La “marcia per la dignità” per la chiusura del Centro di accoglienza/Lager di Cona

Tut­ta la nostra soli­da­rie­tà e ammi­ra­zio­ne ai 240 richie­den­ti asi­lo che, stan­chi del­le pro­mes­se non man­te­nu­te e del­le con­di­zio­ni di abban­do­no e di mise­ria in cui era­no costret­ti a vive­re al Cen­tro di acco­glien­za di Cona, l’ex-caser­ma di Conet­ta in pro­vin­cia di Vene­zia, da lune­dì 13 novem­bre han­no deci­so di pren­de­re in mano la situa­zio­ne inac­cet­ta­bi­le e dare una svol­ta alle loro vite dan­do for­ma alla “mar­cia per la dignità”.
Il cor­teo che sareb­be volu­to arri­va­re fin sot­to la Pre­fet­tu­ra di Piaz­za San Mar­co a Vene­zia, dopo appe­na 6 chi­lo­me­tri è sta­ta bloc­ca­to dal­le For­ze del­l’Or­di­ne, ma non si è lascia­to con­vin­ce­re a tor­na­re indie­tro e dopo esser­si accam­pa­to nei pres­si di Code­vi­go ha trat­ta­to con il Que­sto­re e il Pre­fet­to per solu­zio­ni alter­na­ti­ve, che pare sia­no sta­te tro­va­te in varie desti­na­zio­ni spar­se sul ter­ri­to­rio regio­na­le. Una pro­te­sta simi­le si è svol­ta anche in con­tem­po­ra­nea nel­l’ex-caser­ma, dove i cir­ca 900 migran­ti rima­sti si sono bar­ri­ca­ti nel­la strut­tu­ra incon­tran­do anche loro pre­fet­to e que­sto­re e chie­den­do anche loro la chiu­su­ra del Cen­tro di accoglienza.

Anco­ra una vol­ta gra­zie a una “for­za­tu­ra” è arri­va­ta la noti­zia che (for­se) final­men­te il cen­tro di acco­glien­za di Cona ver­rà chiu­so. Que­sto alme­no è ciò che tra­pe­la dal­le dichia­ra­zio­ni all’An­sa del Pre­fet­to di Vene­zia Bof­fi che ha det­to, appun­to, che l’o­biet­ti­vo è lavo­ra­re per la sua chiu­su­ra defi­ni­ti­va, dove attual­men­te sareb­be­ro rima­sti cir­ca 900 richie­den­ti asilo.
Un obiet­ti­vo sul qua­le è leci­to nutri­re seri dub­bi se si dà cre­di­to alle pre­ci­sa­zio­ni del Pre­fet­to che par­la di lavo­ri svol­ti nel­la strut­tu­ra ele­fan­tia­ca — di 210 mila metri qua­dra­ti, di cui 13 mila coper­ti — per un milio­ne e 628 mila euro, con 213 bagni e che negli ulti­mi mesi ha rice­vu­to 3 ispe­zio­ni dell’Asl per quan­to riguar­da i pasti, due ispe­zio­ni dell’ufficio igie­ne e altre due dei Nas, sen­za che venis­se­ro evi­den­zia­te gra­vi caren­ze o irregolarità.
Ispe­zio­ni che non han­no tenu­to con­to del­le tem­pe­ra­tu­re geli­de di un inver­no alle por­te e del fat­to che il Cen­tro di acco­glien­za acco­glie per­so­ne alle qua­li da due anni sono sta­te pro­mes­se siste­ma­zio­ni più acco­glien­ti e dignitose.

Infat­ti, è sta­to pro­prio il fred­do e la deci­sio­ne di chi gesti­sce il cen­tro di spe­gne­re le “stu­fet­te” per que­stio­ni di sicu­rez­za del­la ten­so­strut­tu­ra, a far scat­ta­re la rivol­ta dei suoi ospiti.
Le con­di­zio­ni disu­ma­ne dei migran­ti all’in­ter­no del cen­tro era­no sali­ti agli ono­ri del­la cro­na­ca a gen­na­io 2017 dopo che la mor­te di una ragaz­za ivo­ria­na di 25 anni, San­dri­ne Bakayo­ko, ave­va sca­te­na­to le pro­te­ste degli altri 1.300 ospi­ti del cen­tro. Un fat­to che mise con le spal­le al muro il Mini­stro Min­ni­ti che dispo­se un pri­mo imme­dia­to tra­sfe­ri­men­to di un cen­ti­na­io di migran­ti dal cen­tro di Cona a strut­tu­re pre­sen­ti in Emi­lia Roma­gna, con la pro­mes­sa di impe­gnar­si per la sua defi­ni­ti­va chiusura.

Ad ago­sto 2017 abbia­mo inter­ro­ga­to il Mini­stro del­l’In­ter­no per sape­re come mai, anzi­ché pro­gres­si­va­men­te svuo­tar­si, il cen­tro di acco­glien­za di Cona era arri­va­to a con­te­ne­re 1.422 migran­ti. Un nume­ro impres­sio­nan­te sti­pa­to in una strut­tu­ra sem­pre più “lager”, per la qua­le inve­ce la Asl ave­va con­ces­so l’a­gi­bi­li­tà una pri­ma vol­ta per 540 per­so­ne e, in segui­to a del­le modi­fi­che pla­ni­me­tri­che per 947. Rispon­den­do alla nostra inter­ro­ga­zio­ne, in sin­te­si, il Vice­mi­ni­stro Bub­bi­co ci con­fer­mò che le inten­zio­ni del Gover­no era­no quel­le di “archi­via­re” il ricor­so del­l’ac­co­glien­za nei gran­di cen­tri a favo­re di una stra­te­gia di acco­glien­za dif­fu­sa, soprat­tut­to con­fi­dan­do nel­la par­te­ci­pa­zio­ne degli enti ter­ri­to­ria­li. Se da par­te di que­sti non ci fos­se una suf­fi­cien­te rispo­sta neces­sa­ria alla chiu­su­ra imme­dia­ta del cen­tro, si sareb­be prov­ve­du­to a ren­de­re il più con­for­te­vo­le pos­si­bi­le la strut­tu­ra ospi­tan­te. Con­sta­tia­mo dai recen­ti avve­ni­men­ti che fino­ra non si è avve­ra­ta nes­su­na del­le due ipotesi.
Per­so­nal­men­te riten­go che l’a­zio­ne di un Gover­no che non por­ta a risul­ta­ti apprez­za­bi­li e non rie­sce a tro­va­re solu­zio­ni alter­na­ti­ve può esse­re com­pre­so e giu­sti­fi­ca­to, una, due, tre vol­te al mas­si­mo, per­ché oltre si rico­no­sce l’i­ner­zia e l’i­nef­fi­cien­za, soprat­tut­to quan­do è accom­pa­gna­ta dal­l’in­ca­pa­ci­tà di ammet­te­re le pro­prie respon­sa­bi­li­tà, Che sono enor­mi e han­no sca­te­na­to anche le rea­zio­ni di intol­le­ran­za di cit­ta­di­ni stan­chi del pres­sa­po­chi­smo e del­la casua­li­tà con cui fino­ra sono sta­ti gesti­ti i flus­si migra­to­ri e l’ac­co­glien­za sui territori.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.