spie­ga­re il suo per­cor­so, lim­pi­do e coe­ren­te, quel­lo di una per­so­na qua­lun­que che, par­ten­do dall’impe­gno ambien­ta­li­sta quo­ti­dia­no, ha rac­col­to la chia­ma­ta di Gre­ta, pren­den­do ama­ra­men­te atto dell’emergenza cli­ma­ti­ca nell’indifferenza gene­ra­le, ha soste­nu­to i Fri­days For Futu­re e dopo la bel­lis­si­ma mani­fe­sta­zio­ne del Glo­bal Stri­ke del 15 mar­zo (Par­ma pare secon­da cit­tà d’Italia per par­te­ci­pa­zio­ne), ha deci­so di impe­gnar­si in una sfi­da più alta, con­sa­pe­vo­le che l’unico modo di por­ta­re avan­ti le istan­ze di quei ragaz­zi è con­dur­le nei par­la­men­ti, soprat­tut­to in quel­lo continentale.
Una per­so­na com­pe­ten­te, pre­pa­ra­ta, appas­sio­na­ta.

Poi Fatou Boro Lo, che ha tra­smes­so altret­tan­ta pas­sio­ne affron­tan­do il tema spi­no­so rap­pre­sen­ta­to da una del­le con­se­guen­ze più dram­ma­ti­che dell’emergenza cli­ma­ti­ca, le migra­zio­ni, di cui è rile­van­te con­cau­sa, quel­le migra­zio­ni che la nostra poli­ti­ca negli scor­si anni ha affron­ta­to pagan­do ban­de di aguz­zi­ni stu­pra­to­ri in Afri­ca (pri­ma paga­va i dit­ta­to­ri) e da ulti­mo osta­co­lan­do i soc­cor­si da par­te del­le ONG, quan­do pro­prio in que­ste ore ven­go­no archi­via­te le inda­gi­ni su pre­sun­ti ine­si­sten­ti rap­por­ti del­le stes­se con i trafficanti.

Infi­ne Bea­tri­ce Bri­gno­ne, che ha ripor­ta­to in pri­mo pia­no il tema del­la disu­gua­glian­za e del­la pari­tà di gene­re, ricor­dan­do orgo­glio­sa­men­te (tra gli applau­si) come il con­tri­bu­to di Pos­si­bi­le alle liste di Euro­pa Ver­de fos­se qua­si esclu­si­va­men­te fem­mi­ni­le, anche qui pro­prio nei gior­ni in cui una sua pro­po­sta di leg­ge, fir­ma­ta insie­me a Civa­ti nel 2016, la ridu­zio­ne dell’IVA sugli assor­ben­ti, veni­va affos­sa­ta dal “nuo­vo” par­la­men­to (sem­pre fra gomi­ta­te e risa­ti­ne, spec­chio del­la nostra arre­tra­tez­za cul­tu­ra­le), soste­nu­ta da quel­li che inve­ce l’avevano affos­sa­ta nel 2016, in un gio­co del­le par­ti ridi­co­lo, stru­men­ta­le e indif­fe­ren­te ai problemi.

Ossi­ge­no puro insom­ma, una foto­sin­te­si poli­ti­ca di cui avrem­mo un gran biso­gno e che pur­trop­po non esce sui mez­zi di comu­ni­ca­zio­ne main­stream, occu­pa­ti mili­tar­men­te dal gover­nan­te di turno.

Ma c’era anche Pip­po Civa­ti, l’editore e mili­tan­te, o meglio edi­to­re mili­tan­te, che ha pre­sen­ta­to i sui libri, ne ha con­si­glia­ti tan­ti altri non suoi, e che ha con­di­vi­so un approc­cio cul­tu­ra­le ine­di­to per la nostra poli­ti­ca, fat­ta di ridi­co­li libri inter­vi­sta e autocelebrazioni.
Ma Pip­po in que­sta cam­pa­gna inau­gu­ra anche una figu­ra ine­di­ta, che Pos­si­bi­le ha mutua­to dal gran­de patri­mo­nio di uma­ni­tà del­la cul­tu­ra napo­le­ta­na: il can­di­da­to sospe­so.
A Napo­li è uso paga­re un caf­fè in più per con­sen­ti­re a chi non ha i mez­zi di poter­lo consumare.
Civa­ti ha sospe­so la sua cam­pa­gna ma, da sospe­so, è a dispo­si­zio­ne di chi voles­se dare la pre­fe­ren­za a due can­di­da­te favo­lo­se dei col­le­gi Nord Ove­st e Centro.

È sospe­so non per­ché abbia, e noi con lui, pro­ble­mi con la col­lo­ca­zio­ne euro­pea, i Ver­di Euro­pei sono la nostra casa natu­ra­le, né pro­ble­mi con la lista Euro­pa Ver­de e il suo pro­gram­ma, né pro­ble­mi con i mili­tan­ti ver­di, appas­sio­na­ti come i nostri e con i qua­li lavo­ria­mo mera­vi­glio­sa­men­te sul ter­ri­to­rio, e nean­che con la mag­gior par­te dei dirigenti.

Il pro­ble­ma che abbia­mo tut­ti noi, e di cui si è fat­to cari­co Pip­po (anche per­ché come sem­pre è sta­to pre­so di mira dal­la stam­pa), è mol­to limi­ta­to, riguar­da sostan­zial­men­te un can­di­da­to che ha impe­di­to a tut­ta la sua par­te poli­ti­ca, com­pre­si i segre­ta­ri, di fare la cosa giu­sta scon­fes­san­do i rap­por­ti, riven­di­ca­ti inve­ce in que­sti gior­ni con plu­ri­mi comu­ni­ca­ti e inter­vi­ste, con una for­ma­zio­ne poli­ti­ca “tra­sver­sa­le” che ha un pro­gram­ma euro­peo sovra­ni­sta ugua­le a quel­lo del­la Lega (l’Europa cri­stia­na dei popo­li, per dire, ho appe­na visto un mani­fe­sto leghi­sta uguale).

Non è un pro­ble­ma di can­di­da­te in quan­to per­so­ne fisi­che e del­le loro opi­nio­ni per­so­na­li, ma del­la loro appar­te­nen­za, del loro ruo­lo di diri­gen­ti in quel­la for­ma­zio­ne, con la qua­le un epi­go­no di una poli­ti­ca vec­chia, fat­ta di rap­por­ti opa­chi, man­tie­ne non si sa per­ché un lega­me, ed è anche un pro­ble­ma enor­me (sem­pre indi­vi­dua­le) di cor­ret­tez­za, di paro­le e ras­si­cu­ra­zio­ni date e non mantenute.

La tra­sver­sa­li­tà in poli­ti­ca per noi non esi­ste, noi sia­mo orgo­glio­sa­men­te di par­te, e pen­sia­mo che lo sia­no anche qua­si tut­ti i nostri ami­ci Ver­di, che non sem­bra­no entu­sia­sti, off the records, del cita­to epi­go­no, e che fareb­be­ro bene a chia­rir­si e a risol­ve­re dal 27 mag­gio in poi.

Da qui la sospen­sio­ne, ma anche la gene­ro­si­tà di Pip­po, quel­la di spen­der­si comun­que, da sospe­so, per un pro­get­to che rima­ne intat­to nel­la sua indi­spen­sa­bi­li­tà e urgen­za, per­ché abbia­mo cir­ca 11 anni per inver­ti­re la rotta.

Poi sarà trop­po tar­di, per tut­ti, ed è per que­sto che andia­mo avan­ti, per­ché è la cosa giu­sta.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?