La sfiga non c’entra nulla, battiamoci per un’Italia più giusta

Mesi fa una mia ex com­pa­gna di clas­se del liceo ha con­di­vi­so un post su Face­book dal tito­lo: Gene­ra­zio­ne Sfi­ga. Era rife­ri­to a noi tren­ten­ni. Dice­va: “Sia­mo entra­ti all’università che sogna­va­mo il posto fis­so come mam­ma e papà, sia­mo usci­ti che non c’era più biso­gno di noi”.

Dif­fi­ci­le negar­lo. E’ vero.

Quel­lo che man­ca­va com­ple­ta­men­te era una rifles­sio­ne su cau­se e respon­sa­bi­li­tà. Avrem­mo potu­to fare qual­co­sa indi­vi­dual­men­te o col­let­ti­va­men­te per modi­fi­ca­re lo sta­to del­le cose? Il con­cet­to di sfi­ga non mi pia­ce, si appel­la all’inevitabile ed è auto asso­lu­to­rio. Mi pia­ce inve­ce il con­cet­to di giu­sti­zia.

E’ giu­sta la pro­gres­si­vi­tà fisca­le e dovrem­mo ripar­ti­re dal lavo­ro fat­to da Davi­de Sera­fin. L’Irpef fu intro­dot­ta dal gover­no del demo­cri­stia­no Rumor. Se oggi fos­se­ro anco­ra in vigo­re quel­le ali­quo­te chi pren­de 1200€  al mese paghe­reb­be il 10% di tas­se con­tro il 23%. Ma anche chi sta bene e gua­da­gna 6500€ rispar­mie­reb­be: paghe­reb­be il 32% con­tro il 43% di oggi. Inve­ce paghe­reb­be di più chi pren­de dai 100.000€ al mese in su.
Insom­ma, oggi a Rumor dareb­be­ro del bol­sce­vi­co per­ché fareb­be paga­re di meno i tan­ti e un po’ di più i pochi. Io ci ho anche pro­va­to a imma­gi­nar­me­lo col col­bac­co ma nien­te, non funziona.
E inve­ce la solu­zio­ne scel­ta in que­sti anni è sta­ta qual­che bonus a casac­cio, 80€ di qua, 500€ di là, che costa­no mol­to ma non redi­stri­bui­sco­no niente.

E’ giu­sta una tas­sa di suc­ces­sio­ne degna di que­sto nome. L’Italia oggi è un para­di­so fisca­le. E non c’è tas­sa più a favo­re dei gio­va­ni: è essen­zia­le per fare in modo che le dise­gua­glian­ze non si ripro­du­ca­no da padre a figlio. Per­ché sì, “Anche l’operaio vuo­le il figlio dot­to­re” e noi dob­bia­mo far ripar­ti­re l’ascensore socia­le.

E’ giu­sto che le mul­ti­na­zio­na­li paghi­no le tas­se. Per­ché spo­sta­re la sede fisca­le in Olan­da e in Lus­sem­bur­go signi­fi­ca toglie­re sol­di a noi, al nostro futuro.
Inve­ce la solu­zio­ne scel­ta è sta­ta di rega­la­re oltre 15 miliar­di alle impre­se con il Jobs Act che si sono tra­dot­ti in con­trat­ti pre­ca­ri, toglie­re 4 miliar­di di tas­sa sul­la casa ai ric­chi e dare 10 miliar­di alle ban­che sen­za chie­de­re nul­la a chi le gover­na­va per far­li rimet­te­re in riga. Oggi quei col­let­ti bian­chi sono sem­pre più spor­chi del­la nostra fatica.

Allo stes­so modo è giu­sto com­bat­te­re l’evasione fisca­le. Per­ché ogni anno in Ita­lia ven­go­no ruba­ti 110 mld € alle scuo­le, agli ospe­da­li, all’università alle for­ze di sicurezza.
E inve­ce la solu­zio­ne scel­ta è sta­ta innal­za­re il limi­te del con­tan­te a 3000€, per­ché insom­ma tut­ti noi dob­bia­mo poter ave­re due spic­ci in tasca.

E’ giu­sto non aver pau­ra di par­la­re di sta­to inno­va­to­re. Per cre­sce­re biso­gna fare quel­lo che gli altri non san­no anco­ra fare, cioè ser­ve inno­va­re. E si fa con gli inve­sti­men­ti pub­bli­ci e pri­va­ti e non toglien­do qual­che dirit­to che dall’alto del­la loro arro­gan­za chia­ma­no privilegio.

E’ giu­sto bat­ter­si per l’art. 18 per­ché oggi gli uni­ci che pos­so­no esse­re licen­zia­ti sen­za giu­sta cau­sa sono pro­prio i giovani!

Insom­ma dob­bia­mo inver­ti­re la rot­ta.
Il pun­to vero è che in que­sto pae­se negli ulti­mi 25 anni oltre 9 pun­ti del red­di­to nazio­na­le sono pas­sa­ti dagli sti­pen­di e dal­le pen­sio­ni ai pro­fit­ti e alle ren­di­te. Sono 150 mld. Ogni sin­go­lo anno. Sol­di pre­si dal­le tasche dei lavo­ra­to­ri e dati ai ric­chis­si­mi. E se vole­te sape­re i nomi di chi sono que­sti che si sono avvan­tag­gia­ti è faci­le: leg­ge­te le liste dei Pana­ma Papers, sono sicu­ro che qual­cu­no lo trovate.

Ora cre­do sia più chia­ro che la sfi­ga non c’entri nul­la.
Quel­lo che ser­ve sono poli­ti­che uni­ver­sa­li­sti­che per uni­re. Altri­men­ti il con­flit­to sarà sem­pre gio­va­ni con­tro vec­chi, sud con­tro nord, sta­ta­li con­tro pri­va­ti, ita­lia­ni con­tro stra­nie­ri, uomi­ni con­tro don­ne. Lascia­mo alla destra il com­pi­to di divi­de­re, noi di sini­stra dob­bia­mo uni­re le comu­ni­tà e le generazioni.

Per­ché fino ad oggi si è volu­to far cre­de­re che per miglio­ra­re le con­di­zio­ni dei gio­va­ni biso­gna­va taglia­re dirit­ti, sicu­rez­ze, risor­se, sala­ri, pen­sio­ni a chi li ave­va. Però sia­mo par­ti­ti 20 anni fa ad anda­re in que­sta dire­zio­ne e l’unica cer­tez­za è che le gio­va­ni gene­ra­zio­ni non ci han­no gua­da­gna­to nulla.

Per­ché la veri­tà è che il pro­gres­so è come la luna: se non cre­sce, cala. E lo fa per tut­ti, insieme!

Però sen­to l’obiezioni dei miei coe­ta­nei tren­ten­ni: “Ma è impos­si­bi­le inver­ti­re la rot­ta! Il mon­do va così”. In real­tà, tut­te le cose di cui stia­mo par­lan­do –com­pre­so il mer­ca­to- sono una crea­zio­ne uma­na. E in quan­to tali modificabili.
Cer­to, è dif­fi­ci­le. Ma quel­lo che da sia­mo chia­ma­ti a fare o è dif­fi­ci­le o è inu­ti­le.

Quin­di non fac­cia­mo­ci influen­za­re da chi non è capa­ce di imma­gi­na­re un mon­do diver­so. In fon­do quel­le per­so­ne ci stan­no solo dan­do pro­va del­la loro scar­sa fan­ta­sia. Non dell’impossibilità del cambiamento!

Gior­gio Maran

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.