Lavoro: Civati, sui voucher serve una discussione urgente

Faccio un appello a tutte le forze dell'arco Parlamentare per discutere al più presto insieme la vicenda dei voucher e il loro impatto sull'occupazione e sui salari. Questo strumento si è trasformato nel tempo in un modo per sottopagare ed erodere i diritti di migliaia di lavoratori, oltre che per eludere il fisco. La nota di Giuseppe Civati.

ROMA, 20 MAG — “Fac­cio un appel­lo a tut­te le for­ze del­l’ar­co Par­la­men­ta­re per discu­te­re al più pre­sto insie­me la vicen­da dei vou­cher e il loro impat­to sul­l’oc­cu­pa­zio­ne e sui sala­ri. E’ chia­ro, soprat­tut­to dai dati, che que­sto stru­men­to non rispon­de in alcun modo agli ini­zia­li pro­cla­mi e si è tra­sfor­ma­to nel tem­po in un modo per sot­to­pa­ga­re ed ero­de­re i dirit­ti di miglia­ia di lavo­ra­to­ri, oltre che per elu­de­re il fisco”. Lo dichia­ra in una nota il depu­ta­to di Pos­si­bi­le Pip­po Civa­ti.

I dati sui voucher

“Nem­me­no l’e­mer­sio­ne del lavo­ro nero — pro­se­gue — tro­va con­fer­me attra­ver­so l’in­tro­du­zio­ne dei vou­cher: i dati Inps pre­sen­ta­ti in que­sti gior­ni par­la­no di un milio­ne e 380 mila ‘vou­che­ri­sti’, età media 36 anni, l’85% dei qua­li gua­da­gna meno di 500 euro al mese. Nel 2015 su 400 mila vou­che­ri­sti occu­pa­ti in azien­de pri­va­te, il 26% di que­sti lavo­ra­to­ri ave­va un con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to e full time; il 28% a tem­po inde­ter­mi­na­to ma part-time; il 46% era gio­va­ne e occu­pa­to con un con­trat­to a ter­mi­ne. Il 29% del milio­ne e 380 mila dei ‘vou­che­ri­sti’ cen­si­ti dal­l’Inps era in que­sta con­di­zio­ne nel 2015. E’ evi­den­te la distor­sio­ne che sta por­tan­do il vou­cher a sosti­tui­re altri con­trat­ti di lavo­ro anche quan­do non si è in pre­sen­za di lavo­ro di tipo acces­so­rio rego­la­riz­za­bi­le con i buoni.

L’appello di Boeri

Il pre­si­den­te del­l’Inps Tito Boe­ri — ricor­da Civa­ti — ha chie­sto che si inter­ven­ga in manie­ra dura con­tro l’u­so frau­do­len­to dei tic­ket ed è per que­sto che cre­do sia neces­sa­rio apri­re imme­dia­ta­men­te un con­fron­to: l’ef­fet­to com­bi­na­to del­la rifor­ma For­ne­ro, del Jobs Act e del dila­ga­re del lavo­ro acces­so­rio stan­no deter­mi­nan­do un impat­to dram­ma­ti­co anche sul pil e sul­l’e­co­no­mia. Milio­ni di nuo­vi pove­ri sen­za dirit­ti e tute­le sono il nostro prin­ci­pa­le pro­ble­ma e la più gran­de sfi­da che ci aspet­ta per cam­bia­re il Pae­se.

Il supe­ra­men­to del­la pre­ca­rie­tà era nel pro­gram­ma di mol­te for­ze poli­ti­che elet­te in que­sto Par­la­men­to. Que­sta non può esse­re la legi­sla­tu­ra che con­se­gna al pae­se un’e­splo­sio­ne del­la pre­ca­rie­tà e dell’incertezza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.