Le bugie dei trivellatori sui tagli all’occupazione

Da ilmanifesto.info.

Il pre­mier ha dichia­ra­to che se vin­ce il SI sono a rischio 11.000 posti di lavo­ro. Guar­dia­mo i nume­ri: Asso­mi­ne­ra­ria par­la di 13mila occu­pa­ti nel set­to­re estrat­ti­vo in tut­ta Ita­lia (tra atti­vi­tà a ter­ra e a mare, den­tro e fuo­ri le dodi­ci miglia) e 5mila posti di lavo­ro a rischio con il refe­ren­dum. Il mini­stro Gal­let­ti fa rife­ri­men­to alla cifra di 10mila posti di lavo­ro in meno e la Filc­tem Cgil sostie­ne che i lavo­ra­to­ri che rimar­reb­be­ro a casa sono 10mila solo a Raven­na e in Sicilia.

Le sti­me uffi­cia­li riguar­dan­ti l’intero set­to­re di estra­zio­ne di petro­lio e gas in Ita­lia (fon­te Isfol) par­la­no inve­ce di 9mila impie­ga­ti in tut­ta Ita­lia e di un set­to­re già in cri­si da tem­po. Chi paven­ta la per­di­ta di posti di lavo­ro per col­pa del refe­ren­dum non dice che il set­to­re dell’estrazione di gas e petro­lio è già in cri­si nel mon­do e in Ita­lia da diver­si anni. A dimo­strar­lo i rap­por­ti del set­to­re degli ulti­mi anni o il tavo­lo di cri­si aper­to pres­so la regio­ne Emi­lia Romagna.

Il 35% del­le com­pa­gnie petro­li­fe­re a cau­sa del crol­lo del prez­zo del petro­lio è ad alto rischio di fal­li­men­to nel 2016 (rap­por­to Deloit­te), con un debi­to accu­mu­la­to di 150 miliar­di di dol­la­ri. Nes­su­no si pre­oc­cu­pa di dire che per garan­ti­re un futu­ro occu­pa­zio­na­le dura­tu­ro biso­gna inve­sti­re in inno­va­zio­ne indu­stria­le e in una nuo­va poli­ti­ca ener­ge­ti­ca. Negli ulti­mi decen­ni si è avu­ta una con­si­sten­te dimi­nu­zio­ne del­la pro­du­zio­ne da piat­ta­for­me in mare sen­za alcu­na stra­te­gi­ci­tà ener­ge­ti­ca, eco­no­mi­ca ed occupazionale.

Al con­tra­rio il set­to­re del­le rin­no­va­bi­li e dell’efficienza potreb­be­ro gene­ra­re alme­no 600mila posti di lavo­ro. Cen­to­mi­la al 2030 nel solo set­to­re del­le ener­gie rin­no­va­bi­li, cioè cir­ca il tri­plo di quan­to occu­pa oggi Fiat Auto in Ita­lia, men­tre, al con­tra­rio, nel 2015, per un taglio retroat­ti­vo degli incen­ti­vi, se ne sono per­si cir­ca 4mila nel solo set­to­re dell’eolico, 10mila in tut­to il set­to­re. A tal pro­po­si­to ci chie­dia­mo dove fos­se il sin­da­ca­to allo­ra e che sen­so abbia un sin­da­ca­to oggi che non ha la capa­ci­tà di pro­por­re un nuo­vo lavo­ro e di capi­re che la dife­sa del­lo sta­tus quo è innan­zi­tut­to dife­sa del­le lob­by del petrolio.

Fino al 31 dicem­bre 2015 le con­ces­sio­ni ave­va­no dura­ta mas­si­ma di 30 anni, con un vin­co­lo tem­po­ra­le come qual­sia­si altra for­ma con­trat­tua­le. Que­sto è quan­to il refe­ren­dum del 17 Apri­le inten­de ripri­sti­na­re, per­tan­to risul­ta incom­pren­si­bi­le che una vit­to­ria del SI pos­sa cau­sa­re la per­di­ta anche di un solo posto di lavo­ro. Nel nostro Pae­se, al con­tra­rio, ci sareb­be­ro tan­ti nuo­vi posti di lavo­ro se solo il gover­no deci­des­se, facen­do fede agli impe­gni pre­si a Pari­gi con la Cop21, di pun­ta­re sul­la pro­du­zio­ne di ener­gia pulita.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.