L’attacco ai sindacati, da B(erlusconi) a B(oschi)

Silvio Berlusconi ospite alla trasmisione porta a portaIn ori­gi­ne (si fa per dire) fu Sil­vio Ber­lu­sco­ni a tro­va­re l’op­po­si­zio­ne dei sindacati.

Cor­re­va l’an­no 2002, e la reto­ri­ca del Gover­no vole­va che ci fosse:

Da un lato il gover­no che «ha cer­ca­to in tut­ti i modi di tro­va­re un accor­do con i sin­da­ca­ti» e che vuo­le un’ Ita­lia «più com­pe­ti­ti­va», con «liber­tà di cre­sce­re per le impre­se» e «liber­tà di tro­va­re lavo­ro per i gio­va­ni». Dall’ altro i sin­da­ca­ti che «non voglio­no fare pas­si avan­ti per esten­de­re le tute­le e moder­niz­za­re il mer­ca­to del lavo­ro» e che pro­cla­ma­no scio­pe­ri «dei padri con­tro i figli». […] Le paro­le del pre­mier, nel­la con­fe­ren­za stam­pa appe­na ter­mi­na­to il Con­si­glio dei mini­stri e poco pri­ma del­la par­ten­za per il ver­ti­ce euro­peo di Bar­cel­lo­na, sono un affon­do con­tro la Cgil in par­ti­co­la­re, ma anche con­tro Cisl e Uil, l’ una per­ché ha scel­to di scen­de­re in piaz­za «solo per ragio­ni poli­ti­che», le altre per aver fat­to dell’ art.18 «una que­stio­ne di ban­die­ra».

Per­ché, d’al­tra par­te, si discu­te ma poi si deci­de (anno 2009):

Un tavo­lo con la Cgil è pos­si­bi­le ed auspi­ca­bi­le, ma a giu­di­ca­re da quel­lo che è sta­to det­to oggi in piaz­za mi sem­bra che «il siste­ma comu­ni­sta» viga anco­ra in Ita­lia e che «veden­do i com­por­ta­men­ti degli altri vie­ne da dire che non sono cam­bia­ti per nien­te» e che «con i sor­di non si può par­la­re e ragio­na­re», ha repli­ca­to il pre­mier Sil­vio Ber­lu­sco­ni duran­te una pas­seg­gia­ta nel cen­tro di Pra­ga, dove dome­ni­ca si svol­ge il ver­ti­ce Ue-Usa. Poi, con i cro­ni­sti che gli chie­de­va­no se un tavo­lo con il prin­ci­pa­le sin­da­ca­to ita­lia­no sia pos­si­bi­le, si è con­ces­so una bat­tu­ta scher­zo­sa: «In testa glie­lo do».

Nel 2011 que­ste paro­le fini­sco­no nero su bian­co sul sito “governoberlusconi.it”. E’ tut­ta col­pa del sin­da­ca­to, che ha inon­da­to l’I­ta­lia di scio­pe­ri bloc­can­do la modernizzazione:

I tem­pi cam­bia­no con impres­sio­nan­te rapi­di­tà, le clas­si socia­li si scom­pon­go­no, i vec­chi sche­mi non tro­va­no più cit­ta­di­nan­za in uno Sta­to moder­no, ma la Cgil resta sem­pre ugua­le a se stes­sa, con­ti­nuan­do a imper­so­na­re il dop­pio ruo­lo di sin­da­ca­to e di sog­get­to poli­ti­co. Nei cin­que anni di gover­no Ber­lu­sco­ni pri­ma Cof­fe­ra­ti e poi Epi­fa­ni inon­da­ro­no l’I­ta­lia di scio­pe­ri, men­tre la con­flit­tua­li­tà dimi­nuì dra­sti­ca­men­te nel (for­tu­na­ta­men­te) bre­ve inter­re­gno di Pro­di. Que­sta stra­te­gia che potrem­mo defi­ni­re dei due pesi e del­le due misu­re, di into­na­zio­ne squi­si­ta­men­te poli­ti­ca, ha pro­vo­ca­to dan­ni incal­co­la­bi­li al Pae­se e al suo pro­ces­so di moder­niz­za­zio­ne, ma la Cgil con­ti­nua, in tut­te le sta­gio­ni, a svol­ge­re una fun­zio­ne ege­mo­ni­ca di fre­no, fino a rom­pe­re l’u­ni­tà sin­da­ca­le, esat­ta­men­te come accad­de nell’83 quan­do Cra­xi pre­sen­tò il decre­to che con­ge­la­va la sca­la mobile.

Pensioni-Brunetta-risponde-a-Boeri-indicandoli-i-suoi-doveriPoi ven­ne Rena­to Bru­net­ta, che nel 2009 par­la­va del suo gran­de nemi­co, e del­la sini­stra per male che deve mori­re ammaz­za­ta:

E’ il mio gran­de nemi­co: la Cgil non ha det­to un solo sì. I sin­da­ca­ti sono impor­tan­ti, ma quan­do sono con­ser­va­to­ri non ser­vo­no al pae­se. Spe­ro che si ravvedano”.

Il mini­stro del­la Pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne e Inno­va­zio­ne Rena­to Bru­net­ta, al con­ve­gno del Pdl a Cor­ti­na d’Am­pez­zo, attac­ca anco­ra la sini­stra “eli­ta­ria e paras­si­ta­ria”, accu­san­do­la di pre­pa­ra­re un col­po di sta­to. Alla “sini­stra per male” man­da a dire: “Vada a mori­re ammaz­za­ta”. E alla sini­stra “per­be­ne” chie­de: “Recu­pe­ri gli idea­li di una volta”.

CHIUSURA CAMPAGNA ELETTORALE MOVIMENTO CINQUE STELLE A SOSTEGNO DEL CANDIDATO A SINDACO PER IL COMUNE DI PARMATra il 2012 e il 2013 fu il tur­no di Bep­pe Gril­lo, che pri­ma defi­ni­sce i sin­da­ca­ti un “retag­gio dell’800”, e poi dichia­ra che andreb­be­ro eliminati.

«Come la Con­fin­du­stria i sin­da­ca­ti con­fe­de­ra­li sono un retag­gio dell’800, i Cobas sono il vero sin­da­ca­to», ha attac­ca­to Grillo.

“Voglio uno Sta­to con le pal­le, eli­mi­nia­mo i sin­da­ca­ti che sono una strut­tu­ra vec­chia come i par­ti­ti poli­ti­ci. Non c’è più bisgno dei sin­da­ca­ti. Le azien­de devo­no esse­re di chi lavora”.

renziA ricor­da­re gli argo­men­ti ber­lu­sco­nia­ni (colo­ro che non voglio­no sen­ti­re, gli scio­pe­ri che bloc­ca­no la cre­sci­ta del Pae­se) ci pen­sa Mat­teo Ren­zi, diver­si anni più tardi:

«Ascol­tia­mo Con­fin­du­stria e Cgil, Cisl e Uil ma deci­dia­mo noi. Avre­mo i sin­da­ca­ti con­tro? Ce ne fare­mo una ragio­ne».

«Ci sono sta­ti più scio­pe­ri in que­ste set­ti­ma­ne che con tut­ti gli altri gover­ni, con­ten­ti loro con­ten­ti tut­ti. Se è que­sto il loro obiet­ti­vo, bene, ma io mi occu­po non di far scio­pe­ra­re gli ita­lia­ni ma di far­li lavo­ra­re […] Sal­vi­ni e Camus­so  - ha con­clu­so il pre­mier — sono fac­ce del­la stes­sa meda­glia, li rispet­to, fan­no il loro lavo­ro, ma loro sono i lea­der del­la pro­te­sta, men­tre io devo governare».

Italy's Minister for Constitutional Reforms and Parliamentary Relations Maria Elena Boschi attends a confidence vote at the lower house of the parliament in RomeInfi­ne, le recen­tis­si­me affer­ma­zio­ni del mini­stro Maria Ele­na Boschi, secon­do la qua­le la scuo­la sareb­be nel­le mani dei sin­da­ca­ti (e ciò sareb­be un male):

«La scuo­la solo in mano ai sin­da­ca­ti fun­zio­na? Io cre­do di no».

Insom­ma, non c’è che dire. E’ sicu­ra­men­te #tut­ta­col­pa­dei­sin­da­ca­ti.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.