Se la sinistra fosse un giallo: intervista a De Giovanni, ospite d’onore del nostro Camp a Salerno

Intervista a Maurizio De Giovanni, per rimettere assieme tutti i pezzi del giallo che dura tra troppe stagioni politiche e che sembra non giungere mai a una conclusione.

Gial­li, noir, cal­cio. Auto­re di suc­ces­so, Mau­ri­zio De Gio­van­ni sarà ospi­te d’eccezione del Poli­ti­camp di Saler­no vener­dì sera, a par­ti­re dal­le 21. Lo abbia­mo inter­vi­sta­to per rimet­te­re assie­me tut­ti i pez­zi del gial­lo che dura tra trop­pe sta­gio­ni poli­ti­che e che sem­bra non giun­ge­re mai a una conclusione.

Caro Mau­ri­zio, la sta­gio­ne del­le lar­ghe inte­se ha con­di­zio­na­to quel­lo che vole­va esse­re il cen­tro­si­ni­stra ita­lia­no. Pri­ma Mon­ti, poi Let­ta, infi­ne Ren­zi, con la pro­mes­sa che tut­to sareb­be cam­bia­to. Se la sini­stra fos­se un gial­lo, chi sareb­be l’assassino?

Cre­do che la situa­zio­ne sia assi­mi­la­bi­le a un cold case, un vec­chio omi­ci­dio di cui assi­stia­mo alle con­se­guen­ze. Più o meno incon­sa­pe­vo­le, cre­do anco­ra che l’assassino sia sta­to Ber­lu­sco­ni: l’uomo che ha cam­bia­to le posi­zio­ni ideo­lo­gi­che che lo han­no pre­ce­du­to in due fazio­ni, pro e con­tro di lui, tese solo a vin­ce­re rinun­cian­do a qual­sia­si iden­ti­tà e valo­re poli­ti­co, sen­za alcu­no scru­po­lo e rinun­cian­do, se neces­sa­rio, alla demo­cra­zia stes­sa. Non è un caso che nes­su­no degli ulti­mi tre pre­si­den­ti del Con­si­glio sia sta­to elet­to dal popolo.

Come dice­va­mo, il pro­ta­go­ni­sta indi­scus­so di que­sta sta­gio­ne poli­ti­ca sem­bra esse­re sen­za alcun dub­bio Mat­teo Ren­zi. E’ il vero pro­ta­go­ni­sta o dob­bia­mo aspet­tar­ci un col­po di sce­na, una mos­sa che ribal­ta tut­to e ci pre­sen­ta un nuo­vo pro­ta­go­ni­sta? Da dove può nasce­re que­sto col­po di scena?

Un col­po di sce­na sareb­be auspi­ca­bi­le, se non altro per dare un’identità e una for­ma soprat­tut­to alla poli­ti­ca eco­no­mi­ca di una nazio­ne dav­ve­ro allo sban­do; pur­trop­po cre­do che il con­trol­lo asso­lu­to dell’informazione da par­te dell’attuale clas­se gover­na­ti­va lasci poco spa­zio al for­mar­si di una libe­ra opi­nio­ne, e quin­di a una vali­da pro­po­sta alter­na­ti­va. For­se pro­prio il refe­ren­dum, al qua­le lo stes­so Ren­zi ha annes­so un’enorme valen­za poli­ti­ca, può rive­lar­si uno stru­men­to di pre­sa di coscien­za popolare.

In tut­to ciò, come giu­di­chi la situa­zio­ne di tut­ti colo­ro che si dichia­ra­no di sini­stra, ma che non rie­sco­no a imma­gi­na­re una sto­ria diver­sa rispet­to a quel­la che stan­no viven­do ora?

La Sini­stra pro­pria­men­te det­ta è un valo­re che si sta facen­do di tut­to per can­cel­la­re; e inve­ce mai come ades­so ce n’è un enor­me biso­gno, per affer­ma­re valo­ri euro­pei ma ega­li­ta­ri, con atten­zio­ne alle clas­si debo­li che sono schiac­cia­te dall’economia ger­ma­no­cen­tri­ca e capi­ta­li­sti­ca, pri­va di una dia­let­ti­ca effettiva.

Sarà da un col­po di sce­na che capi­re­mo cosa ci sta anco­ra a fare la sini­stra e qual è il suo ruolo?

Ove mai esi­stes­se anco­ra, la sini­stra emer­ge­rà dall’attuale situa­zio­ne affer­man­do la pro­pria neces­si­tà. Pur­trop­po uno degli effet­ti del­la poli­ti­ca recen­te del Par­ti­to Demo­cra­ti­co è una spe­cie di son­no del­la ragio­ne, attra­ver­so un’omologazione che ha tol­to sen­so ai valo­ri fon­dan­ti del­lo stes­so par­ti­to ormai a ege­mo­nia cat­to­li­ca e tra­sfor­mi­sta, alla con­ti­nua ricer­ca di aggre­ga­zio­ni che ren­de­ran­no anco­ra più amor­fa la poli­ti­ca governativa.

Pos­si­bi­le ha rifiu­ta­to una sto­ria già scrit­ta, met­ten­do in discus­sio­ne tut­to ciò di cui pote­va dispor­re, rifiu­tan­do qual­sia­si tat­ti­ci­smo. E’ una mos­sa azzar­da­ta: è la mos­sa che può cam­bia­re le car­te in tavola?

E’ una mos­sa iden­ti­ta­ria, e quin­di neces­sa­ria. Pos­si­bi­le riem­pie un vuo­to: quel­lo di un idea­le peren­ne di sini­stra che non c’è più, ma del qua­le non c’è mai sta­to tan­to bisogno.

Se pos­sia­mo: come vote­rai al refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le? E per qua­li ragioni?

Vote­rò no, per­ché la natu­ra del­le modi­fi­che pro­po­ste con l’attuale leg­ge elet­to­ra­le pre­pa­ra il ter­re­no a una for­ma di gover­no che ha por­ta­to que­sto Pae­se sull’orlo del­la distru­zio­ne totale.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.