Le cotolette alla plastica collegano giustizia ambientale e giustizia sociale

Ieri sera il Cor­rie­re ha dif­fu­so una noti­zia inquie­tan­te, ma che pro­ba­bil­men­te non si farà lar­go tra i tito­li di aper­tu­ra dei Tg nazionali.

Il mini­ste­ro del­la Salu­te ha annun­cia­to il riti­ro dai super­mer­ca­ti di due lot­ti di una cele­ber­ri­ma mar­ca di pro­dot­ti avi­co­li. Uno dei qua­li è for­se il suo pro­dot­to di pun­ta, una coto­let­ta pana­ta di pol­lo e spi­na­ci, una di quel­le cose la mag­gior par­te di noi ha man­gia­to alme­no una vol­ta in vita propria.

Il moti­vo del riti­ro è alquan­to distur­ban­te: nei lot­ti in que­stio­ne, sareb­be­ro pre­sen­ti trac­ce di pla­sti­ca. Sì sì, le coto­let­te con­ter­reb­be­ro trac­ce di pla­sti­ca.

Alcu­ni di noi, riflet­ten­do su que­sto fat­to, sta­ran­no pro­ba­bil­men­te ragio­nan­do su come la pla­sti­ca sia ormai un onni­pre­sen­te fat­to­re di inqui­na­men­to e di avve­le­na­men­to del nostro pia­ne­ta, tan­to da fini­re diret­ta­men­te sul­le nostre tavo­le non più solo tra gli uten­si­li, ma anche nel­le pie­tan­ze. Altri sta­ran­no pro­ba­bil­men­te facen­do con­si­de­ra­zio­ni sui pro­dot­ti del­la famo­sa mar­ca di cui sopra, che cer­to non rap­pre­sen­ta­no uno stan­dard alto né per come trat­ta­no gli ani­ma­li, né per la qua­li­tà del risul­ta­to del­la loro lavorazione.

Lo spun­to di rifles­sio­ne che ne vor­rei trar­re, però, riguar­da un qua­dro più ampio. Pro­via­mo tut­ti a fare un pas­so indie­tro, pro­via­mo a con­si­de­ra­re entram­be le que­stio­ni che ho banal­men­te rias­sun­to qui sopra.

Appa­re evi­den­te la que­stio­ne ambien­ta­le: l’ubiquità dei rifiu­ti pla­sti­ci, dal­le fami­ge­ra­te iso­le nei nostri mari, agli sto­ma­ci di cen­ti­na­ia di spe­cie ani­ma­li, all’aria che respi­ria­mo, all’acqua che bevia­mo, ora (ma for­se non solo ora) al cibo che man­gia­mo. E anco­ra la que­stio­ne dell’indu­stria agroa­li­men­ta­re, degli scar­si stan­dard di igie­ne, di con­trol­lo, di qua­li­tà, per non par­la­re del benes­se­re ani­ma­le e del modo in cui gli ani­ma­li di cui ci nutria­mo ven­go­no alle­va­ti e macel­la­ti, pri­ma anco­ra che lavorati.

Assie­me a tut­to que­sto, però, è a mio avvi­so mio­pe non vede­re una gigan­te­sca que­stio­ne socia­le, la tota­le disu­gua­glian­za che si nascon­de die­tro al para­ven­to del nostro sistema.

Qual è il tar­get di un pro­dot­to come quel­le coto­let­te pana­te e pre­cot­te, fat­te di un tri­to di par­ti di pol­lo di secon­da o ter­za cate­go­ria, assie­me a degli spi­na­ci che di cer­to non era­no del­le pri­mi­zie, in ori­gi­ne? Non è dif­fi­ci­le imma­gi­na­re dove andrà a fini­re un pro­dot­to del gene­re. Par­te già da un prez­zo mol­to bas­so e che se ci fate caso è qua­si sem­pre ulte­rior­men­te scon­ta­to nel­la mag­gior par­te degli hard discount, quin­di è deci­sa­men­te appe­ti­bi­le per chi ha pochi sol­di da dedi­ca­re alla pro­pria spe­sa. Gene­ral­men­te pia­ce ai bam­bi­ni, e ci offre l’illusione di for­ni­re loro car­ne bian­ca e ver­du­re allo stes­so tem­po, il tut­to a un prez­zo con­te­nu­tis­si­mo (si può arri­va­re a man­giar­ne in quat­tro o cin­que per pochi euro). Le sue con­fe­zio­ni occu­pa­no pochis­si­mo spa­zio, a chi è capi­ta­to di vive­re in pic­co­li o pic­co­lis­si­mi appar­ta­men­ti, di quel­li in cui c’è spa­zio solo per un mez­zo fri­go, sa che cosa vuol dire la que­stio­ne del­lo spa­zio, spe­cie se non si ha la pos­si­bi­li­tà di fare la spe­sa tut­ti i gior­ni. E non se ne ha la pos­si­bi­li­tà è per­ché maga­ri si lavo­ra mol­to, con ora­ri impro­ba­bi­li, tut­ti i gior­ni o qua­si, e quin­di scat­ta l’ulteriore van­tag­gio di que­sto tipo di cibi, che richie­do­no pochis­si­mo tem­po e pochis­si­ma atten­zio­ne per esse­re cuci­na­ti e ser­vi­ti.

Maga­ri sono le stes­se per­so­ne che lavo­ra­no a stret­to con­tat­to con quel tipo di lavo­ra­zio­ni di cui dice­va­mo poco più su, e la ter­za doman­da che dovrem­mo por­ci è che raz­za di con­di­zio­ni di lavo­ro ci sono in una fab­bri­ca per la lavo­ra­zio­ne ali­men­ta­re dove la pla­sti­ca fini­sce mischia­ta con il cibo?

Ecco, il pun­to è che la pla­sti­ca nel cibo di que­sto tipo dovreb­be far­ci riflet­te­re su come le ingiu­sti­zie ambien­ta­li sia­no lega­te a dop­pio filo a quel­le socia­li ed eco­no­mi­che.

Le pri­me per­so­ne ad esser­ne col­pi­te sono pro­prio le più vul­ne­ra­bi­li, le più espo­ste. Atten­zio­ne a chi vi dice che la que­stio­ne ambien­ta­le è eli­ta­ria, distan­te dai biso­gni e dai pro­ble­mi del­la gen­te. Atten­zio­ne a chi vi dice che dove­te sce­glie­re qua­le risol­ve­re pri­ma tra i pro­ble­mi di ambien­te, salu­te e lavo­ro. O li si affron­ta insie­me, o non lo si farà mai dav­ve­ro. E saran­no sem­pre i più svan­tag­gia­ti a subir­ne per pri­mi e più dura­men­te le con­se­guen­ze.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.