La piazza, l’opposizione, la prospettiva

In mez­zo al cam­bia­nien­te del gover­no, c’è sta­to un cam­bia­men­to. Un fat­to nuo­vo, ine­di­to, che arri­va da Cata­nia, da Mila­no, attra­ver­sa i social e, for­se, scuo­te i Palaz­zi roma­ni. Un ger­mo­glio di fine esta­te, in una gior­na­ta che non è sta­ta come tan­te altre, nono­stan­te fos­se feria­le. Per un moti­vo, poli­ti­co e cul­tu­ra­le, tutt’altro che secon­da­rio: ha visto la nasci­ta dell’opposizione, fino­ra un ogget­to miste­rio­so o al mas­si­mo un ogget­to dei desi­de­ri. Un even­to che acca­de, dav­ve­ro, dopo mesi di navi­ga­zio­ne a vista, di appel­li ina­scol­ta­ti, di spe­ran­ze disat­te­se. E la pre­oc­cu­pa­zio­ne è tan­gi­bi­le nei gior­na­li più vici­ni al sal­vi­ni­smo a 5 Stel­le: lo si com­pren­de dal ner­vo­si­smo deri­so­rio, emer­so in arti­co­li ed edi­to­ria­li, tipi­co di chi ini­zia a per­ce­pi­re un cam­bia­men­to, vero, nel­la par­te poli­ti­ca avver­sa. Non è sta­ta una pas­se­rel­la di dichia­ra­zio­ni, una sfi­la­ta di figu­ri­ne, una con­ta tra par­ti­ti: la mani­fe­sta­zio­ne di Mila­no, in par­ti­co­la­re, ha dimo­stra­to che il Pae­se non è tut­to con chi vuo­le un’Italia in sal­sa unghe­re­se. Per­ché fin dal­la not­te dei tem­pi l’umanità ten­de ad assu­me­re come model­lo una real­tà miglio­re, non una peggiore.
Insom­ma, dall’altra par­te, sul ver­san­te oppo­sto all’alleanza capeg­gia­ta dal Sal­vi­ni con il signor­sì di Di Maio e soci stel­la­ti, ci sono degli ita­lia­ni che disap­pro­va­no la Pro­pa­gan­da Con­ti­nua, la comu­ni­ca­zio­ne che sovra­sta l’azione sem­pre e comun­que, sen­za alcun riguar­do per gli ulti­mi, le per­so­ne più sfor­tu­na­te. Quel­le che paga­no la “col­pa” di esse­re nati nel­la par­te più pove­ra del pia­ne­ta. La mobi­li­ta­zio­ne di piaz­za San Babi­la ha rove­scia­to lo sche­ma tra­di­zio­na­le, fat­to di poli­ti­ci­smo e di dibat­ti­to al chiu­so di una segre­te­ria: non più, dun­que, una sini­stra che met­te insie­me le sigle, incol­la i pez­zi, ma offre una pro­spet­ti­va poli­ti­ca in cui le sigle e i sin­go­li pez­zi, asso­cia­zio­ni e movi­men­ti, si ritro­va­no sul­le visio­ni comu­ni. Sul­le “cose” da fare, in pri­mis il rispet­to dei dirit­ti uma­ni, del­la Costi­tu­zio­ne e dei valo­ri repub­bli­ca­ni, che il mini­stro dell’Interno — con il silen­zio assen­so dei col­le­ghi di gover­no — sta col­pen­do con una serie di for­za­tu­re mai cono­sciu­te dal Dopo­guer­ra a oggi. Il “prin­ci­pio atti­vo” del­la mani­fe­sta­zio­ne mila­ne­se ha cam­bia­to lo sce­na­rio: c’è sta­to un sen­ti­men­to di con­di­vi­sio­ne e di rispet­to reci­pro­co pur nel­le dif­fe­ren­ze e nel­le dif­fi­den­ze, per­ché non si può imma­gi­na­re di dire subi­to scur­dam­me­ce o’ pas­sa­to. Un incon­tro che ha fat­to bene a miglia­ia di cit­ta­di­ni: in mol­ti han­no potu­to con­sta­ta­re le asso­nan­ze con i loro vici­ni di par­ti­to. L’appuntamento ha per­mes­so di avvia­re quel pro­ces­so di supe­ra­men­to del­le dif­fi­den­ze di cui sopra.
Pos­si­bi­le, in que­sto muta­men­to, ha potu­to bene­fi­cia­re del­la sua pla­sti­ci­tà: si è posto come col­lan­te, attra­ver­so l’appello di Giu­sep­pe Civa­ti, sen­za riven­di­ca­re pater­ni­tà, né “met­te­re cap­pel­li” poli­tici. Ha chia­ma­to a rac­col­ta tut­te le ener­gie del Pae­se che non si rico­no­sco­no in Sal­vi­ni e nei suoi veri vice, Di Maio e Toni­nel­li, regi­stran­do una col­la­bo­ra­zio­ne spon­ta­nea e sin­ce­ra che ha visto ade­ri­re mili­tan­ti, sim­pa­tiz­zan­ti e comu­ni cit­ta­di­ni. Al ser­vi­zio dell’opposizione e di una pro­spet­ti­va nuo­va e con­vin­cen­te, per con­tra­sta­re ciò che c’è e supe­ra­re ciò che è sta­to. Una pro­spet­ti­va che può solo matu­ra­re se il movi­men­to di cui si sono visti i pri­mi pas­si attra­ver­se­rà il Pae­se e sarà rap­pre­sen­ta­to in Parlamento.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.