La galassia dei diritti è di tutti, difendiamola

Ziggy ci fa sapere che il viaggio è andato bene e che persino “on Mars” hanno il matrimonio egualitario. Solo che loro non lo chiamano matrimonio egualitario, lo chiamano matrimonio e basta. Perché se fosse destinato solo a pochi si chiamerebbe privilegio e questo persino i marziani lo sanno.

12584157_10153890287202342_77113163_nZig­gy ci fa sape­re che il viag­gio è anda­to bene e che per­si­no “on Mars” han­no il matri­mo­nio egua­li­ta­rio. Solo che loro non lo chia­ma­no matri­mo­nio egua­li­ta­rio, lo chia­ma­no matri­mo­nio e basta. Per­ché se fos­se desti­na­to solo a pochi si chia­me­reb­be pri­vi­le­gio e que­sto per­si­no i mar­zia­ni lo san­no.

Come mar­zia­ni si scen­de­rà in piaz­za per difen­de­re quel che resta del Ddl Cirin­nà per­ché anco­ra una vol­ta biso­gna abboz­za­re e dire: meglio di nien­te. Per­ché è il peri­co­lo del nien­te che ha atti­va­to le piaz­ze, si scen­de in stra­da per difen­de­re un decre­to che per­met­te alle cop­pie omo­ses­sua­li di esse­re un po’ meno discri­mi­na­te, ma li ren­de pur sem­pre di serie B, con figli di serie B e fami­glie di serie B.

Le piaz­ze del 23 dovreb­be­ro esse­re piaz­ze dell’impegno civi­le, di una bat­ta­glia che vie­ne soprat­tut­to da chi i dirit­ti li ha già, visto che “esse­re un po’ meno discri­mi­na­ti” non può esse­re e non è un obiet­ti­vo del movi­men­to Lgbt. Esi­ste l’uguaglianza o non esi­ste, “discri­mi­na­te­ci sof­tly” non è il tema cen­tra­le di nes­su­na piat­ta­for­ma riven­di­ca­ti­va Lgbt. Il movi­men­to vuo­le il matri­mo­nio, non un accroc­chio nor­ma­ti­vo che da unio­ne civi­le si è tra­sfor­ma­to in “for­ma­zio­ne socia­le spe­ci­fi­ca” e che noi chia­me­re­mo per como­di­tà truf­fa. Per­ché le paro­le sono impor­tan­ti, più che mai in que­sta storia.

Saba­to 23 gen­na­io 2016 si scen­de in piaz­za per difen­de­re un decre­to leg­ge nato per cer­ca­re di assot­ti­glia­re le discri­mi­na­zio­ni tra i cit­ta­di­ni ita­lia­ni, ma come sap­pia­mo il Ddl è sta­to len­ta­men­te svuo­ta­to. Anche que­sti ulti­mi ama­bi­li e mar­to­ria­ti resti, stan­no per esse­re stra­vol­ti a suon di emen­da­men­ti pro­po­sti per lo più dall’ala cat­to­li­ca del Pd. Per­ché, è il caso di ricor­dar­lo, que­sto Ddl è una pro­po­sta del Pd, par­ti­to che ha sdo­ga­na­to la schi­zo­fre­nia come sti­le di vita, pri­ma, e for­ma di gover­no, poi. Il Pd non ha ade­ri­to alla mani­fe­sta­zio­ne del 23 per difen­de­re una pro­pria pro­po­sta, e gli emen­da­men­ti che pro­ba­bil­men­te affos­se­ran­no il Ddl sono tut­ti frut­ti di fuo­co amico.

L’ultimo in ordi­ne di tem­po è l’emendamento che pre­ve­de 12 anni di car­ce­re per chi “orga­niz­za” ute­ro in affit­to all’estero. Ebbe­ne ricor­dia­mo che il Ddl Cirin­nà non legi­fe­ra su ute­ro in affit­to, pra­ti­ca vie­ta­ta in Ita­lia. L’unica nor­ma che riguar­da i figli è quel­la rela­ti­va a figli già nati, già esi­sten­ti, in car­ne ossa e ginoc­chia sbuc­cia­te: la ste­p­child adop­tion, che comun­que dà ai figli adot­ta­ti dirit­ti di serie B, negan­do, ad esem­pio, la con­ti­nui­tà dell’asse ere­di­ta­rio del geni­to­re adot­ti­vo.

Poi­ché per i ben­pen­san­ti del regres­so “ste­p­child adop­tion” era trop­po dif­fi­ci­le da ripe­te­re, han­no comin­cia­to ad attac­ca­re l’utero in affit­to. Una azio­ne fuor­vian­te  avvia­ta da una fran­gia di “Se non ora quan­do” che ha dise­gna­to sce­na­ri di sfrut­ta­men­to e sopru­si tali, in meri­to alla gesta­zio­ne per altri, da far­la per­ce­pi­re come peri­co­lo immi­nen­te. Insom­ma il mes­sag­gio è ini­zia­to ad esse­re: se pas­sa la Cirin­nà si arri­va all’utero in affit­to in quat­tro e quat­tro otto.

In que­sta sto­ria mar­zia­na il par­la­re male e pen­sa­re male, vin­co­no sui fat­ti. Mai come in que­sti gior­ni si sen­te la man­can­za di una leg­ge con­tro l’omofobia. E mai come in que­sti gior­ni sem­bra rivi­ve­re il para­dos­so che si por­tò die­tro tut­to l’iter del­la man­ca­ta appro­va­zio­ne: la liber­tà di opi­nio­ne dife­sa in quel­la sede fa li paio con la liber­tà di coscien­za invo­ca­ta da Ren­zi che si è guar­da­to bene dal por­re la fiducia.

Come se legi­fe­ra­re sul­la pel­le di ita­lia­ne ed ita­lia­ni, su que­stio­ni che riguar­da­no l’assistenza di un part­ner o del figlio del part­ner in caso di malat­tia, il dirit­to di ere­di­ta­re beni e pen­sio­ne di rever­si­bi­li­tà da par­te del part­ner, il rico­no­sci­men­to dei dirit­ti dei figli di fami­glie omo­ge­ni­to­ria­li, sia­no que­stio­ni di coscien­za, non nor­ma­li que­stio­ni legi­sla­ti­ve che inci­do­no nel­la vita quo­ti­dia­na degli ita­lia­ni come il Jobs Act.

Il gio­go poli­ti­co è aiu­ta­to dal gio­co media­ti­co. Per­ché vive­re in un pae­se civi­le, noma­le per­ché nor­ma­to secon­do rego­le basi­la­ri di demo­cra­zia, pre­sup­po­ne un rac­con­to basa­to su eti­ca e deon­to­lo­gia. Paro­le desue­te, anzi, qua­si male­pa­ro­le. Il caso Sarri/Mancini ne è un gran bell’esempio: dagli all’omofobo a Sar­ri ma lascia sta­re Sal­lu­sti che dice che le unio­ni civi­li apro­no alla pedo­fi­lia. Sce­glie­re cosa rac­con­ta­re ed in che ter­mi­ni è atto poli­ti­co, e cam­bia il modo di pen­sa­re del­la gen­te. E’ dal­la comu­ni­ca­zio­ne, dai media e dai ter­mi­ni uti­liz­za­ti, che si deve riscri­ve­re la sto­ria dei dirit­ti, per non esse­re trop­po soli in que­sta galas­sia e riu­sci­re a deci­fra­re anche i mes­sag­gi from Mars, dove ugua­li vuol dire ugua­li.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?