La tragedia occupazionale che Renzi e Poletti non vedono

Abbia­mo appe­na avu­to l’en­ne­si­ma ripro­va di come il Mini­stro Polet­ti non sap­pia resi­ste­re alla ten­ta­zio­ne. Ogni vol­ta che gli capi­ta tra le mani un dato for­ni­to dai suoi uffi­ci che non pre­sen­ti tri­ste­men­te il soli­to segno meno non esi­ta un istan­te e si lan­cia in dichia­ra­zio­ni pro­pa­gan­di­sti­che per van­ta­re la bon­tà del­le leg­gi pro­dot­te dal gover­no Ren­zi in mate­ria di lavo­ro, Jobs Act in testa.

Ci ha già pen­sa­to Davi­de Sera­fin in que­sto stes­so sito a dimo­stra­re con estre­ma chia­rez­za come sareb­be sta­to faci­le per il Mini­stro evi­ta­re l’ul­ti­mo auto­gol, anche sen­za aspet­ta­re i dati uffi­cia­li del­l’I­STAT, se solo aves­se esa­mi­na­to con un mini­mo di rigo­re i dati for­ni­ti dal suo stes­so Mini­ste­ro. Si sareb­be reso con­to che il sal­do net­to di 92.300 assun­zio­ni regi­stra­te a mar­zo non era­no affat­to un segna­le di cui vantarsi.

Pur­trop­po la dif­fu­sio­ne dei dati uffi­cia­li del­l’I­STAT ha offer­to un qua­dro fin peg­gio­re di quel­lo che già tra­spa­ri­va dal­le Comu­ni­ca­zio­ni Obbli­ga­to­rie tra­smes­se dal­le impre­se al siste­ma infor­ma­ti­co del Mini­ste­ro. Sia­mo ritor­na­ti sot­to quo­ta 22,2 milio­ni di occu­pa­ti, al livel­lo di dicem­bre 2013.

Tab1bis
Fon­te: ISTAT

 

Il tas­so di occu­pa­zio­ne fem­mi­ni­le ha pro­se­gui­to il suo anda­men­to discen­den­te ripie­gan­do sui livel­li di apri­le 2014, men­tre ascol­tia­mo Papa Fran­ce­sco pren­de­re posi­zio­ne con­tro la discri­mi­na­zio­ne di gene­re sul lavo­ro, che riguar­da i sala­ri e pri­ma anco­ra l’occupazione.

tab2bis
Fon­te: ISTAT

 

Il tas­so di disoc­cu­pa­zio­ne ha nuo­va­men­te toc­ca­to il 13%, ossia il livel­lo record di otto­bre-novem­bre scor­so, quan­do il pre­mier zit­ti­va il Par­la­men­to impo­nen­do l’ap­pro­va­zio­ne del Jobs Act (una leg­ge dele­ga) con voto di fidu­cia, vio­lan­do prin­ci­pi Costi­tu­zio­na­li ele­men­ta­ri. La giu­sti­fi­ca­zio­ne per tut­te que­ste for­za­tu­re era pro­prio la neces­si­tà e l’ur­gen­za di arre­sta­re la cre­sci­ta del­la disoc­cu­pa­zio­ne che ave­va var­ca­to per la pri­ma vol­ta da quan­do esi­ste l’In­da­gi­ne sul­le For­ze di Lavo­ro la soglia del 13%. Ecco, ci sia­mo di nuo­vo, il Jobs Act ha lascia­to il segno, ma in tut­to un altro senso.

tab3bis
Fon­te: ISTAT

 

Al suo arri­vo, con i decre­ti attua­ti­vi per abo­li­re l’ar­ti­co­lo 18 e isti­tui­re il nuo­vo con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to a tute­le cre­scen­ti, era sta­to salu­ta­to con toni trion­fa­li dal pre­mier Ren­zi: “la svol­ta che i gio­va­ni pre­ca­ri aspet­ta­va­no da una vita”, a sen­tir lui.

Anche que­sta svol­ta è arri­va­ta. Un buon nume­ro di gio­va­ni che lavo­ra­va­no con un con­trat­to a tem­po deter­mi­na­to sono sta­ti assun­ti (in impre­se al di sot­to dei 15 addet­ti dove non c’e­ra pri­ma e non c’è ades­so la coper­tu­ra del­l’ar­ti­co­lo 18) gra­zie al bonus 8.000 euro del­la leg­ge di sta­bi­li­tà, a favo­re del­le impre­se. Per altri si atten­de­va l’en­tra­ta in vigo­re del nuo­vo regi­me, a mar­zo. E si sareb­be­ro visti gli effet­ti sul­l’oc­cu­pa­zio­ne, dice­va­no. Di qui l’an­sia del Mini­stro Polet­ti e il suo sci­vo­lo­ne sul­le cifre del Ministero.

Ed ecco che sono usci­ti i dati, impie­to­si. Men­tre i nuo­vi assun­ti con il con­trat­to “a tute­le spa­ri­te” stan­no sco­pren­do in ban­ca che per ave­re un mutuo con­ti­nua ad esse­re neces­sa­ria la busta paga dei geni­to­ri (o la garan­zia ipo­te­ca­ria di qual­cu­no che una casa già la pos­sie­de), la disoc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le tor­na a var­ca­re la soglia del 43%, pro­prio come a metà del­l’an­no scorso.

tab4bis
Fon­te: ISTAT

 

Data la dram­ma­ti­ci­tà del­la situa­zio­ne non si dovreb­be infie­ri­re. Ma d’al­tra par­te dovrà pure con­vin­cer­si il nostro pre­mier che alla lun­ga la sua comu­ni­ca­zio­ne arrem­ban­te e super­fi­cia­le gli sta alie­nan­do gran par­te del­le sim­pa­tie che lo ave­va­no accom­pa­gna­to al momen­to del­la “pre­sa del pote­re”. Chiu­dia­mo allo­ra con una nota­zio­ne sin­te­ti­ca sul­l’af­fer­ma­zio­ne che ha avu­to l’ar­di­re di fare nel salot­to del­la Gru­ber lo scor­so 24 apri­le (il video è in rete, la cita­zio­ne è a 28:26 ma tut­to il minu­to 28′ è dedi­ca­to al tema di que­sta nota): “l’I­STAT fa son­dag­gi (!), il dato vero è quel­lo dei 92mila nuo­vi posti di lavo­ro” (quel­li annun­cia­ti dal Mini­stro Poletti).

Ora, è gra­ve che un Mini­stro del Lavo­ro dia inter­pre­ta­zio­ni inde­bi­te su dati che dati non sono. Ma il Pre­si­den­te del Con­si­glio, alle cui diret­te dipen­den­ze lavo­ra l’I­STAT, dovreb­be cono­sce­re la dif­fe­ren­za tra un dato sta­ti­sti­co rile­va­to con una meto­do­lo­gia inter­na­zio­nal­men­te con­di­vi­sa (su un cam­pio­ne sta­ti­sti­co stra­ti­fi­ca­to, rap­pre­sen­ta­ti­vo del­la popo­la­zio­ne ita­lia­na), come è quel­lo dif­fu­so dal­l’I­STAT, e la rac­col­ta per via infor­ma­ti­ca (sen­za alcun cri­te­rio per garan­tir­ne una qual­che signi­fi­ca­ti­vi­tà) di comu­ni­ca­zio­ni amministrative.

Se si seguis­se il cri­te­rio che pen­sa Ren­zi, ad esem­pio, per misu­ra­re la ric­chez­za degli ita­lia­ni, si rico­strui­reb­be il PIL in base alle dichia­ra­zio­ni IRPEF. Inve­ce dovreb­be sape­re (per­ché dovreb­be far par­te del baga­glio di nozio­ni ele­men­ta­ri di chi rico­pre la sua posi­zio­ne) che è tut­to il con­tra­rio e che si misu­ra piut­to­sto l’e­va­sio­ne IRPEF attra­ver­so il cal­co­lo sta­ti­sti­co del PIL. O dob­bia­mo aspet­tar­ci anche da lui, pri­ma o poi, qual­che bat­tu­ta sul­la fine del­la cri­si, del gene­re di quel­la famo­sa di Ber­lu­sco­ni sui risto­ran­ti pie­ni, men­tre l’I­ta­lia spro­fon­da­va nel­la depres­sio­ne in cui ci tro­via­mo tuttora?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.