La faccia accogliente di un’Europa che tra qualche anno si vergognerà

Ospitiamo il racconto di Giacomo Negri e Valeria Di Stefano che, durante l'estate, hanno svolto attività di volontariato presso il campo per rifugiati di Eleonas, ad Atene.

Ospi­tia­mo il rac­con­to di Gia­co­mo Negri (Comi­ta­to Pos­si­bi­le Rosa Parks di Mila­no) e Vale­ria Di Ste­fa­no che, duran­te l’e­sta­te, han­no svol­to atti­vi­tà di volon­ta­ria­to pres­so il cam­po per rifu­gia­ti di Eleo­nas, ad Atene.

 

Il cam­po di Eleonas

Eleo­nas è un cam­po rego­la­re, gesti­to dal gover­no gre­co, che sor­ge in una zona ex-indu­stria­le di Ate­ne, non lon­ta­no dal cen­tro. Lo spa­zio è divi­so in tre aree, una del­le qua­li è con­trol­la­ta dall’esercito, men­tre nel­le altre due ope­ra, tra le altre, l’associazione Pro­ject Elea. In tota­le gli abi­tan­ti del cam­po, che han­no dirit­to ad entra­re e usci­re a loro pia­ci­men­to a qual­sia­si ora, sono cir­ca 2500, di cui la metà bam­bi­ni, pro­ve­nien­ti in pre­va­len­za da Siria e Afgha­ni­stan, segui­ti da Iraq, Iran e Paki­stan, cosic­ché le lin­gue più par­la­te sono ara­bo e far­si. Le nazio­na­li­tà rap­pre­sen­ta­te sono in tota­le una tren­ti­na. Le abi­ta­zio­ni sono pre­fab­bri­ca­ti di cir­ca 20 metri qua­dra­ti, costi­tui­ti da due came­re e un bagno cen­tra­le, con fine­stre e aria con­di­zio­na­ta. In cia­scu­no di essi sono allog­gia­te dal­le sei alle dodi­ci per­so­ne, divi­se per fami­glie, quan­do pos­si­bi­le, o per genere.

 

Il cibo

Ven­go­no distri­bui­ti tre pasti al gior­no e il cibo arri­va già pron­to, divi­so in mono­por­zio­ni in con­te­ni­to­ri di pla­sti­ca. La quan­ti­tà gior­na­lie­ra di lat­te a dispo­si­zio­ne è tal­men­te esi­gua (30 litri) che si aspet­ta cir­ca una set­ti­ma­na per accu­mu­lar­ne a suf­fi­cien­za e poter­ne con­se­gna­re mez­zo litro a fami­glia. I pasti ven­go­no riti­ra­ti dagli abi­tan­ti del cam­po pres­so il pre­fab­bri­ca­to dedi­ca­to, mostran­do un con­tras­se­gno che iden­ti­fi­chi qua­le sia la loro abi­ta­zio­ne. Il pro­ble­ma prin­ci­pa­le risie­de nel fat­to che il cibo non è cer­to appe­ti­to­so e il menu è mol­to ripe­ti­ti­vo, per­ciò non sem­pre tut­te le fami­glie lo richie­do­no. La con­se­guen­za è che ogni sera si but­ta­no tra le 200 e le 400 por­zio­ni: una pesan­te con­trad­di­zio­ne di cui è faci­le sen­ti­re il bru­cio­re giran­do per Ate­ne e osser­van­do le cen­ti­na­ia e cen­ti­na­ia di per­so­ne, gre­ci com­pre­si, che vivo­no in strada.

 

I vesti­ti

Seguen­do un calen­da­rio rego­la­re, oppu­re die­tro spe­ci­fi­ca chia­ma­ta per alcu­ni casi par­ti­co­la­ri, le fami­glie ven­go­no a chie­de­re ciò di cui han­no biso­gno pres­so la caset­ta pre­fab­bri­ca­ta dedi­ca­ta e pos­so­no rice­ve­re al mas­si­mo un capo d’abbigliamento per tipo per per­so­na (una magliet­ta, un paio di pan­ta­lo­ni, un paio di cal­ze e di mutan­de e così via). C’è gen­te che ha solo i vesti­ti con cui è arri­va­ta, il che vuol dire nien­te cam­bi per set­ti­ma­ne. Tut­to quel­lo che si distri­bui­sce pro­vie­ne da dona­zio­ni, alcu­ne meri­to­rie, altre meno: anco­ra una vol­ta ci sia­mo resi con­to che rega­la­re non può voler dire svuo­ta­re il guar­da­ro­ba per disfar­si del­la fuf­fa immettibile.

 

Gli abi­tan­ti del campo

Nei mesi di luglio e ago­sto è sta­to mes­so in atto un pia­no straor­di­na­rio del gover­no gre­co per cer­ca­re di inse­ri­re a scuo­la, da set­tem­bre, quan­ti più bam­bi­ni pos­si­bi­le, per cui due­cen­to di loro han­no fre­quen­ta­to dei cor­si ad hoc. Gli adul­ti inve­ce non han­no nul­la da fare, se non arro­vel­lar­si il cer­vel­lo sul­la loro situa­zio­ne dif­fi­cil­men­te soste­ni­bi­le (una per­so­na ha ten­ta­to il sui­ci­dio nei gior­ni in cui abbia­mo lavo­ra­to ad Eleo­nas) e que­sto è uno dei pro­ble­mi più evi­den­ti. Inu­ti­le (ma for­se non per tut­ti) sot­to­li­nea­re quan­to un tele­fo­no con cui si pos­sa comu­ni­ca­re via inter­net sia fon­da­men­ta­le per fami­glie che si tro­va­no a miglia­ia e miglia­ia di chi­lo­me­tri dal­le pro­prie case e che han­no per­so tut­to. Il cel­lu­la­re diven­ta anche un depo­si­to di ricor­di da con­ser­va­re e da con­di­vi­de­re: le per­so­ne che, duran­te la nostra per­ma­nen­za al cam­po, ci han­no gene­ro­sa­men­te ospi­ta­to per un tè con frut­ta o dol­ci spes­so mostra­va­no con un misto di orgo­glio e malin­co­nia le foto del­le case che han­no abban­do­na­to o dei paren­ti e degli ami­ci da cui si sono sepa­ra­te. Nel cam­po abbia­mo cono­sciu­to un’umanità dal­le mil­le sfac­cet­ta­tu­re, con in comu­ne il fat­to che rischia­re la pro­pria vita e quel­la dei pro­pri figli nel deser­to, in mare, con i traf­fi­can­ti di uomi­ni, signi­fi­ca aver avu­to del­le vali­de motivazioni.

 

Ate­ne e i profughi

La cit­tà, un po’ svuo­ta­ta dal­le ferie d’agosto, appa­re al col­las­so per quan­to riguar­da l’accoglienza di migran­ti e rifu­gia­ti: il popo­lo gre­co sta facen­do uno sfor­zo di gene­ro­si­tà non indif­fe­ren­te, ma la situa­zio­ne sem­bra poter pre­ci­pi­ta­re da un gior­no all’altro. Nono­stan­te que­sto ci è capi­ta­to di assi­ste­re a nume­ro­si epi­so­di di empa­tia e di inte­gra­zio­ne. In par­ti­co­la­re un vener­dì sera, in piaz­za Exar­chia, dei ragaz­zi Siria­ni e Afgha­ni, ospi­ta­ti all’interno di case occu­pa­te del­la zona, han­no comin­cia­to a met­te­re su musi­ca e a bal­la­re: nel giro di un’oretta cen­ti­na­ia di uomi­ni e don­ne di tut­te le nazio­na­li­tà, gre­ci com­pre­si, suo­na­va­no e si sca­te­na­va­no al rit­mo di bra­ni medio­rien­ta­li. A mez­za­not­te e mez­za è fini­to tut­to, per non distur­ba­re trop­po gli abi­tan­ti del­la piaz­za. È sta­ta una paren­te­si feli­ce, vela­ta da un otti­mi­smo qua­si sognan­te, in una real­tà in cui è dav­ve­ro com­pli­ca­to non lasciar­si anda­re al pes­si­mi­smo più nero. Vor­rem­mo infi­ne segna­la­re una real­tà di acco­glien­za non uffi­cia­le degna di nota: l’Hotel City Pla­za, chiu­so da lun­go tem­po e occu­pa­to da apri­le, acco­glie 400 per­so­ne, tra cui 180 bam­bi­ni, ed è gesti­to soprat­tut­to da volon­ta­ri gre­ci attra­ver­so rego­le chia­re e pre­ci­se, con la col­la­bo­ra­zio­ne degli ospi­ti per quan­to riguar­da le puli­zie e la cucina.

 

Bre­ve riflessione

Un’esperienza di volon­ta­ria­to del gene­re, è dura ammet­ter­lo, nono­stan­te arric­chi­sca un poco chi la vive, non ser­ve pra­ti­ca­men­te a nul­la se diven­ta una scu­sa per lavar­si la coscien­za e lascia­re che nul­la cam­bi: la nostra uti­li­tà al cam­po si è limi­ta­ta al fat­to di far sen­ti­re lie­ve­men­te meno sole e abban­do­na­te per­so­ne che chie­do­no uni­ca­men­te di esse­re trat­ta­te con la digni­tà che si deve agli esse­ri uma­ni, e for­se nem­me­no a quel­lo. Tra­la­scian­do il fat­to che noi, quan­do voglia­mo, ce ne tor­nia­mo alla nostra vita di pri­vi­le­gia­ti, men­tre loro riman­go­no intrap­po­la­ti nel­la mise­ria del­la loro con­di­zio­ne. I volon­ta­ri sono la fac­cia “acco­glien­te” di un’Europa che tra qual­che deci­na di anni si ver­go­gne­rà di que­sta orri­bi­le pagi­na di sto­ria e, per non esse­re con­si­de­ra­ti una sem­pli­ce mano di ver­ni­ce che copre le brut­tu­re di un muro in rovi­na, non ci resta che lot­ta­re poli­ti­ca­men­te nei nostri rispet­ti­vi pae­si per­ché a que­ste per­so­ne ven­ga­no garan­ti­ti i nostri stes­si dirit­ti, tenen­do pre­sen­te che la loro con­di­zio­ne è fra­gi­lis­si­ma. E no, que­sto non esclu­de di com­bat­te­re allo stes­so tem­po tut­te le altre disu­gua­glian­ze che inqui­na­no la nostra socie­tà.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.