La scuola possibile

scuola-alunni450Gio­ve­dì 9 apri­le si è tenu­to a Roma l’incontro sul Dise­gno di Leg­ge n. 2994 cono­sciu­to con il nome “La Buo­na Scuo­la”, orga­niz­za­to dall’associazione Pos­si­bi­le con Pip­po Civa­ti e i depu­ta­ti del­la VII Com­mis­sio­ne Cul­tu­ra del­la Came­ra Maria Gra­zia Roc­chi (Pd) e Gian­car­lo Gior­da­no (Sel). All’incontro sono inter­ve­nu­ti rap­pre­sen­tan­ti di asso­cia­zio­ni di stu­den­ti, di geni­to­ri, di inse­gnan­ti di ruo­lo e pre­ca­ri, e di orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li. Il con­fron­to, ser­ra­to e acce­so, ha riguar­da­to gli aspet­ti più con­tro­ver­si del DDL e ha con­tri­bui­to ad avvia­re una discus­sio­ne aper­ta e par­te­ci­pa­ta tra tut­te le com­po­nen­ti del mon­do del­la scuo­la che, a cau­sa dei tem­pi estre­ma­men­te ristret­ti impo­sti dal gover­no, fino ad oggi è mancata.

Di segui­to, le con­si­de­ra­zio­ni che sono emerse:

1) È asso­lu­ta­men­te neces­sa­rio che per le assun­zio­ni pre­vi­ste per il pros­si­mo anno sco­la­sti­co sia dispo­sto un prov­ve­di­men­to appo­si­to e sepa­ra­to da tut­to il resto. Solo pro­ce­den­do in que­sto modo è pos­si­bi­le affron­ta­re la rifles­sio­ne cul­tu­ra­le sul­la scuo­la nel­la socie­tà del­la cono­scen­za con il dovu­to appro­fon­di­men­to su tut­ti i temi. L’Art. 21 del DDL, inve­ce, reca una dele­ga al Gover­no per adot­ta­re entro 18 mesi dal­la data di entra­ta in vigo­re del­la leg­ge decre­ti legi­sla­ti­vi fina­liz­za­ti alla rifor­ma di dif­fe­ren­ti aspet­ti fon­da­men­ta­li del siste­ma sco­la­sti­co qua­li il dirit­to allo stu­dio, il reclu­ta­men­to degli inse­gnan­ti, la rifor­ma degli orga­ni collegiali.

2) La scuo­la è un bene comu­ne, un’istituzione del­lo Sta­to, dove si impa­ra cosa signi­fi­chi esse­re par­te di una comu­ni­tà e dove si vie­ne per la pri­ma vol­ta a con­tat­to con le rego­le demo­cra­ti­che. La fun­zio­ne più impor­tan­te del­la scuo­la è quel­la di ridur­re le disu­gua­glian­ze, per­met­ten­do a tut­ti il dirit­to all’istruzione e distri­buen­do le risor­se nel modo più ade­gua­to per garan­ti­re il dirit­to allo stu­dio. Que­sto tema, cen­tra­le quan­do si legi­fe­ra sul­la scuo­la, non solo non è ade­gua­ta­men­te affron­ta­to nel DDL ma addi­rit­tu­ra la scuo­la che ne vie­ne fuo­ri sem­bra esse­re più disu­gua­le di pri­ma. Misu­re come il 5 per mil­le dato dal­le fami­glie alle sin­go­le scuo­le, così come l’ingresso di finan­zia­men­ti pri­va­ti, con­di­zio­na­no ine­vi­ta­bil­men­te le scel­te didat­ti­che e lega­no for­te­men­te la dispo­ni­bi­li­tà di risor­se al con­te­sto socio-eco­no­mi­co del­la sin­go­la scuo­la. Nel con­te­sto dell’autonomia sco­la­sti­ca è inve­ce fon­da­men­ta­le che le risor­se vada­no a costi­tui­re un fon­do gesti­to a livel­lo cen­tra­le che le distri­bui­sca dove più ser­vo­no per ridur­re le dif­fe­ren­ze tra le zone più ric­che e quel­le più depres­se del Pae­se. Gli inve­sti­men­ti in istru­zio­ne e ricer­ca sono fon­da­men­ta­li per il futu­ro del Pae­se e per­tan­to non devo­no rien­tra­re nel Pat­to di Sta­bi­li­tà e arri­va­re ai livel­li medi dell’area OCSE da cui inve­ce sia­mo anco­ra trop­po lon­ta­ni. In que­sto dif­fi­ci­le con­te­sto eco­no­mi­co è incom­pren­si­bi­le desti­na­re inve­ce risor­se agli sgra­vi fisca­li per le scuo­le pari­ta­rie: la liber­tà di scel­ta del­le fami­glie sull’educazione deve esse­re garan­ti­ta sen­za one­ri per lo Sta­to, così come san­ci­to dal­la Costituzione.

3) L’autonomia sco­la­sti­ca, rima­sta incom­piu­ta dal suo avvio con il mini­stro Ber­lin­guer, è stra­vol­ta rispet­to all’idea ori­gi­na­ria non essen­do più un’autonomia del­la comu­ni­tà sco­la­sti­ca, in cui le rego­le demo­cra­ti­che tro­va­no il loro com­pi­men­to negli orga­ni col­le­gia­li, ma è inve­ce l’autonomia del diri­gen­te sco­la­sti­co su cui si con­cen­tra tut­to il pote­re deci­sio­na­le sul­le que­stio­ni didat­ti­che, orga­niz­za­ti­ve e finan­zia­rie. Tra i nuo­vi pote­ri del diri­gen­te si pre­ve­de anche quel­lo di chia­ma­re diret­ta­men­te i nuo­vi docen­ti assun­ti i cui dirit­ti sono for­te­men­te limi­ta­ti rispet­to ai docen­ti di ruo­lo già in ser­vi­zio. Que­sta visio­ne con­ce­pi­sce la scuo­la come fos­se un’azienda ed è in net­to con­tra­sto con l’idea di una scuo­la in cui la coo­pe­ra­zio­ne di tut­te le sue com­po­nen­ti per­met­te il rag­giun­gi­men­to degli obiet­ti­vi educativi.

4) Pro­ce­de­re con un decre­to sepa­ra­to per le assun­zio­ni si rive­la quan­to mai neces­sa­rio per affron­ta­re, come evi­den­zia­to nei nume­ro­si inter­ven­ti del­le asso­cia­zio­ni e dei movi­men­ti in rap­pre­sen­tan­za del­le diver­se tipo­lo­gie di pre­ca­ri, in manie­ra effi­ca­ce la situa­zio­ne attua­le, estre­ma­men­te com­ples­sa a cau­sa di pas­sa­te scel­te poli­ti­che sba­glia­te. Dopo aver prov­ve­du­to alle assun­zio­ni per il pros­si­mo anno sco­la­sti­co appa­re neces­sa­rio stu­dia­re un pia­no di più lun­go respi­ro che, con le dovu­te prio­ri­tà, dia rispo­ste com­ples­si­ve con­tem­plan­do le mol­te­pli­ci tipo­lo­gie di pre­ca­ria­to pre­sen­ti nel­la scuo­la e sia lega­to alla scel­ta di un siste­ma di reclu­ta­men­to futu­ro che sia sta­bi­le nel tempo.

5) Ci sono, inol­tre, alcu­ni temi fon­da­men­ta­li che non sono affron­ta­ti ma che meri­ta­no inve­ce uno spa­zio: la scuo­la come pri­mo luo­go di inte­gra­zio­ne e mul­ti­cul­tu­ra­li­tà, la for­ma­zio­ne con­ti­nua, il rap­por­to tra scuo­la e uni­ver­si­tà nel con­te­sto di una rifles­sio­ne più com­ples­si­va sul siste­ma di istru­zio­ne e sui cicli sco­la­sti­ci.

In con­clu­sio­ne, è sem­pre più sen­ti­ta l’esigenza di un impe­gno a dife­sa del­la scuo­la pub­bli­ca e soprat­tut­to al suo rilan­cio, indub­bia­men­te c’è la neces­si­tà di inno­va­re l’offerta for­ma­ti­va ma biso­gna far­lo garan­ten­do­ne la qua­li­tà effet­ti­va che pas­sa attra­ver­so la con­ti­nui­tà sco­la­sti­ca, il tet­to mas­si­mo di alun­ni per clas­se, l’attivazione di nuo­vi spa­zi col­le­gia­li di pro­gram­ma­zio­ne e pro­get­ta­zio­ne didattica.

È impor­tan­te tene­re pre­sen­te che l’idea di scuo­la con­te­nu­ta nel DDL è in linea con la visio­ne che il gover­no Ren­zi sta por­tan­do avan­ti per la socie­tà e coe­ren­te con le altre rifor­me. La rifor­ma costi­tu­zio­na­le, la leg­ge elet­to­ra­le, il Jobs Act, la Buo­na Scuo­la con­cor­ro­no tut­ti a ridur­re gli spa­zi di discus­sio­ne e di rap­pre­sen­tan­za e a limi­ta­re i dirit­ti dei lavo­ra­to­ri mar­gi­na­liz­zan­do il ruo­lo dei sin­da­ca­ti. Da que­sta con­sa­pe­vo­lez­za nasce l’esigenza di una rispo­sta poli­ti­ca com­ples­si­va per con­trap­por­si all’idea di una socie­tà sem­pre più ver­ti­ca­le in cui il deci­sio­ni­smo con­ta più del­la par­te­ci­pa­zio­ne e del­la democrazia.

Clau­dia Fabbri

Lore­da­na Bordieri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.