La piazza, l’opposizione, la prospettiva

In mez­zo al cam­bia­nien­te del gover­no, c’è sta­to un cam­bia­men­to. Un fat­to nuo­vo, ine­di­to, che arri­va da Cata­nia, da Mila­no, attra­ver­sa i social e, for­se, scuo­te i Palaz­zi roma­ni. Un ger­mo­glio di fine esta­te, in una gior­na­ta che non è sta­ta come tan­te altre, nono­stan­te fos­se feria­le. Per un moti­vo, poli­ti­co e cul­tu­ra­le, tutt’altro che secon­da­rio: ha visto la nasci­ta dell’opposizione, fino­ra un ogget­to miste­rio­so o al mas­si­mo un ogget­to dei desi­de­ri. Un even­to che acca­de, dav­ve­ro, dopo mesi di navi­ga­zio­ne a vista, di appel­li ina­scol­ta­ti, di spe­ran­ze disat­te­se. E la pre­oc­cu­pa­zio­ne è tan­gi­bi­le nei gior­na­li più vici­ni al sal­vi­ni­smo a 5 Stel­le: lo si com­pren­de dal ner­vo­si­smo deri­so­rio, emer­so in arti­co­li ed edi­to­ria­li, tipi­co di chi ini­zia a per­ce­pi­re un cam­bia­men­to, vero, nel­la par­te poli­ti­ca avver­sa. Non è sta­ta una pas­se­rel­la di dichia­ra­zio­ni, una sfi­la­ta di figu­ri­ne, una con­ta tra par­ti­ti: la mani­fe­sta­zio­ne di Mila­no, in par­ti­co­la­re, ha dimo­stra­to che il Pae­se non è tut­to con chi vuo­le un’Italia in sal­sa unghe­re­se. Per­ché fin dal­la not­te dei tem­pi l’umanità ten­de ad assu­me­re come model­lo una real­tà miglio­re, non una peggiore.
Insom­ma, dall’altra par­te, sul ver­san­te oppo­sto all’alleanza capeg­gia­ta dal Sal­vi­ni con il signor­sì di Di Maio e soci stel­la­ti, ci sono degli ita­lia­ni che disap­pro­va­no la Pro­pa­gan­da Con­ti­nua, la comu­ni­ca­zio­ne che sovra­sta l’azione sem­pre e comun­que, sen­za alcun riguar­do per gli ulti­mi, le per­so­ne più sfor­tu­na­te. Quel­le che paga­no la “col­pa” di esse­re nati nel­la par­te più pove­ra del pia­ne­ta. La mobi­li­ta­zio­ne di piaz­za San Babi­la ha rove­scia­to lo sche­ma tra­di­zio­na­le, fat­to di poli­ti­ci­smo e di dibat­ti­to al chiu­so di una segre­te­ria: non più, dun­que, una sini­stra che met­te insie­me le sigle, incol­la i pez­zi, ma offre una pro­spet­ti­va poli­ti­ca in cui le sigle e i sin­go­li pez­zi, asso­cia­zio­ni e movi­men­ti, si ritro­va­no sul­le visio­ni comu­ni. Sul­le “cose” da fare, in pri­mis il rispet­to dei dirit­ti uma­ni, del­la Costi­tu­zio­ne e dei valo­ri repub­bli­ca­ni, che il mini­stro dell’Interno — con il silen­zio assen­so dei col­le­ghi di gover­no — sta col­pen­do con una serie di for­za­tu­re mai cono­sciu­te dal Dopo­guer­ra a oggi. Il “prin­ci­pio atti­vo” del­la mani­fe­sta­zio­ne mila­ne­se ha cam­bia­to lo sce­na­rio: c’è sta­to un sen­ti­men­to di con­di­vi­sio­ne e di rispet­to reci­pro­co pur nel­le dif­fe­ren­ze e nel­le dif­fi­den­ze, per­ché non si può imma­gi­na­re di dire subi­to scur­dam­me­ce o’ pas­sa­to. Un incon­tro che ha fat­to bene a miglia­ia di cit­ta­di­ni: in mol­ti han­no potu­to con­sta­ta­re le asso­nan­ze con i loro vici­ni di par­ti­to. L’appuntamento ha per­mes­so di avvia­re quel pro­ces­so di supe­ra­men­to del­le dif­fi­den­ze di cui sopra.
Pos­si­bi­le, in que­sto muta­men­to, ha potu­to bene­fi­cia­re del­la sua pla­sti­ci­tà: si è posto come col­lan­te, attra­ver­so l’appello di Giu­sep­pe Civa­ti, sen­za riven­di­ca­re pater­ni­tà, né “met­te­re cap­pel­li” poli­tici. Ha chia­ma­to a rac­col­ta tut­te le ener­gie del Pae­se che non si rico­no­sco­no in Sal­vi­ni e nei suoi veri vice, Di Maio e Toni­nel­li, regi­stran­do una col­la­bo­ra­zio­ne spon­ta­nea e sin­ce­ra che ha visto ade­ri­re mili­tan­ti, sim­pa­tiz­zan­ti e comu­ni cit­ta­di­ni. Al ser­vi­zio dell’opposizione e di una pro­spet­ti­va nuo­va e con­vin­cen­te, per con­tra­sta­re ciò che c’è e supe­ra­re ciò che è sta­to. Una pro­spet­ti­va che può solo matu­ra­re se il movi­men­to di cui si sono visti i pri­mi pas­si attra­ver­se­rà il Pae­se e sarà rap­pre­sen­ta­to in Parlamento.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.