Il lavoro è lavoro: un patto per la dignità dei lavoratori culturali

Il 2 febbraio è stato presentato a Roma alla Camera dei Deputati il Plac – Patto per il lavoro culturale, nato dalla campagna “Mi riconosci? Sono un professionista dei Beni Culturali”. La campagna è stata lanciata per mantenere alta l’attenzione sulla questione delle professioni dei Beni Culturali, categoria che spesso e volentieri vede il proprio lavoro svalutato sia dal punto di vista contrattuale, sia da quello della percezione della maggior parte del pubblico, compreso quello che frequenta i beni culturali.

Ad aumentare la confusione e a indebolire ulteriormente la posizione dei professionisti dei Beni Culturali contribuisce l’uso e abuso di tirocini, stage, lavoro volontario e prestazioni gratuite a vario titolo, di cui ci siamo già occupati qui.
L’accesso alle professioni, le tipologie di contratti e collaborazioni, la dignità del lavoro e dei lavoratori – nonché lo stato di salute del nostro patrimonio culturale – sono in gioco in questa partita, e il Plac si rivolge a tutti, dai responsabili di istruzione e formazione, ai professionisti, ai datori di lavoro e anche all’opinione pubblica, aprendo a tutti la possibilità di sottoscrivere il documento.
Possibile sottoscrive il Plac e mette a disposizione il proprio lavoro e i propri rappresentanti nelle istituzioni perché le sue linee guida vengano applicate e le sue indicazioni recepite dalla più ampia platea possibile, del settore e oltre.

Qui potete informarvi sulla campagna “Mi riconosci?”  mentre qui potete leggere e sottoscrivere il Plac.

 

 

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati